Cultura italiana - Contributi per la promozione delle politiche giovanili

Un servizio dell'amministrazione provinciale dell'Alto Adige

Descrizione generale

L'Ufficio Politiche giovanili eroga vantaggi economici per la promozione di iniziative di carattere educativo e culturale rivolte ai giovani, nonché per la gestione e il personale, la costruzione, la manutenzione, le attrezzature e l'arredo di spazi per i giovani. 

Possono essere concessi i seguenti vantaggi economici:

  1. contributi ordinari per la copertura delle spese di gestione e di personale necessarie per lo svolgimento dell'attività ordinaria nell'anno solare di riferimento
  2. contributi per progetti che si riferiscono a iniziative specifiche che prescindono dalla programmazione ordinaria
  3. contributi per investimenti per la manutezioni e l'acquisto di attrezzature, arredi e mezzi di trasporto necessari allo svolgimento dell'attività a favore dei giovani, nonché per l'acquisto, la costruzione, l'ampliamento, la ristrutturazione e la manutenzione di strutture per giovani
  4. contributi integrativi

Possono accedere ai finanziamenti delle politiche giovanili:

  • associazioni, fondazioni, cooperative iscritte nell'apposito registro provinciale e altre organizzazioni private senza scopo di lucro che abbiano la sede o una struttura organizzativa e svolgano attività nella provincia di Bolzano e il cui statuto preveda il perseguimento degli obiettivi della L.P. 13/1983 (contributi ordinari, per progetti, per investimenti)
  • enti pubblici e privati solo per la costruzione e la ristrutturazione di strutture per giovani (contributi per investimenti)
  • comitati, gruppi giovanili informali, se il progetto proposto è rispondente alle finalità della L.P. 13/1983, recepisce le linee guida nazionali e europee in materia di politiche giovanili, riporta il nominativo del responsabile dell'iniziativa e si rivolge ad un numero consistente di giovani (contributi per progetti)
  • associazioni temporanee di scopo (ATS) qualora i soggetti aderenti posseggano i requisiti e perseguano gli obiettivi indicati nella L.P. 13/1983 (contributi ordinari e per progetti)

Le iniziative devono essere destinate alla collettività e non solo ai propri soci.

Le domande di finanziamento devono essere corredate della seguente documentazione:

Domande contributo ordinario 

  • presentazione dell'ente
  • programma annuale comprensivo di cronoprogramma
  • relazione sull'attività svolta nell'anno precedente con indicazione dei risultati ottenuti
  • preventivo delle relative spese e piano per il loro finanziamento
  • breve relazione del presidente circa la solidità finanziaria dell'organizzazione e l'assenza di posizioni debitorie pregresse e irrisolte tali da pregiudicarla; nel caso il documento evidenziasse posizioni debitorie, l'organizzazione deve prevedere anche un piano di rientro pluriennale e trasmetterlo all'ufficio
  • dichiarazione attestante: 1) la sussistenza dei presupposti e dei requisiti prescritti dalla legge e la consapevolezza delle sanzioni previste in caso di dichiarazioni non veritiere; 2) gli uffici o enti presso i quali sono state o saranno presentate altre istanze di agevolazione economica per le medesime iniziative e i relativi importi
  • regolamento di gestione, funzionamento, utilizzo di strutture per giovani (qualora venga presentata domanda per la prima volta o in caso di modifiche)
  • atto costitutivo o statuto (qualora venga presentata domanda per la prima volta o in caso di modifiche)

Domande contributo per progetti 

  • relazione sugli obiettivi dell'iniziativa e programma dettagliato della stessa comprensiva di cronoprogramma
  • relazione sull'iniziativa dell'anno precedente (nel caso di iniziativa con cadenza annuale)
  • preventivo delle relative spese e piano per il loro finanziamento
  • dichiarazione attestante: 1) la sussistenza dei presupposti e dei requisiti prescritti dalla legge e la consapevolezza delle sanzioni previste in caso di dichiarazioni non veritiere; 2) gli uffici o enti presso i quali sono state o saranno presentate altre istanze di agevolazione economica per le medesime iniziative e i relativi importi
  • atto costitutivo o statuto (qualora venga presentata domanda per la prima volta o in caso di modifiche)

Domande contributo per investimenti (acquisto arredi, attrezzature, mezzi di trasporto, nonché manutenzione alle strutture e ai beni mobili)

