Comunicati stampa

Assistenza all’infanzia, nuove regole per ferie e malattie

Regolamentate le assenze dei bambini nelle microstrutture di assistenza all'infanzia. Famiglie e cooperative ora hanno uno spazio di manovra.

Nel corso del 2018 sono stati seguiti dalle Tagesmütter 1845 bambini mentre 2179 hanno frequentato le 87 microstrutture operanti a livello provinciale Foto: USP

La Giunta provinciale ha definito oggi (30 luglio) in maniera chiara la regolamentazione relativa alle assenze per ferie e malattia presso le Tagesmütter o nelle microstrutture. Nel corso del 2018 sono stati seguiti dalle Tagesmütter 1.845 bambini mentre 2.179 hanno frequentato le 87 microstrutture di assistenza all'infanzia operanti a livello provinciale.

Fatturazione dei costi in caso di ferie

Una delle novità previste dalla delibera odierna è il passaggio da tre a quattro settimane nelle quali non viene fatturato il costo a carico delle famiglie nel caso di ferie. “Prima di giungere all’approvazione di questa delibera ci siamo confrontati in maniera approfondita sia con i rappresentanti dei genitori che degli enti gestori e siamo quindi giunti ad un risultato che ha raccolto anche il consenso da parte dei Comuni", sottolinea l’assessora provinciale competente, Waltraud Deeg. Inoltre viene lasciata libertà alle parti contraenti  di prolungare il periodo delle ferie e di fissare, attraverso un accordo reciproco, quale partecipazione ai costi spetti in questo caso alla famiglia. "È fondamentale che la famiglia e la Tagesmutter, o la microstruttura, siano in costante contatto tra loro, in modo tale da chiarire preventivamente eventuali disaccordi", prosegue la Deeg.

Certificati di assenza per malattia

Vi sono novità anche per quanto riguarda le assenze a causa di malattia. Se si ammala un bambino che frequenta una Tagesmutter o una microstruttura, i genitori devono immediatamente avvisare la struttura. Non appena il bambino ha superato la malattia deve essere fornita una certificazione medica che attesti il suo stato di salute, senza l’indicazione della malattia. "Il nostro obiettivo è quello di ottenere, in accordo con i pediatri, un'emissione gratuita di questa certificazione” afferma l’assessora. Si è già riusciti ad introdurre una regolamentazione speciale valida per assenze per malattia più lunghe. Nel caso in cui un bambino sia malato per più di 4 settimane la famiglia più rescindere il contratto sottoscritto con la struttura. Non appena il bambino è nuovamente sano e può nuovamente frequentare la Tagesmutter o la microstruttura, alla famiglia viene assicurata la precedenza per il reinserimento del bambino. "Microstrutture e Tagesmütter - conclude la Deeg - svolgono servizi molto importanti grazie ai quali siamo in grado di sostenere numerose famiglie nella difficile conciliazione tra lavoro e quotidianità. È quindi importante adeguare costantemente le regole alle esigenze delle famiglie e dei gestori del servizio."

FG

Galleria fotografica