Beni culturali in Alto Adige

Rete Civica dell’Alto Adige - Il portale della Pubblica Amministrazione
À la carte! I segreti del menú

À la carte! I segreti del menú

Le prime liste delle vivande apparvero dopo la Rivoluzione francese quando, decaduta la nobiltà, nel 1786 i tanti cuochi senza lavoro delle corti di Parigi ottennero dall'amministrazione cittadina il permesso ad aprire ristoranti in città. Da Parigi, i locali si estesero a tutt'Europa. Le proposte gastronomiche erano così ampie da rendere necessaria l'introduzione di carte atte a raccogliere i diversi piatti.

I menù sono specchio dei tempi e della società. Ci raccontano molte storie; ci parlano di gusti estetici e politica, di leggi e norme sociali, di eventi e cerimonie; ci svelano filosofie e religioni, umorismi e mode; ci illustrano la storia e i ricordi personali, mostrano il rapporto con la lingua e la pubblicità. Le liste delle vivande ci fanno però anche conoscere le abitudini alimentari e le loro continue evoluzioni nel fluire dei tempi e nella trasformazione delle società.

La collezione del Touriseum - Museo Provinciale del Turismo contiene ca. 1.150 menù dal 1880 a oggi.

Schöne Aussicht

tariffario di cibi e bevande da appendere, scritto a mano, del rifugio "Bellavista" in Val Senales dell'inverno 1934.

Denominazione oggetto:
carta menu
Numero d'inventario:
4081201
Data:
1934
Luogo raffigurato:
Val Senales
Materiale:
cartoncino
Istituzione:
Touriseum - Museo provinciale del Turismo - Castel Trauttmansdorff
Dimensioni:
altezza 32 cm, larghezza 20.5 cm
Parola chiave:
Schutzhütte, Getränketarif, Speisetarif

 

Oggetti selezionati

Nessun oggetto selezionato...