  • relazione sui motivi che giustificano gli acquisti e/o i lavori comprensiva di cronoprogramma
  • preventivo delle relative spese e piano per il loro finanziamento
  • un dettagliato preventivo acquisito presso le ditte fornitrici (1 preventivo per importi preventivati pari o inferiori a euro 10.000,00 - 3 preventivi per importi preventivati superiori a euro 10.000,00)
  • dichiarazione attestante: 1) la sussistenza dei presupposti e dei requisiti prescritti dalla legge e la consapevolezza delle sanzioni previste in caso di dichiarazioni non veritiere; 2) gli uffici o enti presso i quali sono state o saranno presentate altre istanze di agevolazione economica per le medesime iniziative e i relativi importi
  • atto costitutivo o statuto (qualora venga presentata domanda per la prima volta o in caso di modifiche)

Domande contributo per investimenti (acquisto, costruzione, ristrutturazione di strutture per giovani)

  • relazione sui motivi che giustificano gli acquisti e/o i lavori comprensiva di cronoprogramma
  • progetto di massima o esecutivo redatto da un libero professionista con l'indicazione della data di inizio e fine lavori
  • progetto di destinazione ed uso della struttura
  • stima delle conseguenti nuove spese gestionali e modalità con cui farvi fronte nei successivi esercizi finanziari
  • preventivo delle relative spese e piano per il loro finanziamento
  • un dettagliato preventivo acquisito presso le ditte fornitrici (1 preventivo per importi preventivati pari o inferiori a euro 10.000,00 - 3 preventivi per importi preventivati superiori a euro 10.000,00)
  • dichiarazione attestante: 1) la sussistenza dei presupposti e dei requisiti prescritti dalla legge e la consapevolezza delle sanzioni previste in caso di dichiarazioni non veritiere; 2) gli uffici o enti presso i quali sono state o saranno presentate altre istanze di agevolazione economica per le medesime iniziative e i relativi importi
  • atto costitutivo o statuto (qualora venga presentata domanda per la prima volta o in caso di modifiche)

Domande contributo integrativo

  • relazione che giustifichi in modo esauriente la necessità di un ulteriore finanziamento comprensiva di cronoprogramma
  • nuovo preventivo spese e relativo piano di finanziamento.

Le domande di finanziamento sono soggette a marca da bollo da euro 16,00.

Sono esenti dall'imposta di bollo le onlus e le associazioni iscritte nel registro provinciale del volontariato.

I contributi per la promozione delle politiche giovanili nella provincia di Bolzano sono concessi ai sensi della legge provinciale 1 giugno 1983, n. 13 e successive modifiche e ai relativi criteri di finanziamento.

Le associazioni devono avere almeno nove soci. Quando la sede o l'attività prevalente si svolge in comuni con meno di 20.000 abitanti, devono avere almeno cinque soci.

Lo statuto e l'atto costitutivo dei soggetti richiedenti devono essere redatti in forma di atto pubblico o di scrittura privata autenticata o registrata.

Le domande devono essere inviate per PEC (posta elettronica certificata).

(Ultimo aggiornamento del servizio: 04/12/2017)

Ente competente

15.4. Ufficio Politiche giovanili
"Edificio Plaza", via del Ronco 2, 39100 Bolzano
Telefono: 0471 41 12 85 (contributi per attività)
0471 41 12 95 (contributi per attività)
0471 41 12 81 (contributi per investimenti)
Fax: 0471 41 12 99
E-mail: ufficio.giovani@provincia.bz.it
PEC: giovani@pec.prov.bz.it
Website: http://www.provincia.bz.it/arte-cultura/giovani

Orario d'ufficio:

lunedì, martedì, mercoledì, venerdì: dalle ore 9.00 alle ore 12.00

giovedì: dalle ore  8.30 alle ore 13.00 e dalle ore 14.00 alle ore 17.30

Scadenze

Le domande di finanziamento devono essere presentate entro i seguenti termini:

  1. contributo ordinario: prima dell'effettuazione delle relative spese entro il 10 novembre dell'anno precedente a quello cui il contributo si riferisce
  2. contributo per progetti: prima dell'effettuazione delle relative spese entro il 31 marzo e il 30 settembre di ogni anno. In caso di progettualità complesse e consolidate di durata non inferiore a otto mesi entro il 10 novembre dell'anno precedente a quello cui il contributo si riferisce
  3. contributo per investimenti: prima dell'effettuazione delle relative spese entro il 31 marzo e il 30 settembre di ogni anno
  4. contributo integrativo: preferibilmente entro il 30 settembre di ogni anno, se riferito al contributo ordinario, o prima del termine del progetto/investimento, se riferito invece al contributo per progetti/investimenti