Agriturismo - classificazione delle aziende agrituristiche

Agriturismo - classificazione delle aziende agrituristiche
Agriturismo

Tutti gli agricoltori, che affittano appartamenti o camere nell’ambito dell’agriturismo, hanno l’obbligo di far classificare la propria azienda. L’ufficio edilizia rurale è addetto alla classificazione. Le aziende agrituristiche con attività di alloggiamento ospiti, vengono classificate con un punteggio da 1 a 5 fiori.

Per ogni azienda viene compilato sul posto un catalogo dei criteri, che è suddiviso in 3 categorie (azienda, arredamento e servizio). La valutazione di ogni categoria avviene in base al raggiungimento di un determinato punteggio. Sulla base dei risultati per categoria  si calcola la classificazione dell’azienda. Si tiene anche conto, controllandoli durante la classificazione, di alcuni criteri imprescindibili (requisiti minimi). Questi potrebbero incidere sulla classificazione.

La classificazione si distingue in 3 tipologie: “affitto di camere” (prevalentemente con colazione), “affitto di appartamenti” e “azienda mista”.

Ogni azienda agrituristica deve al piú tardi entro un anno dall’inizio dell’attività di alloggiamento ospiti, e cioè dalla dichiarazione  di inizio attività all’ufficio licenze del comune di residenza,  presentare la domanda di classificazione presso l’ufficio edilizia rurale (vedi modelli scaricabili).

Le aziende che dopo una precedente classificazione ritengono di essersi migliorate qualitativamente, possono richiedere volontariamente una nuova classificazione. La nuova classificazione può avvenire solo se sono trascorsi almeno 6 mesi dalla classificazione precedente.

Per garantire uno standard qualitativo adeguato, l’amministrazione procede a svolgere annualmente un controllo a campione sul 6% delle aziende agrituristiche.