Orario di lavoro, timbratura, straordinari e missioni

Orario di lavoro, timbratura, straordinari e missioni

Orario di lavoro

Orario di lavoro del personale a tempo pieno

L’orario di lavoro settimanale dei dipendenti a tempo pieno ammonta a 38 ore. Affinché l’orario di lavoro possa essere gestito in modo flessibile (solo in caso di rilevamento elettronico delle presenze); sono state introdotte fasce obbligatorie e fasce flessibili: durante la fascia obbligatoria è richiesta la presenza in servizio grazie all’orario flessibile è possibile determinare autonomamente l’inizio e il termine della giornata lavorativa, tenendo conto delle esigenze di servizio. Gli impiegati a tempo pieno hanno un orario di lavoro giornaliero medio di 7:36 ore. A fine mese il saldo dell’orario flessibile (ossia il monte ore passivo o attivo) può ammontare a un massimo di +/- 8 ore.

Fascia obbligatoria

Ore 8.45 - 12.15 e ore 14.30 - 16.15

Orario flessibile

  • Ore 7.30 - 8.45; ore 12.15 - 14.30; ore 16:15 - 18.00
  • Ore 12.15 - 14.30
  • Ore 16.15 - 18.00

Forme di part-time

Il rapporto di lavoro a tempo parziale consentito nelle seguenti forme:

  • un orario di lavoro settimanale di 19 orecorrispondente ad un orario di lavoro giornaliero medio di 3:48 orei;
  • un orario di lavoro settimanale di 23 orecorrispondente ad un orario di lavoro giornaliero medio di 4:36 ore;
  • un orario di lavoro settimanale di 28 orecorrispondente ad un orario di lavoro giornaliero medio di 5:36 ore;
  • un orario di lavoro settimanale di 33 orecorrispondente ad un orario di lavoro giornaliero medio di 6:36 ore;
  • un particolare orario di lavoro settimanale per la copertura di posti a tempo parziale gi predeterminati per esigenze organizzative del rispettivo servizio

Articolazione dell'orario in senso orizzontale, verticale o misto, da determinarsi per iscritto dal superiore competente previo confronto con il personale interessato nel rispetto delle esigenze di servizio, delle fasce flessibili ed obbligatorie (di cui sopra) e di eventuali esigenze particolari del personale. La fascia obbligatoria può essere ridotta.In considerazione delle esigenze del servizio e delle esigenze del personale l’orario di lavoro a tempo parziale distribuito in senso orizzontale, verticale nonché a periodi settimanali, mensili o plurimensili alternati, da concordarsi per iscritto con il dirigente preposto.

Pausa caffè, pausa pranzo, assenze per motivi personali, visite mediche

Il dipendente ha diritto ad una pausa caffè di 15 minuti al giorno.

La pausa pranzo dev'essere effettuata tra le ore 12:15 e le 14:30. La pausa deve durare almeno mezz’ora e sarà detratta dal monte ore in ogni caso

Agli impiegati può essere concesso di allontanarsi dal posto di lavoro per motivi personali durante la fascia vincolante fino ad un massimo di 36 ore per anno lavorativo. Tali assenze devono essere recuperate.

Di regola la visita medica è da effettuarsi al di fuori dell'orario di lavoro. In presenza di valide ragioni il competente dirigente autorizza in tutto o in parte, con successiva giustificazione da parte del dipendente, la fruizione della visita medica anche durante l'ordinario orario di lavoro.

Timbratura

Se nella sede di lavoro è presente un apposito terminale di timbratura, all’entrata in servizio a ogni dipendente viene consegnato un cartellino. Al fine di determinare l’orario di lavoro effettivo, tutte le entrate e uscite dall’edificio sede di servizio devono essere timbrate.

Le assenze per motivi particolari (pausa caffè, uscita per motivi di servizio, missione, assenza breve) devono essere segnalate mediante l’immissione, prima della timbratura, del relativo codice presente sui terminali di timbratura. I singoli tasti sono spiegati anche sul terminale di timbratura.

Nel caso la propria sede di servizio non sia dotata di un terminale di timbratura le entrate e uscite devono essere segnalate, con indicazione del relativo orario, in un’apposita lista di presenza. Quì può scaricare "Le indicazioni per la timbratura (quando, come, dove, cosa?)".

Inoltre determinate assenze e correzioni possono essere richieste digitalmente. Esse vengono inoltrate tramite un flusso di approvazione, elaborate e successivamente inserite automaticamente nel sistema di rilevamento presenze. Le relative richieste devono essere effettuate prima dell'assenza o il più tardi nel primo giorno dopo il ritorno al posto di lavoro.

Il riepilogo mensile contenente tutte le timbrature e annotazioni del mese, deve essere controllato da ogni dipendente ed eventualmente corretto o integrato con ulteriori annotazioni. Quì può scaricare le "Istruzioni per la lettura del riepilogo mensile".

Straordinari

Le ore straordinarie vanno autorizzate - per particolari esigenze di servizio - dal diretto superiore. Tuttavia, il totale annuo può ammontare a non più di 180 ore – salvo particolari eccezioni.
A seconda degli accordi le ore di lavoro straordinario possono essere retribuite su richiesta oppure recuperate. Il personale a tempo parziale può chiedere solamente il recupero delle ore.

Missioni

Alcuni lavori possono essere svolti solo al di fuori della propria sede di servizio e in alcuni casi è persino necessario fare le valigie; le missioni (i viaggi di lavoro) devono essere ordinate o autorizzate dal proprio superiore.

In caso di missione

  • in Alto Adige è necessaria l’autorizzazione del diretto superiore,
  • all’interno del territorio nazionale è necessaria l’autorizzazione del direttore di ripartizione,
  • all’estero è necessaria l’autorizzazione del membro della Giunta provinciale competente o del direttore incaricato.

Se una missione viene effettuata senza autorizzazione, il dipendente non solo non ha diritto all’indennità di missione, ma perde anche la copertura assicurativa in caso di incidente e può incorrere in un provvedimento disciplinare per assenza ingiustificata dal servizio.

Indennità di missione

Per le missioni vengono rimborsate le spese di viaggio e di vitto e alloggio.

Approfondimenti