Beni culturali in Alto Adige

Rete Civica dell’Alto Adige - Il portale della Pubblica Amministrazione
“Via Andreas Hofer 18 e altri“

“Via Andreas Hofer 18 e altri“

Un photo-essay di Paul Thuile e Augustin Ochsenreiter tratto da “Arbeiten. Lavori in corso“, pubblicazione sulle opere d’arte acquistate dalla Provincia

Dal 2008 la Ripartizione Cultura tedesca della Provincia autonoma di Bolzano - nell’ambito delle misure di sostegno all’arte - ha concentrato i propri acquisti di opere sulla produzione artistica contemporanea dell’Alto Adige. Circa 270 opere d’arte di 160 artisti fanno ora parte di una ricca collezione collocata negli spazi dell’Amministrazione provinciale.
Con un saggio di 28 fotografie in bianco e nero, tratte da una rosa di 50 scatti, Paul Thuile e Augustin Ochsenreiter ci accompagnano in un excursus artistico di grande suggestione, che si sviluppa attraverso gli spazi degli uffici provinciali di via Andreas Hofer 18, nei quali è collocata la maggior parte delle opere acquistate.
Nel 2011 buona parte degli acquisti fu pubblicata nel libro “Arbeiten. Lavori in corso”, un ampio compendio contenente un inventario delle opere e che getta uno sguardo sul variegato panorama di posizioni artistiche locali. Il concetto di lavoro funge da filo conduttore lungo tutta la pubblicazione: il termine “lavoro”, infatti, è inteso sia come sinonimo di “opera” sia come verbo dal significato di “operare, occuparsi”. In un corollario di saggi descrittivi, gli esperti approfondiscono l’argomento sotto diversi punti di vista – dalla sociologia alla teoria d’arte – tematizzando sia l’arte come lavoro che l’attività dell’artista al giorno d’oggi. Questo volume d’arte, ideato e redatto da Marion Piffer Damiani e Helga von Aufschnaiter, componenti della commissione per gli acquisti, è reperibile presso l’Ufficio Cultura della Ripartizione provinciale Cultura tedesca.
Dal 2013 i dati sulle opere vengono pubblicati e costantemente aggiornati sul portale dei Beni culturali dell’Alto Adige.

Ufficio Cultura tedesca
via Andreas Hofer, 18
39100 Bolzano
Info Tel. 0471 413360, 413366
http://www.provinz.bz.it/kulturabteilung/kultur/1146.asp
kultur@provinz.bz.it

dip chair

Sedia, fu parte della mostra alla Lisson Gallery a Londra. Peso 8 kg. Sotto il sedile è incollata un etichetta con testo in parte stampato in parte scritto a mano e datato: "TRATTORIA / 27/05/2009 / Philip Spedding … sat on this chair".

Denominazione oggetto:
scultura
Numero d'inventario:
220829
Autore:
Gamper Martino
Collezione:
Acquisto di opere d'arte, Ripartizione Cultura Tedesca
Data:
2009
Materiale:
legno, gomma
Tecnica:
dipinto
Istituzione:
Ufficio provinciale Patrimonio
Dimensioni:
altezza 90 cm, larghezza 37 cm, profondità 42 cm
Parola chiave:
installazione
Note storico-critiche:
Al più tardi dopo la sua mostra nel Design Museum di Londra e in altre rinomate strutture espositive, i progetti per le sedie di Martino Gamper sono diventati un concetto affermato nella scena artistica e nel design internazionale. La maggior parte delle strutture rielaborate da sedie rottamate o esistenti tratta in primo luogo della competente analisi degli aspetti sociali, storici e culturali dei motivi iniziali e dei loro livelli espressivi, per mettere in evidenza la spontaneità e la casualità. (Marion Piffer Damiani, in "Arbeiten. Lavori in corso”, Bolzano 2011, p. 98)

 

Oggetti selezionati

Nessun oggetto selezionato...