FAQ

Lista delle domande e risposte frequenti

[Vincolo sociale]

Cosa è il vincolo sociale e in cosa consiste?

Il vincolo sociale è l'annotazione tavolare dell'articolo 62 della legge provinciale n. 13 del17.12.1998.

Questa annotazione è il presupposto per il pagamento dell'agevolazione edilizia. Il vincolo consiste in precisi obblighi e limitazioni nell'utilizzo dell'alloggio agevolato.

Il vincolo sociale ha una durata di 10 anni a partire dalla dichiarazione di occupazione dell'alloggio agevolato per tutte le domande di agevolazione edilizia il cui decreto di ammissione è stato emesso dal 23.03.2016. In questo caso la durata decennale viene espressamente annotata dall'ufficio tavolare.

Per tutte le domande i cui decreti sono stati emessi prima del 23.03.2016, il vincolo sociale ha una durata di 20 anni.

Il più importante obbligo è l'occupazione stabile e continuativa dell'alloggio agevolato da parte del beneficiario e della sua famiglia.

Limitazioni sussistono anche per la vendita, la locazione e l'aggravio dell'alloggio agevolato con diritti reali.

annotazione tavolare del vincolo sociale
  • Numero:  152122
  • Ultima modifica: 27.4.2018
[Vincolo sociale]

Il vincolo sociale deve essere annotato per ogni tipo di agevolazione edilizia?

No, solo per le domande di agevolazione edilizia per acquisto (E/4) e ristrutturazione (F/4) dell'alloggio agevolato.

Per le domande di agevolazione per il recupero convenzionato di alloggi non viene annotato il vincolo sociale ai sensi dell'art. 62 della l.p. n. 13/98, bensì l'art. 79 della l.p.  del 17.08.1997, n. 13.

Nessun tipo di vincolo viene annotato per le domande di agevolazione ai sensi dell'articolo L (abbattimento di barriere architettoniche) e lettera R (anticipazioni sulle detrazioni fiscali per la ristrutturazione di alloggi).

annotazione tavolare del vincolo sociale
  • Numero:  152082
  • Ultima modifica: 27.4.2018
[Separazione, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio]
Posso presentare istanza di cessione dell'alloggio e voltura dell'agevolazione prima che il giudice abbia omologato il ricorso di separazione/divorzio o che sia stata emessa la sentenza?
No, non è possibile presentare un'istanza di cessione dell'alloggio agevolato e voltura dell'agevolazione prima che il giudice abbia omologato il ricorso di separazione o che sia stata emessa la sentenza definitiva, poiché il direttore di ripartizione autorizza la voltura dell'agevolazione edilizia uniformandosi alla decisione del giudice.
Separazione legale e divorzio - Voltura dell'agevolazione
  • Numero:  152062
  • Ultima modifica: 26.4.2018
[Contravvenzioni al vincolo sociale]

Cosa si intende per contravvenzione al vincolo sociale?

Per contravvenzione al vincolo sociale edilizio si intende un’inadempienza delle norme previste dalla legge provinciale per l’edilizia abitativa agevolata n. 13 del 17.12.1998, e cioè quando è stato accertato che il beneficiario dell'agevolazione edilizia:

a) ha ottenuto l'agevolazione edilizia in base a dichiarazioni non veritiere,

b) non ha occupato in modo stabile ed effettivo l’alloggio agevolato,

c) ha alienato o locato l'alloggio senza l'autorizzazione da parte dell’amministrazione provinciale, o a persone non aventi i requisiti richiesti dalla legge,

d) ha gravato di diritti reali di godimento l'abitazione, in contrasto con quanto previsto dalla legge o senza l'autorizzazione, o a favore di persone non aventi i requisiti richiesti dalla legge,

e) ha modificato anche solo parzialmente la destinazione d'uso dell'abitazione,

f) ha trasformato l'abitazione in modo tale che questa non abbia più le caratteristiche di un'abitazione popolare o economica,

g) ha reso ai fini dell'ammissione all'agevolazione edilizia indicazioni incomplete e rilevanti ai fini dell'entità dell'agevolazione.

Per i suddetti casi il direttore della ripartizione provinciale edilizia abitativa, salvo diverse disposizioni, dispone la revoca dell’agevolazione edilizia ottenuta e la corresponsione di una sanzione amministrativa pari al 10% dell’importo dovuto.

 

Se il beneficiario invece:

a) ha locato parzialmente o ceduto in uso a terzi l'abitazione a qualsiasi titolo, anche gratuito, senza l'autorizzazione prevista, o a persone non aventi i requisiti richiesti dalla legge,

b) ha trasformato l'abitazione popolare in abitazione economica nei primi cinque anni dal trasferimento di residenza,

c) non ha adempiuto ad eventuali ulteriori condizioni connesse con l'ammissione all'agevolazione edilizia.

