Piano Provinciale di Aggiornamento per i docenti delle scuole in lingua italiana

Un servizio dell'amministrazione provinciale dell'Alto Adige

Descrizione generale

L'apprendimento lungo tutto l'arco della vita costituisce un principio valido per tutte le categorie professionali ed assume una valenza anche maggiore per il personale docente, a cui sono affidate le generazioni del futuro. La formazione in servizio costituisce una leva strategica fondamentale per lo sviluppo professionale del docente ed è un diritto-dovere imprescindibile.

Il “Piano Provinciale di Aggiornamento” per il personale docente e dirigente della scuola in lingua italiana costituisce il momento di sintesi in cui confluiscono le iniziative promosse dalle singole istituzioni scolastiche, dall'Intendenza scolastica, dall'Istituto pedagogico, dagli enti del territorio e dall'Amministrazione nel suo complesso.

Informazioni concernenti le iniziative approvate vengono pubblicate ogni anno scolastico sia nell'opuscolo relativo al Piano Provinciale di Aggiornamento sia nelle pagine del sito dell'Intendenza scolastica italiana.

  • Le scuole
  • le agenzie formative
  • gli enti e le ripartizioni provinciali
  • l'Istituto pedagogico
  • l'Intendenza scolastica italiana

presentano le proprie iniziative al settore competente dell'Intendenza stessa, secondo modalità e termini che vengono fissati con direttiva del Sovrintendente scolastico entro il 31 dicembre di ogni anno.
Un'apposita commissione, composta dai rappresentanti dell'Intendenza e dell'Istituto pedagogico, esprime un parere sui corsi - tranne quelli proposti dalle scuole e dagli enti accreditati - e quindi, in base alla normativa vigente, il Piano Provinciale di Aggiornamento viene approvato  con decreto del Sovrintendente.

Le iniziative che non necessitano dell'approvazione del Sovrintendente scolastico sono le seguenti:

  • quelle proposte dalle istituzioni scolastiche, che le stesse attueranno in virtù della loro autonomia di ricerca e sviluppo, di cui all'art. 8 della legge provinciale n. 12 del 2000;
  • quelle proposte dagli enti accreditati sia dal Ministero della Pubblica Istruzione sia dal Sovrintendente scolastico. Attualmente risultano accreditati da parte dell'Intendenza scolastica i seguenti enti: Caifs, Cls, Germoglio e Scintille.it.

Per l'uso del servizio non è richiesto di presentare ulteriori documenti.

L'uso del servizio è gratuito.

L'aggiornamento culturale e professionale del personale dirigente e docente delle scuole in lingua italiana della provincia di Bolzano è regolamentato dall'art. 14 della legge provinciale 30 giugno 1987, n. 13, tenendo conto delle modifiche apportate sia dalla legge provinciale 29 giugno 2000, n. 12, concernente l'autonomia delle scuole, sia dalla delibera della Giunta provinciale 13/08/1999, n. 3429, con cui è stata data la delega al Sovrintendente scolastico per l’approvazione del Piano Provinciale di Aggiornamento.

Nel sito dell'Intendenza scolastica italiana è possibile consultare i contratti collettivi provinciali per il personale docente che:

  • regolano la formazione del personale docente e la fruizione del diritto alla formazione,
  • fissano gli obiettivi formativi prioritari
  • stabiliscono i criteri di elaborazione del piano di aggiornamento redatto delle singole scuole e dai docenti all'inizio di ogni anno scolastico.

Per maggiori informazioni la invitiamo a consultare il sito Web dell'istituzione competente dedicato a questo servizio.

(Ultimo aggiornamento del servizio: 02/07/2014)

Ente competente

Ripartizione Innovazione e Ricerca pedagogica
"Edificio Plaza", via del Ronco 2, 39100 Bolzano
Telefono: 0471 41 13 55 (Sandra Rech)
Fax: 0471 41 13 29
E-mail: areapedagogica@provincia.bz.it
PEC: ipi@pec.prov.bz.it
Website: http://www.ipbz.it/

Orario d'ufficio:

Lunedì, martedì, mercoledì e venerdì: dalle ore 9.00 alle ore 12.00;

Giovedì: dalle ore 8.30 alle ore 13.00; il pomeriggio su appuntamento.

Scadenze

Per l'uso del servizio non ci sono da rispettare termini particolari.