Contenuto principale

Misure svolte a sviluppare i comprensori sciistici

Nuovo regime di agevolazione per lo sviluppo di centri sciistici ai sensi del regolamento d’esenzione n. 651/2014, Art. 55.

I. Richiedenti che sono classificati “impianti sciistici locali” e che non sono in concorrenza internazionale:

·"piccoli comprensori sciistici" ai sensi del DPGP 61/2006: Centri sciistici con capacità non superiore a 5.500 persone/ora

·"impianti di risalita di paese" ai sensi del DPGP 61/2006, Allegato G

·"Centri sciistici locali" ai sensi della raccomandazione 2003/361/CE, che non contino più di 2.000 posti letto per sciatori e che non abbiano un fatturato settimanale per Skipass superiore al 15% del fatturato totale, oppure che abbiano meno di tre impianti o che sono considerati strutturalmente deboli in via economica e turistica. Questi sono criteri nuovi.

Agevolazioni:

A) Contributo a fondo perduto per:

1. Bacini multifunzionali: Contributo massimo euro 1.000.000 con una spesa massima d'investimento di euro 1.250.000 (percentuale massima d’aiuto dell’80%);

2. Bacini idrici: Contributo massimo euro 800.000 con una spesa massima d'investimento di euro 1.000.000 (percentuale massima d’aiuto dell’80%);

3. Impianti per l’innevamento artificiale e relativi accessori (anche usati).

4. Battipista (anche usati).

5.Reti per la sicurezza ed impianti d’illuminazione.

Dal punto 3 al punto 5 vale: Contributo massimo euro 400.000 con una spesa massima d'investimento di euro 500.000 (percentuale massima d’aiuto dell’80%).

B) Fondo di rotazione per:

1.Parcheggi coperti nelle vicinanze della stazione a valle. Quota provinciale max. 80% per somme d’investimento max. di 5 Mio. Euro e garantite fino all’80% da parte di cooperative di garanzia.

II. Tutti gli altri richiedenti che sono in concorrenza internazionale e che perciò non possono essere classificati come „centri sciistici locali“:

Agevolazione:

A) Fondo di rotazione per:

1. Bacini idrici e parcheggi coperti nelle vicinanze della stazione a valle, quota provinciale max. 80% per somme d’investimento max. di 5 mio. euro e garantite fino all’80% da parte di cooperative di garanzia.

B) Fondo di rotazione (quota provinciale max. 80% per somme d’investimento max. di 5 mio. euro) oppure in alternativa un contributo a fondo perduto per:

1. Impianti per l’innevamento artificiale, battipista, reti per la sicurezza ed impianti d’illuminazione per un massimo di spesa ammessa pari ad euro 500.000 ed una intensità d’aiuto massima del 35%.

 

L’intera misura di agevolazione, inclusa la richiesta, è espletata solo elettronicamente!

Il termine di consegna annuale delle domande di contributo è scaduto.

Nuove domande possono essere consegnate a partire dal 1/1/2018.

A breve saranno disponibili i nuovi documenti.


(Ultimo aggiornamento: 16/11/2017)