Autorizzazione stagionale al lavoro per cittadini extracomunitari

Un servizio dell'amministrazione provinciale dell'Alto Adige

Descrizione generale

L'ingresso in Italia per motivi di lavoro subordinato, anche stagionale, avviene tramite il sistema delle quote di ingresso stabilite annualmente con il cosiddetto „decreto-flussi”. Il decreto flussi viene emanato periodicamente dal Presidente del Consiglio dei Ministri sulla base dei criteri indicati nel documento programmatico triennale sulle politiche dell'immigrazione.

La procedura di richiesta di ingresso e lavoro è gestita unicamente per via telematica sul sito https://nullaostalavoro.dlci.interno.it dove il datore di lavoro può svolgere tutta la pratica, oppure si può avvalere del supporto dei numerosi enti o patronati abilitati.

La Provincia Autonoma di Bolzano ha a disposizione soltanto quote per lavoro subordinato stagionale ovvero autorizzazioni al lavoro per il settore turistico-alberghiero e per l’agricoltura per una durata massima di 9 mesi all’anno. Dopodiché, il richiedente deve rientrare nel suo Paese di provenienza.

Con delibera di data 8 maggio 2018, n. 414, la Provincia Autonoma di Bolzano ha stabilito che le quote per lavoro stagionale vengono rilasciate soltanto a quei cittadini extracomunitari che negli ultimi tre anni hanno lavorato almeno una volta in Alto Adige nel settore stagionale (con delibera di data 15.10.2019, n. 844, tale disposizione è stata revocata. Dal 2020 in poi possono fare richiesta per il rilascio di un nulla osta al lavoro stagionale anche cittadini extracomunitari che non hanno mai lavorato in Alto Adige).

Una volta fatta la domanda online sul sito del Ministero dell’Interno, sia la Questura di Bolzano, che l’Ufficio Servizio lavoro devono dare parere positivo al rilascio del nulla osta. La Questura controlla se ci sono motivi ostativi all’ingresso in Italia del cittadino extracomunitario (p.e. condanne penali). L’Ufficio Servizio lavoro controlla, se il cittadino extracomunitario ha lavorato negli ultimi tre anni nella Provincia di Bolzano (questa disposizione non vale più per l’anno 2020 – vedi sopra).

Una volta rilasciato il nulla osta al lavoro, questo viene inviato telematicamente all’Ambasciata del Paese di provenienza del richiedente. Con l’invio del nulla osta, il cittadino extracomunitario ottiene il visto d’ingresso per l’Italia.

Entro 8 giorni dall’ingresso in Italia, il cittadino extracomunitario deve firmare il contratto di soggiorno per motivi di lavoro presso l’Ufficio Servizio lavoro a Bolzano (Via Canonico Michael Gamper, n. 1).

Con il versamento di un contributo presso l’ufficio postale (kit postale), il cittadino extracomunitario riceve un appuntamento presso la Questura per le impronte digitali e per il rilascio del permesso di soggiorno per il lavoro stagionale.

Il cittadino extracomunitario in attesa del rilascio del permesso di soggiorno per lavoro subordinato stagionale può lavorare se ha firmato il contratto di soggiorno per motivi di lavoro ed è in possesso della copia della ricevuta attestante l’avvenuta presentazione della richiesta del permesso di soggiorno rilasciato dall’ufficio postale abilitato (vedi nota del Ministero dell’interno del 20 febbraio 2007).

Vedasi lista nella domanda di autorizzazione al lavoro

(Ultimo aggiornamento del servizio: 26/11/2019)

Ente competente

Ufficio Servizio lavoro
Palazzo 12, via Canonico Michael Gamper 1, 39100 Bolzano
Telefono: 0471 41 86 00
0471 41 86 01
E-mail: sl@provincia.bz.it
PEC: as.sl@pec.prov.bz.it
Website: http://www.provincia.bz.it/lavoro

Orario d'ufficio:

Lunedì, martedì, mercoledì, venerdì: ore 9.00 - 12.00
Giovedì: ore 8.30 - 13.00, ore 14.00 - 17.30