Contenuto principale

Bisogni Educativi Speciali-BES

Gli alunni con Bisogni Educativi Speciali vivono una situazione particolare, che li ostacola nell’apprendimento e nello sviluppo: questa situazione negativa può essere a livello organico, biologico, oppure familiare, sociale, ambientale, contestuale o in combinazioni di queste. […]
Queste difficoltà possono essere globali e pervasive (si pensi all’autismo) oppure più specifiche (ad esempio nella dislessia), settoriali (disturbi del linguaggio, disturbi psicologici d’ansia, ad esempio); gravi o leggere, permanenti o (speriamo) transitorie.
In questi casi i normali bisogni educativi che tutti gli alunni hanno (bisogno di sviluppare competenze, bisogno di appartenenza, di identità, di valorizzazione, di accettazione, solo per citarne alcuni) si «arricchiscono» di qualcosa di particolare, di «speciale». Il loro bisogno normale di sviluppare competenze di autonomia, ad esempio, è complicato dal fatto che possono esserci deficit motori, cognitivi, oppure difficoltà familiari nel vivere positivamente l’autonomia e la crescita, e così via.
In questo senso il Bisogno Educativo diventa «Speciale». Per lavorarci adeguatamente avremo dunque bisogno di competenze e risorse «speciali», migliori, più efficaci. […]

da  Dario Ianes "I Bisogni Educativi Speciali" in  www.darioianes.it 

Formazione

Normativa

Scarica i riferimenti normativi, in formato PDF:

 

Contatti

DIPARTIMENTO ISTRUZIONE E FORMAZIONE ITALIANA - Area pedagogica - Bolzano, via del Ronco 2
Servizio integrazione, educazione alla salute e consulenza scolastica

Referente del settore:

  • Ispettrice Maria Rita Chiaramonte - responsabile del servizio
    Tel. 0471 411307 - Cel. 331 1738968 - Fax 0471 411439

E-mail: maria-rita.chiaramonte@provincia.bz.it