Partecipazione obbligatoria con rimborso totale delle spese

Se la partecipazione al corso è dichiarata obbligatoria da parte del/la dirigente competente, l'Amministrazione provinciale si assume l'onere del pagamento della quota di partecipazione e delle altre spese in base alle vigenti norme sul trattamento di missione del personale provinciale. La partecipazione obbligatoria deve essere adeguatamente ben motivata dal superiore preposto; dovranno pertanto essere forniti presupposti che giustifichino l'assunzione da parte dell'Amministrazione provinciale delle spese per la partecipazione obbligatoria.
L'obbligo della partecipazione è stabilito dal/dalla superiore competente, quindi:

  • per corsi di formazione e d'aggiornamento nell'ambito del territorio provinciale, dal/la diretto/a superiore;
  • per corsi che si svolgono in località ubicate nel territorio nazionale, escluso quello provinciale, dal/la direttore/trice di ripartizione;
  • per corsi che si svolgono in località ubicate all'estero, dall'Assessore/a competente

La motivazione dell’obbligatorietà viene esaminata dall’unità organizzativa competente; nel caso le motivazioni addotte per la partecipazione obbligatoria non vengano ritenute sufficienti, il/la dipendente interessato/a verrà informata in tempo utile.

In base all’art. 95 comma 6 del contratto collettivo intercompartimentale del 12.02.2008 è stabilito che:

"In caso di un'attività di formazione e d'aggiornamento comportante per l’Amministrazione presunti costi aggiuntivi superiori ad Euro 4.000,00 nel corso dell'anno solare, la partecipazione può essere subordinata all'impegno del personale di rispettare un periodo di permanenza presso l’Amministrazione, tenuto conto dei presunti costi complessivi della relativa attività di formazione. Tale periodo non può in ogni caso superare i tre anni. In caso di mancato rispetto del relativo periodo il personale deve corrispondere all’Amministrazione un'indennità sostitutiva proporzionata al periodo di permanenza non rispettato nonché al costo complessivo sostenuto dall’Amministrazione per la relativa formazione. Il periodo di permanenza nonché l’indennità sostitutiva spettante all’Amministrazione per il periodo di permanenza non rispettato vengono preventivamente concordati tra l’Amministrazione ed il personale interessato."

(Corsi di formazione in Provincia di Bolzano e sul territorio nazionale):

Le domande (online e cartacee) ed il programma dettagliato del corso devono essere inviati dall’unità organizzativa competente almeno 45 giorni prima della data dell’inizio del corso.

Domande online
I dipendenti provinciali, che hanno accesso sull’Intranet possono ora inoltrare online le domande per la partecipazione obbligatoria a corsi di formazione esterna che vengono svolti in Provincia di Bolzano oppure sul territorio nazionale. Il programma del corso è da inviare via email all’unità organizzativa competente.
Domande cartacee
Le domande dei direttori/trici di ripartizione, di dipartimento, dei circoli didattici, delle scuole professionali provinciali e dei dipendenti che non hanno accesso all’Intranet, devono essere inviate con il modulo cartaceo “Formazione esterna per dipendenti provinciali – partecipazione obbligatoria” corredate del programma del corso.

Nel caso di partecipazione dei dipendenti a corsi di formazione all’estero è assolutamente necessario inviare una semplice domanda corredata del programma del corso all’unità organizzativa competente, almeno 45 giorni prima della data dell’inizio del corso.

In caso di valutazione positiva, il/la dipendente deve successivamente inviare, via email all’unità organizzativa competente la relativa domanda di partecipazione obbligatoria firmata dall’Assessore competente o del Presidente della Giunta provinciale.

Dopo l’avvenuta valutazione positiva della domanda, il/la dipendente stesso provvede all’iscrizione ai corsi di formazione sul territorio nazionale ed all’estero. Al momento dell’iscrizione è importante chiarire con l’organizzatore del corso, se la quota di partecipazione deve essere pagata anticipatamente o se è possibile il pagamento dopo l’avvenuta partecipazione al corso stesso.

Qualora l’organizzatore del corso richieda il pagamento anticipato, il/la dipendente stesso deve anticipare la quota di partecipazione. L’Ufficio Sviluppo personale non anticipa le quote di partecipazione!

Qualora il pagamento possa avvenire posticipatamente, ad esso provvede direttamente l’unità organizzativa competente.

Dopo l’avvenuta partecipazione il/la dipendente deve mandare all’unità organizzativa competente la seguente documentazione:

  1. pagamento anticipato da parte del/della dipendente:
    • l'originale della fattura o ricevuta, indirizzata al/alla dipendente
    • l'originale della ricevuta bancaria/postale relativa all'avvenuto pagamento
    • una fotocopia dell'attestato di frequenza
    • il numero del conto corrente bancario o postale del/della dipendente.

    Il rimborso della quota di partecipazione sarà effettuato attraverso lo stipendio (sul cedolino apparirà il relativo rimborso) o con ordine di liquidazione sul conto corrente del/della dipendente.

  2. pagamento diretto all’organizzatore del corso da parte dall’unità organizzativa competente:
    • fattura emessa dall'organizzatore del corso con codice univoco ufficio del destinatario.
      Il “Codice univoco ufficio” è un’informazione obbligatoria della fattura elettronica e rappresenta l’identificativo univoco che consente al Sistema di interscambio (SDI) di recapitare correttamente la fattura elettronica all’ufficio competente.
      La fattura dev'essere emessa esente IVA ai sensi dell'art. 10 del DPR 633/72 ed in base all’art. 14 comma 10 della legge n. 537 del 24/12/1993. La fattura deve anche essere completa di marca da bollo da 2,00 Euro per importi superiori alle 77,47 Euro.
      Il/La dipendente deve comunicare queste informazioni all’organizzatore del corso.
    • una fotocopia dell'attestato di frequenza