Contenuto principale

Terza prova: nota del MIUR

La terza prova scritta dell'esame di Stato, secondo un comunicato del Ministero, non sarà obbigatoriamente costituita da cinque materie, bensì "al massimo di cinque". maggiori informazioni

Esami di stato conclusivi secondo ciclo (scuole secondarie di secondo grado)

disegno di un diploma avvolto con nastro rossoLa Legge n. 1/2007 prevede che vengano ammessi all’esame solo gli studenti delle scuole statali e paritarie che:

  • abbiano frequentato l’ultimo anno di corso;
  • siano stati valutati positivamente in sede di scrutinio finale;
  • abbiano comunque saldato i debiti formativi contratti negli anni precedenti.

L'esame a livello nazionale è composto da tre prove scritte mentre in Alto Adige, essendo prevista anche la prova di tedesco seconda lingua, le prove sono quattro. Ad esso si aggiunge inoltre un colloquio multidisciplinare su argomenti attinenti ai programmi delle materiedell'ultimo anno di corso.

Per l'anno scolastico 2015/2016 le prove scritte inizieranno il 22 giugno 2016 alle ore 8.30 con la prova scritta di italiano, come indicato dall'O.M. 20 luglio 2015, n.15.

Il voto finale complessivo è espresso in centesimi e risulta dalla somma del punteggio:

  • del credito scolastico (fino a 25 punti)
  • delle prove scritte (massimo complessivo 45 punti)
  • del colloquio (fino a 30 punti)

Per i candidati che sostengono un esame eccellente è prevista anche la possibilità dell'attribuzione della lode da parte della commissione d'esame.

Il candidato supera l'esame di Stato se consegue un punteggio complessivo di almeno 60 punti su 100.

 

Candidati esterni

I candidati esterni  residenti in provincia di Bolzano che intendono sostenere l'esame di stato presso gli istituti di istruzione secondaria di II grado in lingua italiana, debbono presentare la domanda di ammissione e il modello di dichiarazione sostitutiva delle certificazioni all'’Intendenza Scolastica di  via del Ronco 2 - 39100 Bolzano - Ufficio Ordinamento Scolastico, indicando, in ordine preferenziale, le istituzioni scolastiche in cui intendono sostenere l’esame. 

L'Intendenza provvederá ad assegnare i candidati medesimi agli istituti scolastici statali o paritari aventi sede nel comune di residenza del candidato ovvero, in caso di assenza nella provincia.

I candidati esterni sostengono gli esami preliminari di norma entro il mese di maggio presso le istituzioni scolastiche loro assegnate come sede d'esame.

Il candidato dovrà presentare domanda di ammissione agli esami entro il termine perentorio del 30 novembre. Solo per gravi motivi, che devono essere documentati, è possibile presentare la domanda entro il 31 gennaio dell'anno scolastico in corso.

Il Dirigente scolastico, sentito il collegio dei docenti, stabilisce il calendario di svolgimento degli esami preliminari.  

Il candidato è ammesso all'esame di Stato se consegue un punteggio minimo di sei decimi in ciascuna delle discipline per le quali sostiene la prova.                 

Download

Di seguito i riferimenti normativi che possono risultare utili:

Di seguito alcuni modelli scaricabili in formato PDF:

Contatti