Agevolazioni ricerca - Mobilità di ricercatrici e ricercatori – bando di concorso

Un servizio dell'amministrazione provinciale dell'Alto Adige

Descrizione generale

Il bando ha i seguenti obiettivi:

  1. offrire alle ricercatrici e ai ricercatori operanti in Alto Adige l’occasione di acquisire competenze di ricerca fuori dal territorio Euregio Tirolo-Alto Adige-Trentino (outgoing researcher),
  2. attrarre in Alto Adige ricercatrici e ricercatori riconosciuti operanti fuori dal territorio Euregio Tirolo-Alto Adige-Trentino (incoming researcher),
  3. supportare l´ampliamento delle reti scientifiche degli enti di ricerca altoatesini e contribuire allo sviluppo e all’internazionalizzazione del panorama scientifico in Alto Adige e all’aumento delle competenze di ricerca in Alto Adige.

Gli enti di ricerca devono presentare un progetto di ricerca motivando la permanenza del ricercatore/ della ricercatrice nel luogo di ricerca previsto. 

La durata del progetto puó durare da un minimo di 6 fino a un massimo di 24 mesi. Il periodo di mobilitá non puó essere inferiore al 60% della durata del progetto approvato, né superiore alla stessa.

Il bando è un´iniziativa prevista dalla legge provinciale n. 14 del 13 dicembre 2006 "Ricerca e Innovazione".

Possono presentare domanda gli enti di ricerca che hanno sede legale in Alto Adige di cui all´art. 5 e 6 del bando.

Possono essere richiesti contributi per la mobilitá internazionale di ricercatrici e ricercatori in ingresso (incoming) o in uscita (outoging) dall´Alto Adige.

L´outgoing researcher deve soddisfare i seguenti requisiti:

  1. aver concluso un dottorato di ricerca (PhD) o un corso di dottorato equippolente oppure aver svolto almeno quattro anni full time equivalenti di esperienza di ricerca
  2. aver svolto nell´arco di dieci anni almeno 36 mesi di attivitá di ricerca in Alto Adige
  3. operare da almeno sei mesi nell´ente di ricerca richiedente
  4. impegnarsi a rientrare in Alto Adige per almeno dodici mesi dalla conclusione del periodo di mobilitá internazionale.

L´incoming researcher deve soddisfare i seguenti requisiti:

  1. possedere un dottorato di ricerca (PhD) oppure aver concluso un corso di dottorato equipollente
  2. aver svolto almeno quattro anni full time equivalenti di esperienza di ricerca (incluso dottorato)

Informazioni piú dettagliate sono disponibili nel bando di concorso.

Le domande devono essere redatte in conformità ai moduli appositamente predisposti dall’Ufficio Ricerca Scientifica.

I seguenti documenti devono essere presentati in formato digitale:

  1. modulo della domanda interamente compilato,
  2. descrizione del progetto,
  3. elenco delle pubblicazioni scientifiche rilevanti per il progetto,
  4. curriculum scientifico del/la ricercatore/ ricercatrice,
  5. attestato del titolo di studio del/la ricercatore/ ricercatrice,
  6. eventuali lettere di raccomandazione del/della ricercatore/ricercatrice,
  7. budget del progetto,
  8. diagramma GANTT del progetto,
  9. cronoprogamma delle attivitá pluriennali e delle relative spese.

Inoltre in caso di Outgoing researchers si dovrá allegare una dichiarazione dell´ente di ricerca ospitante, con la quale esso si impegna a garantire attiva collaborazione nell´ambito del progetto.

Alla domanda deve essere allegata una marca da bollo nell´ammontare di 16,00 euro.

I contributi per la mobilitá di ricercatori e ricercatrici possono essere richiesti per ogni disciplina scientifica; non possono essere concessi retroattivamente.

Possono essere concessi contributi fino alla misura massima del 100% delle spese ammesse.

Il progetto puó essere avviato solo dopo la concessione del contributo.


Per il seguente bando sono a disposizione 880.000 euro cosí suddivisi: 80.000 euro nel 2018, 400.000 euro nel 2019 e 400.000 euro nel 2020.

Informazioni dettagliate riguardanti le spese ammissibili e non ammissibili sono reperibili nel Vademecum.

Procedura di valutazione:

Le domande, la cui documentazione risulti completa, sono sottoposte al Comitato tecnico di cui all´art.7 della legge provinciale del 13 dicembre 2006, n. 14. il quale valuta i progetti avvelendosi eventualmente di esperti esterni.

La valutazione verrá effettuata tenendo conto della qualitá e dell´originalitá del progetto di ricerca, dell´adeguatezza degli obiettivi, dell´importanza del progetto per il territorio altoatesino, della qualitá dell´ente di ricerca ospitante, della qualitá della supervisione, della formazione attuale del ricercatore e delle misure di diffusione dei risultati del progetto.

Sulla base della valutazione verrá stilata una graduatoria.

(Ultimo aggiornamento del servizio: 19/07/2018)

Ente competente

34.2. Ufficio Ricerca scientifica
Palazzo 5, via Raiffeisen 5, 39100 Bolzano
Telefono: 0471 413724 Dr. Laura Cherchi
0471 413715 Dr. Elisa Sixt
0471 413734 Dr. Adriano Esposti
Fax: 0471 41 36 14
E-mail: ricerca@provincia.bz.it
PEC: forschung.ricerca@pec.prov.bz.it
Website: http://www.provincia.bz.it/innovazione-ricerca/innovazione-ricerca-universita

Orario d'ufficio:

lunedì, martedì, mercoledì, venerdì: dalle ore 09:00 alle ore 12:00
giovedì: dalle ore 08:30 alle ore 13:00 e dalle ore 14:00 alle ore 17:30

Scadenze

Le domande devono essere prensentate entro le ore 23:59 del 31 ottobre 2018.