Ciclomotori

Un servizio dell'amministrazione provinciale dell'Alto Adige

Descrizione generale

A partire dal 14/07/2006 è entrata in vigore la legge che prevede la nuova targatura del ciclomotore. Dopo questa data non è piú possibile circolare con la targa di vecchio tipo.

Si considerano ciclomotori i veicoli a due o tre ruote aventi un motore di cilindrata a 50 cc ed una velocitá  massima di 45 km/h. Anche i minicar a quattro ruote rientrano in questa categoria.

Ciclomotore nuovo: presentare certificato di conformita’ ed eventualmente dichiarazione per l’immatricolazione in Italia rilasciata dal rivenditore. In questo caso viene rilasciato un certificato di circolazione al quale viene abbinato una targa.

La targa è personale, ció significa che è legata alla persona ed in caso di vendita del ciclomotore il proprietario dovra’ staccarla e fare la sospensione, così da poterla riutilizzarla nel caso di acquisto di un nuovo ciclomotore.

Ciclomotore usato: presentare certificato di sospensione contenente i dati identificativi del ciclomotore. In questo caso si provvederá alla stampa di un nuovo certificato di circolazione al quale si abbinerá una nuova targa.

Vendita ciclomotore: in caso di vendita di ciclomotore bisogna presentare richiesta di sospensione. Tale dichiarazione sará da consegnare al nuovo acquirente che provvederá a richiedere un nuovo certificato di circolazione e relativa targa.

La dichiarazione di sospensione é gratuita per il venditore solo se contestualmente viene perfezionato il passaggio di proprietá. Quindi venditore e compratore devono essere presenti entrambi.

Esportazione: In caso di esportazione del ciclomotore all’estero, l’intestatario è tenuto a presentare la richiesta al fine di ottenere un certificato di avvenuta cessazione per esportazione. Nel caso di esportazione in paesi facenti parti della UE verrá restituito il certificato di circolazione in originale. Per esportazione in Paesi non comunitari verrá rilasciata solo una fotocopia del certificato di circolazione.

Rottamazione: in caso di demolizione del ciclomotore, il proprietario si rivolge ad un rottamatore ufficiale che provvede alla demolizione materiale, rilasciando una dichiarazione che servirá alla cancellazione del ciclomotore.

Duplicato del certificato di circolazione: In caso di furto, smarrimento o distruzione del certificato di circolazione, si puó ottenere il duplicato dello stesso, nel quale viene annotato il medesimo numero di targa. Nel caso di smarrimento o distruzione bisogna provvedere a fare denuncia presso un organo di Polizia.

Smarrimento targa: In caso di smarrimento o deterioramento della targa si provvede alla reimmatricolazione del ciclomotore muniti della denuncia di smarrimento presentata presso un organo di Polizia.

Dove?

La persona interessata può rivolgersi personalmente al Servizio Sportello della Ripartizione Mobilità - Bolzano, RIBO-Center 12, 39100 Bolzano, dove verrà eseguita la richiesta che deve essere firmata dal cittadino.

E' anche possibile rivolgersi ad un'agenzia di pratiche automobilistiche (per richieste riguardanti il veicolo) o autoscuola (per richieste riguardanti la patente).

Se il proprietario e´minorenne, la richiesta deve essere firmata da un genitore o da una persona che ne tiene la potesta’.

Ciclomotore nuovo:

- dichiarazione di conformitá

Ciclomotore usato:

- dichiarazione di sospensione

Smarrimento:

- denuncia di smarrimento

- Documento riconoscimento valido, se minorenne anche del genitore.

- cittadini non comunitari devono esibire la carta di soggiorno oppure il permesso di soggiorno in corso di validità; qualora fosse scaduto è richiesta anche l'attestazione di rinnovo dello stesso

·         Immatricolazione e reimmatricolazione: Euro 55,78

·         Passaggio di proprieta’ con targa: Euro 55,78

·         Passaggio di proprieta’ senza targa: Euro 42,20

·         Dichiarazione di sospensione volontaria: Euro 42,20

·         Esportazione o demolizione: Euro 42,20

articolo 97 del CDS, DL 30/04/1992 nr.285

DPR 6 marzo 2006, n.153

(Ultimo aggiornamento del servizio: 29/11/2016)

Ente competente

38.0.1. Servizio sportello ripartizione mobilità
via Renon 12, 39100 Bolzano
Telefono: 0471 41 35 20
0471 41 35 21
Fax: 0471 41 35 39
E-mail: sportello.mobilita@provincia.bz.it
Website: http://www.provincia.bz.it/mobilita/

Orario d'ufficio:

Servizio sportello della Ripartizione mobilità

Lunedì - venerdì: ore 8.30 - 12.00
Giovedì: ore 8.30 - 16.00

Scadenze

Per l’uso del servizio non ci sono da rispettare termini particolari.