Contenuto principale

News

Cooperazione allo sviluppo | 04.02.2015 | 12:41

Programma della Cooperazione allo sviluppo per l'anno 2015

Sostegno a progetti e programmi nei paesi partner, iniziative di educazione allo sviluppo e alla mondialitá, promozione della tutela delle minoranze, interventi di emergenza umanitaria. Questi i contenuti del programma annuale della cooperazione allo sviluppo approvato dal Comitato tecnico il 22 gennaio e dalla Giunta provinciale il 3 febbraio scorso.

.Un progetto in Burkina Faso

Nel 2015 i fondi per la cooperazione allo sviluppo supereranno i 2 milioni di euro (2.046.777 euro), il 10% in più rispetto all'anno precedente. "Investire nei paesi in via di sviluppo - ha sottolineato il presidente Arno Kompatscher - è un dovere, tanto più nel corso del 2015, anno che l'Unione Europea ha deciso di dedicare allo sviluppo".

Il 60% del budget stanziato dalla Provincia, pari a poco più di 1,2 milioni di euro, verrà destinato al sostegno di progetti di cooperazione presentati dalle organizzazioni nei paesi partner in Africa, America centrale, Sudamerica, Asia ed Europa dell'est. I progetti per il 2015 presentati entro la scadenza del 31 gennaio scorso saranno valutati dall'ufficio affari di gabinetto e dal comitato tecnico nel corso dei prossimi mesi e approvati nel mese di giugno. 

Il 15% del budget stanziato dalla Provincia, per il 2015 304.000 euro, è destinato al sostegno di 18 progetti (dei 25 presentati ento il 30 novembre scorso) che sono stati valutati positivamente dal Comitato tecnico nella seduta del 22 gennaio e che ora si trovano in fase di approvazione.

Oltre a ciò, la Provincia di Bolzano è diretta promotrice di progetti e programmi di cooperazione decentrata con il co-finanziamento di istituzioni pubbliche e il coinvolgimento diretto di partner locali. I fondi a disposizione per il 2015 saranno di poco superiori al mezzo milione di euro, e verranno concentrati in Burkina Faso, Uganda, Nepal, Bolivia, Ecuador e Capo Verde. Inoltre per quanto riguarda la tutela delle minoranze, proseguirà il programma a favore dei tibetani in esilio in India nel settore dell'agricoltura e con la costruzione di una casa per studenti.

Nel corso del 2015 verranno infine completati i progetti di emergenza approvati nel mese di dicembre 2014 e che riguardano azioni di soccorso e ricostruzione rivolte all'Emergenza nella Striscia di Gaza, all'Emergenza Ebola in Sierra Leone, al tifone Haiyan nelle Filippine e all'alluvione che ha colpito la Bosnia.

 

(CR)

Galleria fotografica