Aiuto per il primo insediamento di giovani agricoltori

Un servizio dell'amministrazione provinciale dell'Alto Adige

Descrizione generale

L’aiuto viene concesso a giovani agricoltori che si insediano per la prima volta in un'azienda agricola. L’insediamento avviene attraverso l’assunzione da parte di una persona fisica della responsabilità civile e fiscale della gestione in qualità di titolare di una azienda agricola per la durata minima di dieci anni, disponendo dei terreni per tutto il periodo d’obbligo. Il primo insediamento si realizza con l’apertura della posizione IVA, che allo stesso modo della firma del relativo contratto d’acquisto o d’affitto oppure in caso di successione ereditaria del rilascio o della revoca del certificato di successione ereditaria, deve avvenire prima della presentazione della domanda.

Requisiti soggettivi

1)   Al momento della proposizione della domanda il richiedente deve avere un’età inferiore ai 40 anni;

2)   Il richiedente deve essere una persona fisica. Vengono prese in considerazione solo quei tipi di aziende che sono gestite in forma individuale;

3)   Il richiedente deve possedere un’adeguata qualifica professionale consistente alternativamente in:

a)   un titolo di studio;

b)   un’attestazione della partecipazione a corsi di formazione professionale ad indirizzo agrario;

c)   una prova sull’esperienza lavorativa triennale nel settore agricolo già acquisita al momento dell’insediamento;

4)   Il richiedente deve avere al momento della presentazione della domanda un reddito da lavoro extra agricolo inferiore al doppio del reddito annuo di riferimento dell’operaio agricolo specializzato super, di cui al contratto collettivo nazionale di lavoro per gli operai agricoli e florovivaisti;

5)   Il richiedente deve assolvere i requisiti di agricoltore in attività al massimo entro 18 mesi dall’insediamento;

6)   Il richiedente non deve avere un ordine di recupero pendente a seguito di una precedente decisione della Commissione che dichiara gli aiuti illegittimi e incompatibili con il mercato interno;

7)   I giovani agricoltori che si insediano in un’azienda agricola florovivaistica con superfici dedicate alla coltivazione devono anche essere iscritti nell’elenco professionale di categoria.

Requisiti oggettivi

1)   Il richiedente deve assumere l’azienda agricola al 100% in piena proprietà od in affitto e condurla sotto la propria responsabilità civile e fiscale. L’azienda neoassunta deve essere costituita in maso chiuso;

2)   L’azienda deve essere ubicata nella Provincia autonoma di Bolzano;

3)   L’azienda agricola deve avere una produzione standard determinata a norma della tabella dell’Istituto Nazionale di Economia Agraria - produzioni standard PS - 2007 – Alto Adige entro € 3.500,00 e fino a 10.000,00;

4)   Il richiedente deve detenere una propria posizione IVA nel settore agricolo, aperta da non più di 12 mesi dalla data di presentazione della domanda;

5)   Il richiedente deve insediarsi per la prima volta in un’azienda agricola come capo d’azienda;

6)   L’azienda agricola deve avere un fatturato annuo e/o un totale di bilancio annuo non superiore a € 2 mio;

7)   Non deve trattarsi di un’”impresa in difficoltà” ai sensi dell’art. 2, punto 14, del regolamento (UE) n. 702/2014;

8)   Contemporaneamente alla domanda di aiuto deve essere presentato un piano aziendale per lo sviluppo dell’attività agricola ed il contratto comprovante il primo insediamento oppure il certificato di eredità.

Casi di esclusione

Sono esclusi dal premio:

1)   i giovani agricoltori, che assumono un’azienda che in precedenza era stata condotta da un imprenditore agricolo che al momento del trasferimento abbia un’età inferiore ai 50 anni e che abbia già beneficiato del contributo;

2)   le società e le persone fisiche che richiedono il premio in qualità di soci;

3)   i giovani agricoltori che non presentano la domanda entro il periodo di accettazione delle domande tra il 1° gennaio ed il 31 luglio. Sono infine esclusi i giovani agricoltori e agricoltrici che, al momento della presentazione della domanda, siano titolari di partita IVA in agricoltura da più di 12 mesi.

