Contributo per la copertura previdenziale dei periodi di cura ai familiari non autosufficienti

Un servizio dell'amministrazione provinciale dell'Alto Adige

Descrizione generale

Si tratta di un contributo che viene erogato a sostegno della contribuzione previdenziale per i periodi dedicati all'assistenza domiciliare di familiari o di minori affidati/e a tempo pieno, gravemente non autosufficienti, cioè che sono stati inquadrati nel 2°, 3° o 4° livello assistenziale provinciale, oppure, nel caso di bambini fino ai cinque anni, con grado di invalidità pari o superiore al 74 per cento, o ciechi civili, o sordi.

ATTENZIONE

Le domande possono essere inoltrate esclusivamente in via telematica tramite i Patronati.

Il contributo spetta a coloro che abbiano effettuato versamenti volontari alla propria cassa previdenziale in qualità di:  

  1. lavoratori dipendenti con contratto part time inferiore al 70%;
  2. lavoratori dipendenti in aspettativa non retribuita e senza copertura previdenziale;
  3. iscritti alla Gestione Separata dell’INPS;
  4. persone che non svolgono alcuna attività e che non risultano iscritte a forme previdenziali obbligatorie (p.es. casalinghe, studenti).

Il contributo spetta a coloro che abbiano effettuato versamenti obbligatori alla propria cassa previdenziale in qualità di:  

  1. lavoratori autonomi o liberi professionisti.

Inoltre spetta a coloro che siano iscritti a un fondo pensione complementare da più di sei mesi con versamenti regolari a proprio carico con cadenza almeno trimestrale o in alternativa abbiano versato nel proprio fondo pensione un importo pari o superiore a 360,00 € a proprio carico. 

Al momento della presentazione della domanda la persona richiedente deve essere:  

  • residente in Provincia di Bolzano e inoltre;

  • residente da almeno 5 anni nella regione Trentino-Alto Adige oppure avere una residenza storica di 15 anni nella regione Trentino-Alto Adige, di cui almeno uno immediatamente antecedente la domanda.

Il contributo non spetta:  

- ai titolari di pensione diretta;

- per i periodi durante i quali sono stati riconosciuti contributi figurativi (per esempio per maternità anche per altri figli, Aspi, Naspi).  

Il contributo può essere concesso fino al raggiungimento del requisito minimo per ottenere la pensione di anzianità o di vecchiaia oppure oltre l‘età pensionabile prevista, se la persona richiedente non ha raggiunto i 20 anni contributivi.  

Grado di parentela.  

Il  contributo viene concesso per l’assistenza:  

  • del/della coniuge
  • della persona con cui si è uniti civilmente
  • dei parenti fino al quarto grado e degli affini fino al terzo grado
  • dell’eventuale convivente di fatto presente nella certificazione anagrafica del/della richiedente e dei relativi parenti fino al terzo grado
  • di minori in affidamento a tempo pieno 

Il famigliare assistito deve essere inquadrato nel 2°, 3° o 4° grado di non autosufficienza oppure nel caso di minori di 5 anni puó anche essere invalido civile al 74%, cieco o sordo.  

Il contributo è compatibile con l’iscrizione del/della familiare assistito/a a strutture educative e centri diurni per disabili. 

Per uno stesso periodo e per uno/a stesso/a familiare assistito/a, la domanda può essere presentata solo da una persona richiedente. 

Il contributo non è vincolato alla condizione economica del nucleo familiare.  

Il contributo viene concesso dietro presentazione della domanda inoltrata in via telematica tramite i Patronati alla quale si allegano i seguenti documenti:

Per coloro che richiedono il contributo per il fondo pensione:  

  • Copia dei movimenti del fondo pensione da cui si evince la regolarità contributiva trimestrale per almeno 6 mesi, oppure

  • Copia del versamento e/o copia del saldo del fondo pensione da cui si evince un saldo di almeno 360 € di versamenti individuali;

  • Copia della comunicazione del fondo pensione con indicazione del numero di IBAN del fondo stesso, solo se l’IBAN indicato nell’elenco delle domande online è errato o se il fondo non è presente nell’elenco.  

