Borse di studio per studentesse / studenti frequentanti istituzioni universitarie o scuole ed istituti di istruzione e formazione tecnica superiore

Un servizio dell'amministrazione provinciale dell'Alto Adige

Descrizione generale

!!! Importanti innovazioni nelle borse di studio dovute all'emergenza sanitaria COVID 19 !!!

Studenti e studentesse che non sono stati in grado di sostenere gli esami previsti dal piano di studi durante l'emergenza sanitaria hanno la possibilità di richiedere

- un ulteriore proroga di un anno ovvero due semestri e/o

- una borsa di studio straordinaria.


La Provincia Autonoma di Bolzano offre borse di studio per studentesse e studenti frequentanti istituzioni universitarie o scuole ed istituti di istruzione e formazione tecnica superiore che vengono assegnate tramite bandi di concorso pubblici.

Annualmente alle studentesse e agli studenti può essere concessa una borsa di studio se, oltre al soddisfacimento dei requisiti d’accesso generali, hanno raggiunto il merito di studio necessario, non hanno superato l’età massima e la durata legale del corso di studi considerando la possibilità di proroga e non beneficiano per lo stesso corso di studi di altri incentivi. L'ammontare della borsa di studio viene calcolata in base alla situazione economica del nucleo familiare.

La valutazione della situazione economica della famiglia si basa sul "valore della situazione economica" (VSE). Il VSE è redatto nell'ambito della "Dichiarazione Unificata di Reddito e Patrimonio" DURP. Le dichiarazioni DURP con il certificato VSE sono gratuite e possono essere richieste presso i patronati o i Centri di Autorizzati di Assistenza fiscale (CAAF) convenzionati. Poiché la dichiarazione DURP deve essere disponibile al momento della domanda per poter indicare il VSE nella domanda, si prega di fissare un appuntamento subito - la lista dei patronati e i CAAF è disponibile qui.

Le studentesse/gli studenti, che frequentano un’università in Provincia di Bolzano, possono ricevere una borsa di studio, se:

  • sono cittadini/cittadine di Stati membri dell’Unione Europea, o
  • sono cittadini/cittadine di Stati non appartenenti all’Unione Europea, con permesso di soggiorno per soggiornanti di lungo periodo, o che hanno ottenuto il riconoscimento dello status di rifugiato/rifugiata o di protezione sussidiaria ai sensi della direttiva 2011/95/UE e di conseguenza sono equiparati/equiparate ai cittadini e cittadine italiani/e, o
  • sono cittadini/cittadine di Stati non appartenenti all’Unione Europea, con permesso di soggiorno ma non per soggiornanti di lungo, e che, al momento della presentazione della domanda e sino al termine fissato dal bando di concorso per la presentazione della stessa, hanno la residenza anagrafica ininterrotta da almeno un anno in provincia di Bolzano;

Studenti e studentesse che frequentano un’università fuori Provincia di Bolzano possono, indipendentemente dalla loro cittadinanza, partecipare al concorso se, al momento della presentazione della domanda e sino al termine fissato dal bando di concorso per la presentazione della stessa, hanno la residenza anagrafica ininterrotta da almeno due anni in provincia di Bolzano.

I richiedenti e le richiedenti devono essere iscritti o iscritte in qualità di studenti ordinari o studentesse ordinarie e frequentare il loro primo corso di studi del I o II ciclo secondo questa tabella

Sono esclusi studenti e studentesse che

  • hanno compiuto il 35° anno di età e sono iscritti o iscritte ad un corso di studio della durata di tre anni (I ciclo);
  • hanno compiuto il 40° anno di età e dopo il bachelor/la laurea triennale proseguono il loro studio con un master, una laurea magistrale, un master di primo livello o un corso accademico di II ciclo (p.es. presso un conservatorio) oppure sono iscritti ad un corso di studi del vecchio ordinamento (ciclo I + II).

Gli studenti e le studentesse non devono aver superato la durata normale del corso di studio e devono aver conseguito il merito di studio come da articolo 3 del bando di concorso.

Oltre a ciò il nucleo familiare di base dello studente o della studentessa deve presentare un valore della situazione economica" (VSE) che abilita a ricevere una borsa di studio (vedi tabella).

Ulteriori informazioni e dettagli possono essere tratti dal regolamento e dal bando di concorso.