Obblighi e impegni

1)   Il giovane agricoltore deve insediarsi in qualità di capo dell’azienda e condurre l’azienda agricola per una durata minima di 10 anni, disponendo dei terreni per tutto il periodo d’obbligo;

2)   Di non avere richiesto in passato né di intendere a chiedere in futuro un aiuto per finalità analoga;

3)   Di osservare gli obblighi assunti nel piano aziendale e di iniziare la realizzazione delle misure od investimenti ivi indicati entro 9 mesi dalla decisione di concessione del premio e di ultimare la realizzazione entro tre interi anni solari consecutivi dalla decisione di concessione del premio nonché di comunicare l’inizio e l’ultimazione per iscritto;

4)   Entro 18 mesi dall’insediamento devono essere assolti i requisiti dell’agricoltore in attività ai sensi dell’art. 9 del regolamento (UE) n. 1307/2013;

5)   Entro il triennio dalla data della decisione di concessione del premio deve essere conseguita un’adeguata qualifica professionale in forma di titoli di studio o attestati  della partecipazione con esito positivo a corsI di formazione professionale ad indirizzo agrario, se non già posseduta al momento della presentazione della domanda;

6)   Il giovane agricoltore deve partecipare alla consulenza aziendale;

7)   In caso di aziende agricole ad indirizzo zootecnico deve essere osservato il carico di bestiame minimo e massimo;

8)   In caso di aziende agricole ad indirizzo non zootecnico devono essere osservate le disposizioni riguardanti le sostanze attive autorizzate ad essere utilizzate nei prodotti fitosanitari.

Documentazione da presentare al momento della proposizione della domanda:

1)   la domanda d’aiuto;

2)   il piano aziendale;

3)   il titolo (contratto d’acquisto o d’affitto) comprovante l’avvenuto insediamento;

4)   il documento d’identità del richiedente in corso di validità.

Documentazione richiesta prima della selezione:

1)   il modulo “A” identificativo dei beni aziendali immobili qualora questi beni non risultino dal fascicolo aziendale;

2)   il documento comprovante l’adeguata qualifica professionale;

3)   qualora il richiedente consegua redditi da lavoro extra agricolo dovrà essere prodotta anche la documentazione fiscale.

Documentazione da presentare entro 9 mesi dalla decisione di concessione del premio:

1)   il modello comunicazione inizio attuazione piano aziendale;

Documentazione da presentare entro 3 anni dalla decisione di concessione del premio:

1)   il titolo di studio o l’attestato di partecipazione con esito positivo al corso di formazione professionale ad indirizzo agrario qualora si fosse obbligato a conseguire tale qualifica professionale entro tale termine;

2)     l’attestato della partecipazione al servizio di consulenza aziendale.

Documentazione da presentare entro 3 interi anni solari consecutivi dalla decisione di concessione del premio:

1)   il modello comunicazione attuazione piano aziendale e domanda pagamento 2. rata.

I pagamenti effettuati dai beneficiari sono comprovati con fatture e quietanze od altre prove equivalenti, consistenti per es. in una fotodocumentazione o documentazione tecnica del progetto realizzato, ecc. Non si richiede una rendicontazione contabile delle spese. La completa e corretta attuazione del piano aziendale è verificata con controlli in azienda.

(Ultimo aggiornamento del servizio: 08/06/2017)

Ente competente

31.3. Ufficio Proprietà coltivatrice
Palazzo 6, via Brennero 6, 39100 Bolzano
Telefono: 0471 41 50 16
Fax: 0471 41 50 39
E-mail: proprieta.coltivatrice@provincia.bz.it
PEC: lweigentum.agriproprieta@pec.prov.bz.it
Website: http://www.provincia.bz.it/agricoltura/

Scadenze

Le domande d’aiuto devono essere presentate nel periodo intercorrente tra il 1° gennaio ed il 31 luglio di ciascun anno. Coloro che si insediano in un momento successivo al 31 luglio, devono presentare la domanda nel periodo intercorrente tra il 1° gennaio e il 31 luglio dell’anno susseguente rispettando il limite massimo di 12 mesi dall’apertura della propria posizione IVA in campo agricolo.