Le strategie sostenibili

Il piano d'azione nazionale (PAN) nel ambito del obiettivo prioritario della difesa a basso apporto di prodotti fitosanitari prevede la riduzione del rischio, per l’ambiente, gli operatori, i consumatori, i residenti e gli astanti, tre strategie di fitosanitarie sostenibili:

La difesa fitosanitaria obbligatoria

La difesa integrata obbligatoria viene consentita come uno standard minimo che deve essere applicato da tutti gli utilizzatori professionali di prodotti fitosanitari. Devono essere applicati i principi della buona prassi agraria e le tecniche agronomiche per la diminuzione del uso di prodotti fitosanitari.

Gli utilizzatori professionali di prodotti fitosanitari devono essere in conoscenza, predisporre direttamente o al minimo avere accesso a:

  1. Sviluppo delle patologie e sistemi preventivi di monitoraggio di patologie come dati meteorologici e bollettini sulla difesa integrata per le colture principali
  2. Applicazione di sistemi di controllo biologici
  3. Favorire l'uso di prodotti fitosanitari con minor rischio per la salute umana e l'ambiente

Il ministero ha pubblicato una guida per l’applicazione dei principi generali della difesa integrata obbligatoria. Vai alla guida

Bollettini di difesa integrata per le principali colture

I bollettini per le colture principali della Provincia vengono pubblicati periodicamente e messi a diposizione del Südtiroler Beratungsring per la frutti e viticoltura

Per accedere al sito con i bollettini di difesa integrata, clicca qui (link esterno)

La difesa fitosanitaria volontaria

La difesa fitosanitaria volontaria contiene, oltre alle disposizioni per la difesa obbligatoria, una serie di norme tecniche, le quali vengono realizzati con specifiche norme tecniche per ogni coltura che contengono apposite disposizioni in materia fitosanitaria.

Principali presupposti:

  • obbligo di seguire tecniche agronomiche predisposte
  • limitazione nella scelta di prodotti fitosanitari (usabili solo i principi attivi delle norme tecniche provinciali)
  • limitazione delle applicazioni die principi attivi delle norme tecniche provinciali

Il disciplinare AGRIOS

Il gruppo per la produzione integrata del Alto Adige (AGRIOS) é stato incaricato per la gestione della produzione integrate a livello provinciale, per questo la difesa fitosanitaria volontaria corrisponde alla partecipazione al programma AGRIOS. I disciplinari AGRIOS vengono annualmente elaborate e attualizzate a secondo le normative in vigore.

L'agricoltura biologica

I regolamenti europei definiscono l'agricoltura biologica come un "sistema globale" che si basa sull'interazione tra le migliori pratiche ambientali, un alto livello di biodiversità, la salvaguardia delle risorse naturali, l'applicazione di criteri rigorosi in materia di benessere degli animali, in grado di ottenere così prodotti che rispondono alla domanda di maggiore qualità e garanzia a lungo termine espressa dai consumatori.

L'obiettivo principale dell'agricoltura biologica, così come sancito dall'Unione Europea, è stabilire un sistema di gestione sostenibile per l'agricoltura che:

  • rispetti i sistemi e i cicli naturali e mantenga e migliori la salute dei suoli, delle acque, delle piante e degli animali e l'equilibrio tra di essi;
  • assicuri un impiego responsabile dell'energia e delle risorse naturali come l'acqua, il suolo, la materia organica e l'aria;
  • rispetti criteri rigorosi in materia di benessere degli animali, soddisfacendo le loro specifiche esigenze comportamentali.

La produzione biologica, continua il regolamento europeo, mira a produrre un'ampia varietà di alimenti di alta qualità con procedimenti che non danneggino l'ambiente, la salute umana, la salute dei vegetali, la salute e il benessere degli animali.

Non si utilizzano fertilizzanti chimici di sintesi, ma si mantengono e potenziano la vita e la fertilità naturale del suolo con opportune pratiche agricole (rotazione e consociazione delle colture, sovesci, fertilizzazione con sostanza organica).

Per ulteriori informazioni sull'agricoltura biologica clicca qui (link esterno)