Contenuto principale

Opere ultimate

Circonvallazione San Giacomo-Pineta di Laives

SS 12 tra Bolzano e Laives

Ufficio competente

Ripartizione Infrastrutture, Ufficio tecnico strade centro/sud 10.2

Partecipanti al progetto

coordinatore unico
dott. Ing. Valentino Pagani, Ripartizione 10 Infrastrutture
direttore d'ufficio
dott. Ing. Maurizio Mazagg
responsabile di progetto
dott. Ing. Claudio Ghiro, Bolzano
progettista generale
ILF, Innsbruck (A) – EUT, Bressanone
direttore dei lavori
ILF, Innsbruck (A) – EUT, Bressanone

Breve descrizione del progetto

La nuova circonvallazione tra Bronzolo e S. Giacomo è lunga complessivamente ca. 9 km ed è suddivisa in 2 lotti.
Il secondo lotto è stato realizzato per primo e comprende il tratto tra Pineta di Laives e Maso della Pieve. Questa galleria è lunga 2.234 m e costeggia S. Giacomo passando attraverso il fianco roccioso orientale della valle e termina in prossimità della zona sportiva di Maso della Pieve.
La galleria di S. Giacomo è collegata all’attuale via Einstein con un collegamento di 217 metri sotto il livello del terreno, in prossimità della zona sportiva di Maso della Pieve.
A sud invece, una bretella all’aperto di 800 metri raccorda la galleria allo svincolo di Pineta di Laives, che collega la circonvallazione alla strada statale e alla zona artigianale.

Ulteriori informazioni

Il lotto 2+2a della Variante SS12 Bronzolo-Bolzano inizia a nord dell’abitato di Pineta di Laives e si sviluppa da qui in un tracciato all’aperto attraverso lo svincolo di Pineta di Laives in direzione nord, ad est della zona produttiva Vurza fino all’imbocco sud della galleria di S. Giacomo. Il tracciato della nuova SS12, che sottopassa lo svincolo di Pineta di Laives ed è collegata attraverso le rampe di collegamento laterali alla rotatoria sopraelevata con un diametro esterno pari a ca. 70 m, permette con il collegamento alla vecchia SS12 e della strada comunale per La Costa, la viabilità in tutte le direzioni. Tra lo svincolo di Pineta di Laives e l’imbocco sud della galleria di S. Giacomo è stato scavato, per una lunghezza di ca. 500 m, una larghezza di 30 m e una profondità di ca. 10 m, il materiale torboso del sottofondo avente ridotte caratteristiche di portata, sostitutendolo successivamente con materiale di scavo idoneo della galleria. La galleria di S. Giacomo, con una lunghezza di ca. 2.234 m, è stata scavata dapprima dall’imbocco sud e successivamente anche dall’imbocco nord in modo tradizionale con l’utilizzo di esplosivo. Lo scavo della galleria ed il successivo prerivestimento della galleria è stato realizzato secondo i criteri della metodologia di costruzione delle gallerie con spritzbeton, nota come „nuovo metodo austriaco per la costruzione di gallerie”. In galleria sono stati realizzati, ogni ca. 500 m di distanza, cameroni per la sosta di emergenza, nonché ogni ca. 200 m nicchie per chiamate di emergenza e nicchie antincendio. Al centro della galleria è situata la caverna di ventilazione, dalla quale si dirama la galleria di ventilazione con una lunghezza di ca.180 m. Alla fine della galleria di ventilazione si trova il pozzo di ventilazione avente un’altezza complessiva di 220 m. Attraverso il ventilatore principale nella caverna di ventilazione, che ha un diametro delle pale di ca. 2,80 m e una potenza elettrica nominale di 320 KW, vengono espulsi lungo la galleria ed il pozzo di ventilazione i fumi nel caso di un incendio nella parte centrale della galleria. All’imbocco nord della galleria di S. Giacomo è collegata una galleria artificiale con una lunghezza di 217 m a sezione rettangolare, che attraversa in sotterraneo la zona sportiva Maso della Pieve e si collega in corrispondenza del vecchio sottopassaggio ferroviario a via Einstein.

Planimetrie, grafici, foto

Planimetria generale tra Bolzano sud e Pineta di Laives

.

Per ingrandire cliccare sull'immagine.


Galleria con piazzola di sosta e d’emergenza con impianto di ventilazione

.

Per ingrandire cliccare sull'immagine.


Costi di costruzione

costi complessivi: ca. 47,3 mio. Euro.

Tempi di realizzazione

Esecuzione dei lavori da giugno 2000 ad agosto 2005

Dr. Ing. Umberto Simone