Il maso avito (Erbhof)

Il maso avito (Erbhof)
Maso Wassermann - Selva dei Molini

L'attribuzione "maso avito" (Erbhof) onora quelle famiglie che da almeno 200 anni, e quindi per numerose generazioni, sono rimaste nel maso per via ereditaria diretta.

Presupposti

  • Deve trattarsi di un maso chiuso.
  • Il proprietario deve abitare nel maso e coltivarlo.
  • Il maso deve essere rimasto per almeno 200 anni e senza interruzioni sempre in possesso della stessa famiglia in via diretta o in linea collaterale fino al 2° grado e trasmesso in via ereditaria o per compravendita tra vivi.

Procedimento

La domanda va presentata, corredata di marca da bollo da 16 € all'Ufficio proprietà coltivatrice, via Brennero 6, 39100 Bolzano.
Alla domanda devono essere allegati i seguenti documenti:

  • estratto tavolare compilato a mano con il foglio B cronologico, dal quale è desumibile la situazione proprietaria sin dall'atto di impianto del Libro fondiario. La successione ereditaria prima dell'apertura del libro fondiario (ca. 1900) è desumibile dalle raccolte documentali depositate presso l'archivio provinciale;
  • eventuali documenti utili a dimostrare il possesso per 200 anni da parte della stessa famiglia;
  • copia della carta d'identità valida.

Per fare domanda cliccare qui (link esterno)

Assegnazione

L'attribuzione della denominazione „maso avito“ avviene con decreto dell'Assessore provinciale per l'agricoltura. Lo stesso Assessore provvede alla consegna ufficiale del certificato di „maso avito“ e dell'insegna del maso che avviene normalmente in occasione delle riunioni circondariali dell'Unione agricoltori e Coltivatori diretti.

Disposizione legislativa

Legge provinciale 26 marzo 1982, n. 10

 

Attestato maso avitoAttestato maso avito
Targa maso avitoTarga maso avito