Contributi alle imprese per lo sviluppo della mobilità elettrica in Alto Adige

Un servizio dell'amministrazione provinciale dell'Alto Adige

Descrizione generale

Possono ottenere contributi piccole, medie e grandi imprese dei settori artigianato, industria, commercio, servizi e turismo, nonché liberi professionisti e lavoratori autonomi.

Sono escluse le attività dei settori agricoltura, silvicoltura, pesca, attività di alloggio connesse alle aziende agricole e le attività riguardanti le lotterie, le scommesse e le case da gioco.

È ammessa la presentazione di una domanda all’anno per impresa. 

Sono ammessi i seguenti investimenti, solo se strettamente attinenti all’attivitá d’impresa svolta in Alto Adige e che hanno una ricaduta diretta sulla stessa:

a) l’acquisto di veicoli elettrici a batteria, veicoli a celle a combustibile H2 e veicoli elettrici a batteria con range extender per il trasporto di persone e merci;

b) l’acquisto di “ibridi plug-in” per il trasporto di persone e merci;

c) l’acquisto di veicoli elettrici a due, tre o quattro ruote appartenenti alle classi L1e-B, L2e, L3e-A1, L5e e L6e o di veicoli elettrici pesanti a quattro ruote della classe L7e;

d) l’acquisto di biciclette cargo con o senza motore ausiliario elettrico (L1e-A) con una portata complessiva minima di 150 kg e concepiti esclusivamente per il trasporto di materiale e merci;

e) l’acquisto e l’installazione di stazioni di ricarica per veicoli elettrici o la stipula di contratti di vendita con riserva della proprietà.

I veicoli e le attrezzature devono essere "nuovi di fabbrica".

Sono esclusi gli investimenti che sono destinati al noleggio.

Le agevolazioni sono concesse in forma di contributo a fondo perduto nel rispetto della norma “de minimis”.

La liquidazione del contributo concesso avviene dopo la realizzazione dell'investimento e solo se il progetto realizzato corrisponde a quello previsto nella domanda di contributo.

La domanda in formato PDF deve essere inoltrata attraverso un'unica comunicazione PEC alla casella di posta elettronica certificata della Ripartizione economia.

Le domande devono essere presentate prima della realizzazione dell’investimento agevolato. Per realizzazione dell’investimento si intende, l’emissione delle fatture e la stipula dei contratti, pena l’esclusione dall’agevolazione dell’intero investimento a cui si riferiscono.

Le domande devono essere provviste di marca da bollo da 16,00 €.

Misura del contributo:

a) 2.000 € per l'acquisto di veicoli elettrici a batteria, veicoli a celle a combustibile H2 e veicoli elettrici a batteria con range extender con batterie di capacità di almeno 15 kWh (purché il rivenditore conceda uno sconto almeno pari a 2.000 €);

b) 1.000 € per l'acquisto di veicoli “ibridi plug-in” (purché il rivenditore conceda uno sconto almeno pari a 1.000 €);

Il contributo di cui alle lettere a) e b) è raddoppiato nel caso in cui i veicoli vengano acquistati da “autoscuole” o imprese di “trasporto con taxi”.

c) 30 per cento della spesa ammessa, per un importo massimo di 1.000 €, per l'acquisto di veicoli elettrici a due, tre o quattro ruote;

d) 30 per cento della spesa ammessa, per un importo massimo di 1.500 €, per l'acquisto di biciclette cargo;

e) 70 per cento della spesa ammessa, per un importo massimo di 1.000 €, per l'acquisto e installazione di stazioni di ricarica per veicoli elettrici o la stipula di contratti di vendita con riserva della proprietà.

(Ultimo aggiornamento del servizio: 27/06/2018)

Ente competente

35. Economia
Palazzo 5, via Raiffeisen 5, 39100 Bolzano
Telefono: 0471 41 36 12 Stephanie Schenk - Abteilung/Ripartizione
Fax: 0471 41 36 13
E-mail: economia@provincia.bz.it
PEC: wirtschaft.economia@pec.prov.bz.it
Website: http://www.provincia.bz.it/economia/

Orario d'ufficio:

Lunedì, martedì, mercoledì, venerdì: dalle 09.00 alle 12.00

Giovedì: dalle 08.30 alle 13.00 / dalle 14.00 alle 17.30

Scadenze

Per l'uso del servizio non ci sono da rispettare termini particolari.