Contributi per le spese revisionali di cooperative non aderenti LR 8/64 Art. 8

Un servizio dell'amministrazione provinciale dell'Alto Adige

Descrizione generale

Il servizio é destinato alle cooperative non aderenti ad un'associazione di rappresentanza e prevede la concessione di un contributo per le spese di revisione ordinari.

Il contributo é concesso dietro presentazione di apposita domanda, da redigersi secondo la modulistica predisposta dall'Ufficio sviluppo della cooperazione.

Per spesa ammissibile si intende la spesa effettivamente sostenuta per la revisione ordinaria delle cooperative, iscritte al Registro provinciale degli Enti cooperative, che risultano "attivi" nel Registro delle imprese e che svolgono la loro attività prevalentemente in Provincia di Bolzano.
 
 

Le domande devono essere redatte utilizzando l’apposita modulistica predisposta dalla ripartizione provinciale competente, convertite in formato PDF, sottoscritte con firma digitale o firma elettronica qualificata e indirizzate attraverso un'unica comunicazione PEC all’Ufficio provinciale competente.

La domanda deve essere corredata della nota spese ovvero della fattura del revisore in originale e completa di quietanza di pagamento.

L'attestazione dell’avvenuto pagamento della ritenuta d’acconto (mod. F24) per ogni nota onoraria/parcella (per pagamenti cumulativi della ritenuta d’acconto è necessario allegare una specifica).

Alla domanda va allegata una marca da bollo da Euro 16,00. Si chiede di voler sottoscrivere l'autocertificazione.

Le cooperative sociali sono escluse.

Il contributo é erogato nella misura massima del 50% delle spese revisionali sostenute.

MODALITÀ DI RENDICONTAZIONE

I documenti di spesa devono
- essere regolarmente conservati presso la sede dell’ente beneficiario del contributo e sono oggetto di controlli;
- essere conformi alle vigenti leggi tributarie nell’ambito dell’IVA, delle ritenute d’acconto, imposte di bollo, numero codice fiscale, ecc.;
- essere intestate all’ente beneficiario del contributo (non ai soci);
- riferirsi alle finalità e al periodo per cui è stato concesso il contributo e alle spese ammissibili; in caso di contributi per investimento, le spese elencate devono corrispondere al preventivo di spesa allegato alla domanda di contributo e al cronoprogramma;
- fatture (qualora fosse redatte in forma sintetica, devono essere corredate da una dichiarazione, firmata da chi ha emesso le fatture, da cui risultino le singole voci e i relativi prezzi, la cui somma costituisce l’importo totale);
- parcelle, con dettaglio delle spese anticipate dal professionista “in nome e per conto” dichiarate nelle fatture e note spese (ex art. 15 DPR 633/72);

- essere quietanzati (p.es. bonifico bancario, F24, ecc.) :
- per pagamenti con homebanking il documento di spesa deve riportare la dicitura „pagamento effettuato“ (è necessario stampare il documento di spesa trascorso almeno 48 ore dal pagamento);
- estratto conto con pagamento evidenziato;
- attestazione di avvenuto pagamento da parte della banca;
- estratto conto paypal o carta di credito;
- attestazione dell’avvenuto pagamento della ritenuta d’acconto (mod. F24) per ogni nota onoraria/parcella (per pagamenti cumulativi della ritenuta d’acconto è necessario allegare una specifica);
- in presenza di pagamenti cumulativi, l’organizzazione deve fornire un dettaglio dei singoli documenti cui si riferisce il pagamento al fine di un’immediata riconducibilità (p.es: all’F24 con cui si versano le ritenute IRPEF relative a più compensi deve essere allegato un dettaglio che indichi le singole parcelle a cui si referiscono le ritenute);
- le spese esenti di IVA devono essere documentate tramite apposita nota riportante con esattezza la clausola di esenzione;
- sulle note esenti da IVA di importo superiore ad euro 77,47 euro va applicata una marca da bollo da euro 2,00, ad eccezione delle onlus;
- il pagamento deve essere effettuato mediante bonifico bancario, postale, carta di credito o pagamenti rintracciabili, intestati alla cooperativa richiedente;
- non sono ammesse forme di compensazione.
 

Per maggiori informazioni la invitiamo a consultare il sito Web dell'istituzione competente dedicato a questo servizio.

(Ultimo aggiornamento del servizio: 05/07/2018)

Ente competente

Ufficio Sviluppo della cooperazione
Palazzo 10, via Crispi 15, 39100 Bolzano
Telefono: 0471 413795
Fax: 0471 41 49 39
E-mail: coop@provincia.bz.it
PEC: gen.coop@pec.prov.bz.it
Website: http://www.provincia.bz.it/lavoro-economia/cooperative/

Orario d'ufficio:

Lunedí, martedí, mercoledí, venerdí: ore  09.00 - 12.00
Giovedí: 08.30 - 13.00     14.00 - 17.30 Uhr

Scadenze

La domanda deve essere presentata all'Ufficio Sviluppo della cooperazione entro sei mesi dal ricevimento della relazione di revisione spedita dall'Ufficio.