Interventi provinciali per lo sviluppo dell'economia cooperativa, Legge provinciale 8 gennaio 1993, n. 1 - Contributi per l'assistenza tecnica

Un servizio dell'amministrazione provinciale dell'Alto Adige

Descrizione generale

Il servizio prevede la concessione di contributi  a favore di cooperative sociali e di particolari tipologie di cooperative di produzione e lavoro per iniziative di assistenza tecnica a favore delle stesse.

Possono beneficiare degli interventi previsti dalla legge le società cooperative iscritte al Registro delle cooperative della provincia di Bolzano, che hanno la propria sede legale nel territorio provinciale e che vi svolgono prevalentemente la propria attività, purché rientranti nelle seguenti tre tipologie:

  • cooperative sociali (di "tipo a" o di "tipo b");
  • cooperative di produzione e lavoro composte per almeno il 60 per cento da lavoratori e lavoratrici che siano stati licenziati a seguito di fallimento o di altra procedura concorsuale, di chiusura definitiva dell'azienda o di consistenti riduzioni di personale;
  • cooperative di produzione e lavoro che subentrino nella gestione di imprese e composte da almento il 60 per cento da lavoratori e lavoratrici che per almeno un anno siano stati dipendenti dell'impresa che si intende rilevare; 
  • le cooperative che svolgono attività imprenditoriali innovative o con particolare valenza sociale;
  • le cooperative che svolgono attività imprenditoriali, con particolare riguardo alla formazione professionale e all'inserimento lavorativo delle donne e dei giovani nonché alla qualificazione, riqualificazione e integrazione lavorativa di persone con difficoltà di inserimento nel mercato del lavoro. Tali finalità devono risultare dalle disposizioni statutarie e avere un peso preponderante nell'attività della cooperativa. Il 60 per cento della compagine sociale, nonchè del personale della cooperativa devono essere donne, persone giovani o con difficiltà di inserimento nel mercato del lavoro.

Sono ammesse ad agevolazione le spese riguardanti le seguenti iniziative:

  • studi di fattibilità;
  • spese di tutoraggio per un periodo massimo di tre anni nel caso di nuove cooperative e di un anno, nei casi di ristrutturazione aziendale, prorogabile di un ulteriore anno in casi di comprovata complessità.

Si considerano "nuove cooperative" le cooperative costituite da non più di due anni al momento della presentazione della domanda di agevolazione.

L'entità dell'intervento deve essere proporzionata alle effettive necessità della cooperativa.

L'ammontare massimo dell'agevolazioni è fissato nell'80% del costo ammissibile.

È fatta salva la possibilità di ricevere servizi di assistenza dalle associazioni di rappresentanza, ai sensi dell'articolo 9 della legge.

Le domande devono essere redatte utilizzando l’apposita modulistica predisposta dall'Ufficio competente, convertite in formato PDF, sottoscritte con firma digitale o firma elettronica qualificata e indirizzate attraverso un'unica comunicazione PEC o per e-mail all’Ufficio provinciale competente.  In ogni caso la domanda va inoltrata prima dell’avvio del progetto stesso, pena il rigetto della domanda di agevolazione. 

Alla domanda di contributo sono da allegare i seguenti documenti:

  • Prospetto di sviluppo aziendale ove si specifichi:
    • origine e principali vicende della cooperativa;
    • attività svolta (ubicazione della società, servizio offerto; destinatari del servizio);
    • piano finanziario;
    • attività di assistenza da prestare, con l'indicazione della persona fisica o giuridica che eroga l'intervento di assistenza tecnica;
  • documentazione e preventivi attia a dimostrare gli investimenti;
  • curricula di tutti i consulenti coinvolti;
  • per le sole coopertave di "tipo B": relazione dettagliata sul personale svantaggiato inserito.

Alla domanda va allegata una marca da bollo da Euro 16,00. Si chiede di voler sottoscrivere l'autocertificazione.

Le cooperative ONLUS sono esenti.

Mantenimento delle agevolazioni

Per tutta la durata dell'iniziativa devono essere rispettati i vincoli previsti per la tipologia di cooperativa in ragione della quale le agevolazioni sono state concesse (ad esempio: rispetto della quota del 30% di soggetti svantaggiati rispetto al totale dei lavoratori per le cooperative sociali di tipo B).

(Ultimo aggiornamento del servizio: 12/09/2017)

Ente competente

Ufficio Sviluppo della cooperazione
Palazzo 10, via Crispi 15, 39100 Bolzano
Telefono: 0471 41 49 30
Fax: 0471 41 49 39
E-mail: coop@provincia.bz.it
PEC: gen.coop@pec.prov.bz.it
Website: http://www.provincia.bz.it/lavoro-economia/cooperative/

Orario d'ufficio:

Dal lunedì al venerdì dalle 09.00 alle 12.00. Il giovedì dalle e 8.30 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 17.30.

Scadenze

Le domande di agevolazione devono essere presentate all'Ufficio sviluppo della cooperazione, prima di avviare l'iniziativa, utilizzando la prevista modulistica.