Assegno provinciale al nucleo familiare

Un servizio dell'amministrazione provinciale dell'Alto Adige

Descrizione generale

L'assegno provinciale al nucleo familiare è destinato alla cura e all’educazione dei figli nei primi tre anni di vita (massimo 36 mesi). Per i figli adottivi i tre anni di diritto all’assegno decorrono dalla data del provvedimento di adozione o di affidamento.

  • Figli: fino al compimento del terzo anno di vita; il figlio deve convivere con il genitore o con i soggetti affidatari e deve risultare dalla certificazione dello stato di famiglia della persona richiedente.
  • Residenza: 5 anni ininterrotti di residenza in Alto Adige antecedenti alla presentazione della domanda o una residenza storica anagrafica di 15 anni di cui almeno uno immediatamente antecedente la domanda. Inoltre possono essere presi in considerazione anche altri elementi tali da far desumere comunque la permanenza stabile sul territorio provinciale da almeno 5 anni.
  • Cittadini comunitari di un altro paese dell‘Unione Europea, non residenti: è necessario dimostrare di avere un rapporto di lavoro in Alto Adige.
  • Condizione economica: il reddito e patrimonio della famiglia (indipendentemente dal numero dei componenti) non può superare € 80.000,00.

Valutazione del reddito e patrimonio:

Le condizioni economiche verranno rilevate sulla base della dichiarazione unificata di reddito e patrimonio (DURP).

Per la presentazione della domanda, è necessaria l’ultima dichiarazione DURP. Ci si può rivolgere ai centri di assistenza fiscale (CAAF) e/o a quei patronati della provincia che effettuano questo tipo di servizio oppure usufruire del servizio online eGov

Dal 1° luglio 2017 viene richiesto il reddito 2016 (con DURP).

I presenti servizi forniti da patronati e centri di assistenza fiscale sono gratuiti.

Quanto si riceve?

L'assegno è stabilito nella misura di € 200,00 al mese per figlio.

Quando verrà pagato l'assegno?

I pagamenti verranno effettuati mensilmente in rate posticipate di un mese, (esempio: la rata di gennaio viene liquidata a fine febbraio).

Come verrà pagato?

Sul conto corrente indicato nella domanda. In mancanza di riferimenti bancari, verrà emesso un assegno bancario, da riscuotere entro due mesi presso uno sportello della Cassa di Risparmio (tesoreria della Provincia).

Attenzione: non è più possibile effettuare tramite assegno bancario pagamenti pari o superiori a euro 1.000,00. Ció in base alle disposizioni del D.L. 6 dicembre 2011 n. 201 recante: "disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici". Tutti i compensi superiori a euro 1.000,00 dovranno essere esclusivamente versati su conti correnti bancari o postali".

(Ultimo aggiornamento del servizio: 30/10/2017)

Ente competente

ASSE Agenzia per lo sviluppo sociale ed economico
Palazzo 12, via Canonico Michael Gamper 1, 39100 Bolzano
Telefono: 0471 41 83 14 Barbara Kaufmann
0471 41 83 09 Davide Giabardo
0471 41 83 11 Marcella Ferrari
0471 41 83 03 Paola Faoro
Fax: 0471 41 83 25
E-mail: aswe.asse@provincia.bz.it
PEC: aswe.asse@pec.prov.bz.it
Website: http://www.provincia.bz.it/asse

Orario d'ufficio:

Lunedì, martedì, mercoledì e venerdì: ore 9.00 - 12.00
Giovedì: ore 8.30 - 13.00, ore 14.00 - 17.30

Scadenze

La domanda può essere presentata solo dal momento in cui si possiedono i requisiti. Se viene presentata entro un anno dalla nascita o dall’adozione/affidamento (data del provvedimento) del bambino, verranno liquidate retroattivamente le mensilità dal mese successivo la nascita/adozione o dal perfezionamento del requisito di residenza. Trascorso questo termine, l’assegno spetterà dal mese successivo l'inoltro della domanda.

Le domande di assegno provinciale hanno validità triennale.

Per ogni nascita, adozione o affidamento va presentata una nuova domanda

PRESENTAZIONE DOMANDE

La domanda va presentata presso un patronato oppure tramite il servizio online eGov.