Per questi casi il direttore di ripartizione diffida il beneficiario alla restituzione in pristino della situazione entro il termine di sei mesi. Dalla data della commessa violazione fino al ripristino è dovuto il pagamento di una sanzione amministrativa pari agli interessi legali del contributo ricevuto.

Contravvenzioni al vincolo sociale
  • Numero:  152047
  • Ultima modifica: 26.4.2018
[Contravvenzioni al vincolo sociale]

Da quale data inizia la decorrenza del vincolo sociale edilizio?

Il vincolo sociale edilizio decorre dalla data della dichiarazione di occupazione stabile ed effettiva dell'alloggio agevolato da parte del beneficiario e dei suoi familiari, come previsto dalla legge dell’edilizia abitativa.
Da questa data devono essere rispettati gli obblighi ad esso connessi per l’intera durata del vincolo stesso.

Contravvenzioni al vincolo sociale
  • Numero:  152046
  • Ultima modifica: 26.4.2018
[Contravvenzioni al vincolo sociale]

Posso ospitare nell’alloggio agevolato il/la mio/a compagno/a senza dover richiedere un’autorizzazione specifica?

Per poter ospitare nell’alloggio agevolato il/la mio/a compagno/a non devo richiedere nessuna autorizzazione.

Contravvenzioni al vincolo sociale
  • Numero:  152045
  • Ultima modifica: 26.4.2018
[Contravvenzioni al vincolo sociale]

Posso ospitare parenti nell’alloggio agevolato?

Si, posso ospitare parenti e affini entro il terzo grado nell’alloggio agevolato, ma solamente dopo aver fatto una richiesta motivata e ottenuto l’autorizzazione dall’ufficio programmazione edilizia abitativa. L’alloggio agevolato non deve però risultare sovraffollato per tutte le persone che lo occupano.

Contravvenzioni al vincolo sociale
  • Numero:  152044
  • Ultima modifica: 26.4.2018
[Contravvenzioni al vincolo sociale]

Posso affittare il mio alloggio a chiunque?

Nel primo decennio di durata del vincolo posso fare la richiesta per il rilascio dell’autorizzazione alla locazione dell’alloggio agevolato solamente dopo aver chiesto al comune se è interessato a prenderlo in locazione. Qualora non dovesse essere interessato, devo richiedere all’ufficio programmazione edilizia agevolata, con le giuste motivazioni previste dalla legge, l’'autorizzazione alla locazione a persone aventi i requisiti.


Nel secondo decennio di durata del vincolo posso invece fare la richiesta per il rilascio dell’autorizzazione alla locazione dell’alloggio agevolato, senza previa richiesta al comune, a persone aventi i requisiti generali per essere ammesse ad un’agevolazione edilizia.
La locazione dell'alloggio agevolato senza autorizzazione o a persone non aventi i requisiti di legge è una contravvenzione al vincolo sociale con conseguente revoca dell’agevolazione edilizia.

Contravvenzioni al vincolo sociale
  • Numero:  152043
  • Ultima modifica: 26.4.2018
[Contravvenzioni al vincolo sociale]

Che cosa succede se ho locato l'alloggio agevolato senza autorizzazione?

Se al momento della stipula del contratto di locazione esistevano le condizioni ed i requisiti per il rilascio dell'autorizzazione alla locazione, è possibile il rilascio della stessa in via di sanatoria, previo pagamento di una sanzione amministrativa pari a 500 Euro.
Contravvenzioni al vincolo sociale
  • Numero:  152042
  • Ultima modifica: 26.4.2018
[Recupero convenzionato]

Quando devo presentare la domanda per il recupero? (INIZIO LAVORI DOPO 30 GIORNI)

La richiesta di agevolazione edilizia per il recupero deve essere presentata prima dell'inizio dei lavori. Si devono attendere 30 giorni dalla presentazione della documentazione completa. Passati 30 giorni dalla presentazione della documentazione completa, senza che sia stata comunicata per iscritto l'intenzione da parte dell'ufficio tecnico provinciale di effettuare un sopralluogo, si possono iniziare i lavori.
Se viene comunicata l'intenzione dell'ufficio tecnico di effettuare un sopralluogo, questo dovrà essere effettuato entro 30 giorni dalla comunicazione scritta. Il tecnico provinciale incaricato effettuerà il sopralluogo dopodiché si possono iniziare i lavori. Se sono trascorsi trenta giorni dalla comunicazione di sopralluogo il richiedente ha comunque il diritto di iniziare i lavori.

Recupero convenzionato di abitazioni
  • Numero:  152325
  • Ultima modifica: 3.11.2011