Contenuto principale

Il ciclo del progetto

Nei paesi in via di sviluppo i progetti rappresentano degli strumenti di cambiamento. Un progetto è un insieme coordinato di attività che ha lo scopo di mutare la combinazione e il livello delle risorse per contribuire alla realizzazione degli obiettivi di sviluppo di un paese o di parte di esso.
Il documento di progetto costituisce un accordo che vincola tutti gli attori coinvolti nell'azione e definisce le risorse, le modalità ed il tempo a disposizione per il raggiungimento degli obiettivi concordati. L'elaborazione di un progetto di cooperazione allo sviluppo è complesso e richiede uno studio approfondito della realtà in cui si intende realizzare l’azione e dei bisogni espressi dalla popolazione: le fasi salienti si possono sintetizzare negli elementi che costituiscono il “ciclo del progetto”.  Uno schema che illustra il "ciclo del progetto" previsto nell'ambito dei programmi dell'Unione Europea è quello redatto da Javier Schunk.

Il ciclo del progetto finanziato dalla Provincia autonoma di Bolzano

Una parte consistente dei fondi a disposizione per la cooperazione allo sviluppo viene utilizzata per il sostegno di progetti presentati dalle organizzazioni senza scopo di lucro con sede in provincia di Bolzano, per le quali vengono annualmente presentati due bandi: il bando per i progetti di cooperazione allo sviluppo e di tutela delle minoranze linguistiche e culturali che si svolgono in paesi terzi con scadenza il 31 gennaio di ogni anno, e il bando per i progetti di educazione allo sviluppo e alla mondialità con scadenza il 31 ottobre di ogni anno.  In entrambi i casi le proposte di progetto devono essere accompagnate da una domanda di finanziamento.

I criteri per il sostegno dei progetti delle organizzazioni non lucrative con sede in provincia di Bolzano nell’ambito della cooperazione allo sviluppo e di tutela delle minoranze linguistiche e culturali nonché della educazione allo sviluppo e alla mondialità sono stati approvati con Delibera della Giunta provinciale n. 1275 del 10.11.2015 e definiscono i settori di intervento, i criteri di priorità, la misura del finanziamento nonché le modalità di gestione e rendicontazione sia per quanto riguarda le iniziative di cooperazione allo sviluppo, sia per quelle di educazione allo sviluppo. Le singole proposte di progetto presentate vengono valutate in collaborazione con il Comitato tecnico per la cooperazione allo sviluppo, una consulta di esperti/e del settore appositamente istituita. Il finanziamento delle varie iniziative è approvato con Decreto del Presidente della Provincia.

 Oltre a questi progetti, la Provincia autonoma di Bolzano finanzia anche progetti e programmi, nella cui gestione e implementazione l’Amministrazione provinciale è più direttamente coinvolta grazie alla partecipazione di propri esperti/e e alla messa a disposizione di proprie risorse. Si tratta soprattutto di iniziative realizzate in collaborazione con altre istituzioni (Ministero degli Affari Esteri, Agenzie delle Nazione Unite, Unione Europea, ecc.) o con partner nazionali o internazionali.  Anche queste iniziative possono inserirsi sia nel settore della cooperazione vera e propria sia in quello dell'educazione allo sviluppo e alla mondialità e sono regolati dai Criteri per il finanziamento degli interventi diretti della Provincia nell’ambito della cooperazione allo sviluppo nonché della cultura di pace e di solidarietà. Non vi sono scadenze per la presentazione di queste proposte.

La chiusura di tutti i progetti avviene in seguito alla presentazione di una relazione finale e alla rendicontazione delle spese secondo le indicazioni delle Linee guida per la rendicontazione e per la relazione finale.

In casi eccezionali di crisi o di catastrofi, la Provincia autonoma di Bolzano sostiene progetti nel settore degli aiuti umanitari. A differenza dei progetti di cooperazione allo sviluppo, questi progetti non sono soggetti a restrizioni di tipo geografico. Le proposte devono essere elaborate sull'apposita modulistica predisposta dall'ufficio e inoltrare all'ufficio provinciale entro il più breve tempo possibile dopo il presentarsi della situazione di emergenza.

guarda il ciclo del progetto in breve