Schede persone

Valentina Vizzi

#mipiaceilteatro

NOME: Valentina
COGNOME: Vizzi
LOCATION: Centro Giovani Tilt, Sinigo
ATTIVITA’: operatrice culturale
SEGNI PARTICOLARI: sempre sorridente
PASSIONI: recitazione e danza
FRASE: “il teatro aiuta a superare i propri limiti”
VIDEO: youtu.be/0OPru0QJlMA

Valentina Vizzi, operatrice presso il Centro giovani Tilt a Sinigo, ha un desiderio che esprime così: “Voglio che il teatro sia un mezzo per dare cultura. Vorrei far capire le proprie possibilità ai ragazzi, su come ci si può muovere. Il teatro fa capire come può crescere una comunità. È un mezzo educativo efficace. Come è servito a me vorrei servisse anche ai ragazzi che seguo.“
Al Tilt, che lei stessa frequentava da adolescente, Valentina è tornata dopo un percorso personale e professionale arricchente compiuto in altre realtà italiane e all’estero. Tutte queste esperienze Valentina le infonde nella sua attività per i giovani.
La passione per il teatro si sviluppa in lei quando, studentessa delle medie, dopo aver sperimentato la danza, viene iscritta dalla madre a un corso di teatro. Negli anni, Valentina continua il suo percorso teatrale quando, conseguita la maturità magistrale, fa la conoscenza della compagnia di teatro “Teatro Nucleo” di Ferrara. Decide così di trasferirsi nella città estense, decisa a lavorare per il gruppo teatrale. Qui frequenta l’università e inizia a partecipare a tutti workshop proposti dalla compagnia, svolgendo varie mansioni. Dopo aver superato un provino entra a pieno titolo nel gruppo teatrale con il quale viaggia in tutto il mondo. All’età di 21 anni, causa un lutto familiare, Valentina decide di abbandonare la compagnia. Tornata a Ferrara lavora per una scuola di danza e decide di partire per l’Erasmus, poiché era ancora iscritta all’università. Si trasferisce, così, in Ungheria dove si appassiona alla figura del clown, che riesce a trasmettere concetti molto importanti e delicati in maniera “leggera”. Durante questo periodo all’estero, si sposta anche in Polonia per fare ricerca. Finito l’Erasmus, Valentina torna a Ferrara e continua a lavorare per la scuola di danza facendo corsi di teatro per bambini. Si sposta quindi a Parigi dove, dopo essere stata ammessa alla scuola internazionale di teatro “Jacques Lecoq”, le viene chiesto di rimanere. Decide, invece, di non continuare e tornare in Italia. Si trasferisce a Milano e continua a collaborare con scuole di danza, facendo laboratori teatrali. Qui Valentina inizia ad elaborare un concetto di teatro diverso. Pensa, infatti, che il teatro debba essere di terapia, di aiuto, o meglio un mezzo efficace per comunicare con se stessi e con gli altri.
Tornata a Bolzano Valentina frequenta presso la Scuola di cinematografia un corso di formazione per assistente scenografa di film; collabora quindi a due film per la scenografia. Nel frattempo viene assunta dall’associazione “La Strada – Der Weg” che le assegna il compito di approntare un laboratorio di teatro. L’iniziativa prosegue ormai da tre anni. Infine, Valentina torna a lavorare al Centro giovani Tilt a Sinigo, da dove era partita per la sua “avventura”.

 

 

https://youtu.be/0OPru0QJlMA

IZ

Valentina

Altri comunicati stampa di questa categoria