Boschi, sostenibilità e tutela dell'ambiente

Boschi, sostenibilità  e tutela dell'ambiente

L'Agenzia amministra una superficie boscata di ca. 5000 ha. I boschi PEFC-certificati sono gestiti nel rispetto della natura e secondo le severe linee guida della sostenibilità.

Sul versante nord del Latemar si trova una delle foreste di abete rosso più belle delle Alpi. Già nel XVI secolo, il legno di questi luoghi era molto conosciuto. Anche oggi il legname del Latemar è molto apprezzato per la sua fibra eccezionale. Una particolarità di questa foresta è la presenza di legno di risonanza impiegato nella costruzione di strumenti musicali.

Il complesso boschivo di Funes è il più esteso dell'Agenzia. In esso cresce non solo abete rosso, ma anche ottimo legno di cirmolo e larice, cosí come nelle foreste demaniali di Solda e Moso in Passiria. Il bosco di cirmolo più alto delle Alpi Orientali sul “Tristennöckl” sopra il paese di Riva di Tures fa parte dei boschi demaniali di Aica.

Il legno abbattuto viene lavorato nella Segheria provinciale del Latemar. Le distanze di trasporto sono corte, il bilancio ecologico è ottimo.

 

 

Certificazioni

Dal 2005 i boschi dell’Agenzia sono certificati con il sistema PEFC. PEFC sta per “Programme for the Endorsement of Forest Certification Schemes” e  garantisce che i boschi sono gestiti in maniera sostenibile, senza l’ impiego di veleni né organismi geneticamente modificati, e che fauna, flora, biodiversità ed anche  le regole di sicurezza sul lavoro vengono rispettate.

pefc logo

 

Linea guida tutela dell'ambiente

Steinkauz

Gestire i boschi in maniera sostenibile fa sí che gli importanti ecosistemi naturali possano essere mantenuti senza grandi sconvolgimenti. I boschi dell’azienda sono gestiti in modo tale da preservare l’intera flora e fauna, nonché terreni e risorse idriche.

Insektenhotel

La funzione di habitat, per la gestione delle foreste, ha un ruolo molto importante. Si cerca di mantenere le strutture boschive più naturali possibili, si riproducono superfici libere, il legno morto o marcescente e “alberi da nido” vengono lasciati nel bosco. Si introducono nidi artificiali per uccelli, pipistrelli e anche “case per insetti”, tutto ciò per favorire la biodiversità.

Wolke

L’Azienda non utilizza prodotti chimici e/o antiparassitari nel bosco. Anche durante le fasi di taglio ed esbosco del legname si utilizza un combustibile privo di piombo, benzolo, aromi e zolfo. In questo modo si salvaguardia sia la salute dell’uomo, riducendo il contatto con i gas di scarico nocivi, sia l’ambiente.

Holzbringung

Nella segheria del Latemar viene lavorato unicamente il legname proveniente dalle foreste demaniali. In questo modo si riducono le distanze di trasporto, anche a vantaggio dell’ambiente.Per il principio delle filiere corte la scuola forestale Latemar ha optato per l’acquisto di generi alimentari locali e regionali, cercando di cucinare il più possibile in casa, evitando così l’utilizzo di cibi “pronti”.

Sonnenlicht

L’impianto di essiccazione presso la segheria, la scuola forestale Latemar nonché quasi tutte le stazioni forestali demaniali e il vivaio forestale di Aica vengono riscaldati utilizzando il cippato, proveniente dalle nostre foreste. L’uso del combustibile legno fa sì che non aumenti l’effetto serra, visto che il legno è neutrale per la CO2. Nel vivaio di Aica sono in funzione anche dei pannelli solari e nel nuovo poligono di tiro a Merano è stata progettata l’installazione di un impianto fotovoltaico.Le cosiddette „Frane Al Gallo“ sono un territorio in Val Passiria idrolgeologicamente molto instabile, dove per stabilizzare il suolo e limitare le frane bisogna captare le acque superficiali tramite drenaggi. Dal 2010 sfruttando l’acqua drenata e convogliata si è iniziato a ricavare energia pulita e rinnovabile. Si sono messe in funzione due piccole centrali idroelettriche che producono corrente elettrica per ca. 210kWh.

Holzbau

La scuola forestale Latemar é stata costruita utilizzando legname proveniente dai boschi demaniali. Utilizzando il legno, come materia nella costruzione, si riduce costantemente l’emissione di anidride carbonica nell’atmosfera, uno dei principali gas responsabili dell’effetto serra e dell’innalzamento della temperatura del nostro pianeta. Questo è un contributo importante per la riduzione dell’effetto serra e dell’inquinamento.La scuola ha ottenuto anche il certificato energetico CasaClima B, che garantisce un’efficienza energetica ed una qualità costruttiva sostenibile.