Per i/le liberi/e professionisti/e iscritti a una cassa professionale  

  • Copia della comunicazione della propria cassa attestante gli importi richiesti per i versamenti e il relativo periodo contributivo e copia dei versamenti effettuati per il periodo contributivo richiesto.  

Per quanto riguarda i minori affidati è necessario allegare copia dell’attestato rilasciato dal distretto sociale di competenza.

L'uso del servizio è gratuito.

Art. 2 della legge regionale 18.2.2005, n. 1 e successive modifiche. 

Decreto del Presidente della Regione del 4 giugno 2008, N. 3/L.

A quanto ammonta il contributo 

Massimali annui  

Persone casalinghe, dipendenti in aspettativa, autonomi/e, liberi/e professionisti/e

Dipendenti part-time fino al 70%

Tipo di versamento

Contributo spettante per l’assistenza a familiari inquadrati nel 2., 3. o 4. livello di non autosufficienza

Contributo spettante per l’assistenza a figli o bambini affidati  minori di 5 anni con invaliditá fino al 74%, o ciechi civili o sordi e/o inquadrati nel 2., 3. o 4. livello di non autosufficienza*

Versamenti volontari e obbligatori

€ 4.000,00

€ 9.000,00

€ 2.000,00

Fondo pensione

€ 4.000,00

€ 4.000,00

€ 2.000,00

Contributi INPS e fondo pensione

€ 4.000,00

€ 9.000,00

€ 2.000,00

In caso di prosecuzione volontaria o di versamenti previdenziali obbligatori, con il contributo regionale vengono rimborsati alla persona richiedente i contributi previdenziali versati in riferimento al periodo per il quale si fa domanda, entro il limite del massimale spettante proporzionalmente al periodo per il quale è stata fatta domanda.  

In caso di sostegno della previdenza complementare, l‘importo spettante viene calcolato sulla base del massimale spettante proporzionalmente al periodo per il quale si fa domanda, senza necessità di alcun esborso da parte della persona richiedente, salvi i requisiti di regolarità contributiva e viene versato direttamente sul fondo pensione della persona richiedente.  

Se il contributo regionale viene richiesto per entrambe le forme pensionistiche, la quota di contributo concesso per i versamenti nel fondo pensione complementare non può comunque superare il massimale annuo previsto per tale contributo.  

Attenzione  

*: NB: Il contributo per l'assistenza per bambini non autosufficienti minori di cinque anni spetta con massimale maggiorato solo se:  

  1. sono figli del/della coniuge, della persona con cui si è uniti civilmente o del/della convivente o minori affidati a tempo pieno;
  2. per il periodo richiesto per il contributo convivono con il/la richiedente e risultano dalla certificazione anagrafica dello/a stesso/a (in caso di affidamento si può prescindere dalla situazione anagrafica);
  3. i bambini minori di cinque anni per il periodo richiesto per il contributo non sono stati iscritti a strutture educative e centri diurni per disabili.  

(Ultimo aggiornamento del servizio: 07/06/2018)

Ente competente

ASSE Agenzia per lo sviluppo sociale ed economico
Palazzo 12, via Canonico Michael Gamper 1, 39100 Bolzano
Telefono: 0471 41 83 18 (Elisabeth Brichta)
Fax: 0471 41 83 29
E-mail: aswe.asse@provincia.bz.it
PEC: aswe.asse@pec.prov.bz.it
Website: http://www.provincia.bz.it/asse

Orario d'ufficio:

Lunedí, martedì, mercoledí e venerdì dalle ore 9.00 fino alle ore 12.00

Giovedì dalle ore 8.30 alle ore 13.00 e dalle ore 14.00 fino alle ore 17.30

Scadenze

La domanda deve essere inoltrata entro il 31 ottobre di ogni anno successivo a quello contributivo. 

Entro 6 mesi dalla data di scadenza prevista per il pagamento degli versamenti volontari arretrati stabilita dalla cassa che ha autorizzato il versamento del contributo volontario.