Agevolazioni ricerca - Progetti nel campo della ricerca scientifica - bando di concorso

Un servizio dell'amministrazione provinciale dell'Alto Adige

Descrizione generale

Nella legge provinciale n. 14 del 13 dicembre 2006 è ancorata l’indizione di bandi per il finanziamento di progetti di ricerca scientifica al fine di promuovere lo sviluppo e l’internazionalizzazione della ricerca.
In attuazione del regolamento di esecuzione concernente la promozione della ricerca scientifica il bando persegue l’obiettivo di incentivare la competenza di ricerca in Alto Adige.

Il bando sostiene la realizzazione di progetti singoli (annuali o pluriennali nel campo della ricerca) di ogni disciplina che corrispondano agli standard internazionali della ricerca scientifica.
I progetti non dovranno avere una durata superiore a 36 mesi. Sono esclusi progetti avviati prima dalla presentazione della domanda.

I beneficiari sono:

a)     organismi di ricerca scientifica
b)     soggetti del sistema dell’istruzione e dell’educazione permanente
c)      istituzioni, enti strumentali e aziende della provincia
d)     enti locali ed altri enti pubblici
e)     persone fisiche che esplicano attività scientifica nel campo della ricerca fondamentale
f)      forme associative e consortili fra i soggetti sopra indicati.

I beneficiari devono svolgere attività di ricerca scientifica a livello provinciale. L’università beneficiaria può avere sede anche in altre regioni o province della Repubblica italiana o in Paesi dell’area culturale tedesca ed è ammessa alle agevolazioni se forma un numero elevato di studenti altoatesini, è classificata dalla Giunta provinciale come organismo di formazione e di ricerca scientifica di rilevanza per la provincia di Bolzano e se esplica attività di ricerca scientifica specifiche per l’Alto Adige.

Il/la responsabile del progetto deve dimostrare la propria qualifica scientifica con il possesso di uno dei seguenti requisiti:

a)     conclusione di un dottorato di ricerca (PhD) ossia conclusione di un corso di dottorato secondo la normativa austriaca o titolo di studio equipollente
b)     conclusione di uno studio universitario di almeno tre anni con successiva esperienza di ricerca di almeno cinque anni
c)      un numero di pubblicazioni scientifiche internazionali corrispondenti alla carriera scientifica.

Informazioni dettagliate possono essere tratte dal bando di concorso.
 

La domanda puó essere redatta in lingua inglese, italiana o tedesca ed è composta dalle seguenti parti:

a)     modulo di domanda interamente compilato
b)     sintesi del progetto
c)      piano finanziario
d)     descrizione del progetto con indicazioni del piano lavorativo e delle risorse umane
e)     elenco delle pubblicazioni rilevanti per il progetto 
f)      curriculum scientifico del/la responsabile e dei partecipanti al progetto
g)     elenco delle pubblicazioni scientifiche e quelle rilevanti soprattutto per il progetto, redatte dai partecipanti al progetto
h)     elenco dei progetti già precedentemente sovvenzionati ai partecipanti al progetto con indicazione del sostenitore
i)      se viene inoltrata la domanda per la prima volta una copia dello statuto dell’ente.
Se i documenti vengono presentati in lingua inglese, si richiede anche una sintesi del progetto in lingua tedesca o italiana. 

In caso di progetti di cooperazione, alla domanda va allegata una dichiarazione da parte del/la partner del progetto.

Per uno strumento o un’attrezzatura richiesta il cui costo sia superiore a 1.500 euro IVA esclusa dovrà essere allegata l’offerta di una ditta.

Alle domande presentate da persone fisiche per progetti annuali con una spesa totale superiore a 50.000 euro e per progetti pluriennali con una spesa totale superiore a 100.000 euro dovrà essere allegata una dichiarazione di garanzia da parte del/la legale rappresentante dell’ente con il quale avviene un coinvolgimento istituzionale per la durata del progetto.

Alla domanda deve essere allegata una marca da bollo nell’ammontare di euro 16,00

L’intensità dell’agevolazione ammonta un massimo del 100 per cento. L’agevolazione massima per un progetto non potrà superare l’ammontare di 300.000 euro.

Sono ammissibili ad agevolazione le seguenti spese:

a)     spese di personale per ricercatori e ricercatrici, tecnici e tecniche nonché personale ausiliario se impiegato nel progetto di ricerca scientifica
b)     costi degli strumenti e delle attrezzature e spese materiali derivanti dal progetto di ricerca. Esclusi i costi per strumenti di telecomunicazione e di elaborazione dati. 
c)      spese di viaggio e costi per la partecipazione a convegni, fieri e congressi
d)     spese per l’affitto di locali e spese di gestione
e)     spese generali supplementari motivate derivanti direttamente dal progetto di ricerca (per un massimo del 10 per cento del totale dei costi ammissibili)
f)      spese per collaborazioni esterne, per servizi di consulenza, elaborazioni di studi e altre prestazioni se direttamente connesse con il progetto di ricerca.

Procedura di valutazione:

Al fine di garantire una valutazione obiettiva e altamente qualificata, le domande saranno sottoposte a una valutazione „peer review“ e valutate da almeno due esperti esterni. Le valutazioni esterne costituiscono la vase per la proposta di agevoalzione del Comitato tecnico.

La valutazione é effettuata sulla base dei seguenti criteri:

a)     Valore nel panorama scientifico internazionale
b)     Studio di nuovi ambiti scientifici (aspetti innovativi)
c)      Qualità scientifica o potenziale dei ricercatori partecipi
d)     Importanza dei progressi attesi in questo ambito
e)     Chiarezza degli obiettivi (ipotesi)
f)      Adeguatezza del metodo (incluso piano di lavoro e tempistica nonché strategie di diffusione)
g)     Adeguatezza dei costi richiesti
h)     Qualità delle cooperazioni (regionali, nazionali e internazionali)
i)      Importanza del progetto per il territorio

(Ultimo aggiornamento del servizio: 09/01/2017)

Ente competente

34.0.1. Servizio Ricerca e Università
Palazzo 5, via Raiffeisen 5, 39100 Bolzano
Telefono: 0471 413724 Dr. Laura Cherchi
0471 413715 Dr. Elisa Sixt
0471 413734 Dr. Adriano Esposti
Fax: 0471 41 36 14
E-mail: innovazione.universita@provincia.bz.it
PEC: innovation.research@pec.prov.bz.it
Website: http://www.provincia.bz.it/innovazione-ricerca/innovazione-ricerca-universita

Orario d'ufficio:

Lunedì, martedì, mercoledí, venerdì: 9.00 - 12.00

Giovedì: 8.30 - 13.00 e 14.00 - 17.30

Scadenze

Non è attualmente possibile presentare domande.