Contenuto principale

Catasto dei fabbricati

L'unità immobiliare

unitàL'unità immobiliare è una parte di immobile urbano che è di per se stessa atta a produrre un reddito autonomo e sita interamente nello stesso Comune amministrativo.

A partire dal 2000 il concetto è stato allargato con l'iscrizione al catasto fabbricati anche dei fabbricati rurali.

I fabbricati che contengono più unità immobiliari vengono suddivisi in subalterni individuati con un numero progressivo per particella edificiale.

Gli identificativi delle unità immobiliari sono costituiti pertanto dal comune catastale, dalla particella edificiale e dal subalterno, quando il fabbricato contiene più unità immobiliari. Una unità immobiliare è individuata mediante uno o più identificativi (per esempio quando si estende su più particelle edificiali).

A ciascuna unità immobiliare viene attribuita una rendita catastale. Alcuni particolari fabbricati possono venir iscritti al catasto fabbricati a soli fini inventariali senza attribuzione di rendita (Es.: ruderi, fabbricati non ultimati ecc.).

Attribuzione della rendita

rendita catastaleAi fini dell'attribuzione della rendita le unità immobiliari sono suddivise in categorie. Le categorie sono raggruppate in 5 gruppi: A, B, C, D ed E.

Nei primi tre gruppi A, B e C sono inseriti gli immobili a destinazione ordinaria, la rendita viene attribuita mediante classamento.

Per ciascun comune amministrativo o zona censuaria (alcuni comuni sono suddivisi in più zone censuarie) e per ciascuna categoria è previsto un certo numero di classi, a ciascuna delle quali è associata una tariffa ovvero una rendita per unità di consistenza.

La rendita viene attribuita assegnando all'unità una categoria ed una classe e calcolando la sua consistenza e risulta dal prodotto:

 

                                        Rendita = tariffa x consistenza

 

La consistenza viene espressa:

  • per le unità inserite nel gruppo      in vani;
  • per le unità inserite nel gruppo      in m³;
  • per le unità inserite nel gruppo C      in m².
     

Nei gruppi D ed E sono inseriti gli immobili a destinazione speciale e particolare. In generale si tratta di fabbricati non adibibili ad altre destinazioni senza radicali trasformazioni. La loro rendita viene determinata per ogni singola unità a stima diretta.

Le unità non soggette ad attribuzione di rendita sono contrassegnate inserendole in un sesto gruppo detto F.

Per le unità immobiliari censite nelle categorie dei gruppi A, B e C, il classamento è effettuato sulla base dell'art. 61 e seguenti del D.P.R. 1142 del 1° dicembre 1949 e successive modificazioni, nonché dell'art. 11 del D.L. n. 70/88, convertito con Legge 154/88; il calcolo della consistenza è effettuato ai sensi dell'art. 44 e seguenti del D.P.R. 1142/49.

Per gli immobili censiti nelle categorie dei gruppi D ed E il classamento è effettuato in base all'art. 8 e 30 del D.P.R. 1142/49. Viene inoltre allegato alla notifica della rendita il prospetto degli elementi estimali.

Contro l’avviso di accertamento può essere proposto ricorso alla Commissione Tributaria di I. grado di Bolzano ai sensi degli artt. 20, 21 e 22 del D. Lgsl. 31.12.1992, n. 546.

L'eventuale ricorso, in carta legale, deve essere notificato allo scrivente Ufficio entro 60 giorni dalla data di ricevimento dell'atto di accertamento - per consegna diretta, ovvero a mezzo Ufficiale giudiziario o mediante invio del ricorso a mezzo del servizio postale con spedizione in plico raccomandato, senza busta, con avviso di ricevimento.

Entro 30 giorni successivi alla data di presentazione, il ricorrente deve presentare presso la Commissione Tributaria competente il ricorso secondo le modalità previste dall'art. 22 del D.lgsl. n. 546/92.

Categorie

categorieGruppo A:

Abitazioni (A/2, A/3 ecc.), ville (A/7, A/8), uffici (A/10);

Gruppo B:

Uffici pubblici, ecc. (B/4), scuole, ecc. (B/5), biblioteche, musei ecc. (B/6)

Gruppo C:

Negozi (C/1), magazzini (C/2), officine (C/3), garage (C/6);

Gruppo D:

Hotels (D/2), grandi fabbricati industriali (D/1, D/7, D/8), grandi fabbricati rurali (D/10).

I dati del catasto dei fabbricati

cittàLa visura catastale contiene, per ogni unità immobiliare:

  • lo o gli identificativi;
  • la o le porzioni materiali;
  • la rendita e i dati di classamento (zona censuaria, categoria, classe e consistenza);
  • lo o gli indirizzi con numero civico, piano, scala, interno ecc.
  • gli intestatari ovvero i titolari di diritti reali con la descrizione dei relativi diritti.

Domanda di voltura

volturaLa domanda di voltura si presenta:

per denunciare la variazione degli intestatari;

in caso di nuova costruzione o di variazione.

 

Denuncia di Variazione

 RistrutturazioneObbligati alla presentazione di tale documento sono gli intestatari dell'unità immobiliare entro 30 giorni dalla fine dei lavori.

Il documento è predisposto da un tecnico libero professionista.

 L'ufficio, dove necessario, provvederá al calcolo delle nuove rendite catastali e notificherà agli intestatari l'eventuale variazione.