Comunicati stampa

Dalla Giunta: assegni di studio per tirocinanti bilingui nella sanità

I neolaureati della sanità dovranno essere in possesso di un attestato di bilinguismo per poter beneficiare di assegni di studio durante il loro tirocinio.

La Giunta si è occupata degli assegni di studio per i tirocinanti nella sanità

A conclusione del percorso universitario, gli psicologi devono assolvere un anno di tirocinio per poter sostenere l’esame di Stato. Oggi la Giunta provinciale ha approvato una modifica al regolamento di esecuzione sugli assegni di studio per cui questi giovani tirocinanti nel settore sanitario in Alto Adige possono accedere all’assegno di studio solo se superano un esame di lingua obbligatorio, qualora non siano già in possesso dell’attestato di bilinguismo A. 

"Proprio in un settore sensibile come la salute è importante e necessario che l’assistenza possa essere garantita nella madrelingua, anche dal personale in periodo di tirocinio", sottolinea l’assessora Martha Stocker. Questa esigenza è particolarmente sentita alla luce della crescente domanda di tirocinio da parte di neolaureati provenienti da altre Regioni italiane, che non conoscono entrambe le lingue. "Vogliamo evitare difficoltà nell’esercizio delle specifiche attività sanitarie e nel rapporto con i pazienti da assistere", aggiunge Stocker. Inoltre la Provincia intende investire in primis nei giovani medici che anche dopo l’assolvimento del tirocinio restano a lavorare nell’Azienda sanitaria dell’Alto Adige. 

L’assegno di studio per i neolaureati ammonta a 920 euro lordi mensili per un tirocinio di almeno 38 ore settimanali.

pf

Galleria fotografica