Gli studenti/Le studentesse dichiarano i dati richiesti sotto propria responsabilità. Pertanto, l'amministrazione provinciale rinuncia, in gran parte, alla presentazione di documenti, ma effettua controlli a campione sulla veridicità delle dichiarazioni. In caso di dichiarazioni false vengono applicate sanzioni. Trasgressioni gravi vengono segnalate all'autorità giudiziaria.

In alcuni casi, laddove l'amministrazione provinciale non ha la possibilità di reperire direttamente i dati da soggetti pubblici o privati di diritto italiano, è richiesta la presentazione di documenti da allegare alla domanda online oppure, nei casi espressamente indicati, da presentare personalmente all'ufficio per il diritto allo studio universitario entro la scadenza del termine per la presentazione delle domande. L'elenco dei documenti richiesti è riportato all'art. 5, comma 3 a 7 del bando di concorso.

Questo provvedimento rientra nell'ambito della Legge provinciale 30 novembre 2004, n. 9, per il Diritto allo studio universitario.

Con decreto del presidente della provincia, n. 30 del 04.09.2020, è stato emanato il nuovo regolamento, e con decreto della direttrice della ripartizione del Diritto allo studio, nr. 16831/2020 del 24.09.2020, è stato bandito il bando di concorso per l'anno accademico 2020/2021.

Regole per le domande online per le borse di studio

Le domande possono essere inoltrate esclusivamente online tramite il servizio E-government e quindi con:

  • Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPID) oppure
  • Carta Provinciale dei servizi attivata, con l'utilizzo di un lettore oppure
  • (in casi specifici) un account certificato.

Con lo SPID, il Sistema Pubblico di Identità Digitale, le persone maggiorenni con cittadinanza italiana oppure in possesso di un valido documento di identità italiano ottengono una identità digitale unica (nome utente e password) e, di conseguenza, l'accesso a tutti i servizi online della pubblica amministrazione. La registrazione avviene presso uno degli otto providers per lo SPID. Informazioni sullo SPID sono disponibili su myCIVIS, la nuova rete civica dell'Alto Adige, https://my.civis.bz.it/public/it/spid.htm e su www.spid.gov.it/richiedi-spid.

Informazioni sulla Carta dei Servizi sono reperibili sulla homepage della nuova rete civica dell'Alto Adige https://my.civis.bz.it/public/it/carta-servizi.htm.

In caso di problemi tecnici o per informazioni dettagliate riguardo ad entrambe le modalità di accesso contattare il numero verde 800 816 836 dall'Italia o +39 081 19737205 dall'estero.

Le studentesse e gli studenti che al momento della presentazione della domanda non hanno la cittadinanza italiana e non dispongono di un documento valido (carta di identità, patente di guida, passaporto), emesso da un'autorità italiana, possono accedere al sistema e-government esclusivamente con un account certificato (attenzione: il codice fiscale emesso dall'Agenzia delle Entrate non vale come documento di identità!). Solo questi studenti sono autorizzati a farsi creare un account certificato dall'Ufficio per il diritto allo studio universitario, dietro presentazione del codice fiscale ufficiale emesso dall'Agenzia delle Entrate e di un documento di identità/passaporto.

Tutte le comunicazioni agli studenti/alle studentesse avvengono esclusivamente tramite posta elettronica.

La graduatoria provvisoria e la graduatoria definitiva delle borse di studio vengono pubblicate alla pagina www.provinz.bz.it/borsa-di-studio. Gli esiti vengono pubblicati facendo riferimento al numero di transazione che viene assegnato automaticamente e risulta visibile su ogni domanda inviata. Le date di pubblicazione degli esiti sono riportate nella tabella "Riepilogo scadenze".

ATTENZIONE: non viene fatta alcuna comunicazione degli esiti agli studenti per posta o via e-mail!

(Ultimo aggiornamento del servizio: 15/10/2020)

Ente competente

Ufficio per il diritto allo studio universitario
Palazzo 7, via Andreas Hofer 18, 39100 Bolzano
Telefono: 0471 41 29 45 Martina Torresan
0471 41 29 26 Petra Pfeifer
E-mail: dirittostudio.universitario@provincia.bz.it
PEC: hochschulfoerderung.dirittostudiouni@pec.prov.bz.it
Website: http://www.provincia.bz.it/

Orario d'ufficio:

Lunedì, martedì, mercoledì, venerdì: ore 9.00 - 12.00
Giovedì: ore 8.30 - 13.00, ore 14.00 - 17.30

Scadenze

Il servizio per le domande online è attivo dal 30 settembre 2020. Il termine ultimo è il 20 novembre 2020.