Contenuto principale

Ordinamento artigianato - Domande frequenti

Quali sono i requisiti per poter esercitare in proprio una professione artigiana?

In generale ogni attività artigiana può essere esercitata liberamente; per poche attività artigiane però sono previsti ai sensi delle relative leggi statali dei requisiti professionali. Si tratta delle seguenti attività:

  • settore automobilistico
  • settore installazione
  • settore igiene e estetica
  • settore alimentare
  • spazzacamino
  • imprese di pulizie

I locali nei quali vengono svolte attività artigiane devono essere idonei all'uso specifico e devono inoltre essere conformi a quanto prescritto dalle relative disposizioni legislative.

Quali attività artigiane possono venir svolte anche al di fuori dei locali produttivi, p.e. in appartamenti, locali di negozio, ecc.?

L'art. 3 del DPP del 19 maggio 2009, n. 27 stabilisce quali attività artigiane possono essere svolte anche al di fuori dei locali produttivi. Si tratta soprattutto di attività produttive artigiane a basso impatto ambientale, la cui esecuzione non causa rumori, esalazioni di odore o altre molestie e non provoca alcun pericolo di incendio o di esplosione.

Dove si deve presentare il ricorso amministrativo e quanto dura l'iter?

Contro i provvedimenti della Camera di commercio l'interessato può presentare ricorso alla Giunta provinciale entro il termine di 30 giorni dall'avvenuta comunicazione.
Il ricorso dev'essere presentato a (marca da bollo da 16,00 €):
Ufficio Artigianato
Via Raiffeisen 5
39100 Bolzano
Tel. 0471/413640/41 oppure e-mail: vanessa.wiebelt@provincia.bz.it

Ai sensi dell'art. 9, comma 13 della legge provinciale del 22 ottobre 1993, n. 17, la Giunta provinciale deve comunicare all'interessato entro il termine di 90 giorni dalla data di presentazione del ricorso la decisione, altrimenti il ricorso si intende respinto a tutti gli effetti.

Cosa si deve sapere se si presenta un ricorso amministrativo?

Al ricorso (marca da bollo da 16,00 €) devono essere allegati tutti i documenti necessari che si rivelano importanti per la riesamina.

Quando si paga una sanzione amministrativa?

Sanzioni amministrative vengono inflitte ai sensi dell'art. 43 della legge provinciale del 25 febbraio 2008, n. 1, nel caso di:

  • esecuzione di un'attività artigiana senza essere in possesso dei requisiti prescritti;
  • omessa o ritardata comunicazione in caso di inizio, cancellazione o modificazione dell'attività artigiana;
  • dichiarazioni non veritiere;
  • imprese non artigiane che si avvalgono di una ragione sociale, di un'insegna o di un marchio con riferimento ad un'attività artigianale;
  • imprese artigiane che si avvalgono di riferimenti ad attività diverse;
  • l'applicazione della denominazione di "impresa di maestro artigiano" senza averne la facoltà;
  • inosservanza delle norme previste dal regolamento per il servizio di spazzatura dei camini (DPP del 19 maggio 2009, n. 27) .

Quante volte lo spazzacamino deve provvedere alla spazzatura degli impianti di combustione?

I termini per il controllo o la spazzatura degli impianti combustibili sono:

  • impianto a combustione solida: tre volte all’anno;
  • impianto a combustione liquida: due volte all’anno;
  • impianto a combustione gassosa: una volta all’anno.

Alla presenza di un impianto con combustione ottimale, o con formazione di molta fuliggine o con combustione tarata male, lo spazzacamino puó fissare altre scadenze. Rimane comunque l’obbligo della scadenza almeno annuale per il controllo e la spazzatura.

Quante professioni di maestro artigiano esistono e quali sono?

Nell'elenco delle attività artigiane, per le quali è data facoltà di sostenere l'esame di maestro artigiano (l'elenco delle professioni di maestro artigiano) sono iscritte attualmente 70 professioni di maestro artigiano.

Ufficio competente

Ufficio artigianato
palazzo 5, via Raiffeisen 5
39100 Bolzano

Tel.:
0471 413649
Fax: 0471 413659
E-mail: artigianato


(Ultimo aggiornamento: 07/04/2016)