Comunicazione dell'esenzione dalla nomina del consulente merci pericolose

Un servizio dell'amministrazione provinciale dell'Alto Adige

Descrizione generale

Le imprese che effettuano trasporti in colli od alla rinfusa, in ambito nazionale, di materie od oggetti ai quali è associato il riconoscimento del livello di rischio più basso (Gruppo di imballaggio III) e le imprese che effettuano operazioni di carico delle merci sopra nominate in colli od alla rinfusa, ovvero anche in cisterna qualora le materie caricate siano residui di lavorazione e rifiuti prodotti dall'impresa stessa, sono esentate dall'obbligo della nomina del consulente alla sicurezza per trasporto di merci pericolose.
Le esenzioni si applicano, per ciascuna impresa, ad un numero massimo di operazioni annue pari a 24, con un limite massimo di 3 operazioni nello stesso mese, un totale complessivo massimo non superiore a 180 tonnellate.

Le imprese che intendono avvalersi dell'esenzione sono tenute a compilare il modulo “Dichiarazione annuale dell’esenzione dalla nomina del consulente per la sicurezza” e consegnarlo prima del primo trasporto di merci pericolose all'Ufficio motorizzazione.

  • Impresa di trasporto per conto di terzi oppaure per conto proprio

  • Modulo
  • Elenco trasporti dell'anno precedente

  • Contrattto ADR nella versione corrente
  • Decreto del ministro dei trasporti de delle infrastrutture 4 luglio 2000.

Tutti i collaboratori che trattano merci pericolose devono essere formati e conoscere le regole delle merci pericolose e devono portare con se il certificato di formazione. Questo vale anche per viaggi con una delle seguenti esenzioni.

Altre esenzioni totali e parziali nel settore del trasporto di merci pericolose

  1. Esenzione per quantità ridotte
    Nel caso che le imprese trasportano quantità ridotte di merce pericolosa sono esenti dall’applicazione del contratto ADR (vedi il capitolo 1.1.3 dell’ADR 2017).

    Per determinare la quantità di merce esente devono richiedere al fornitore il calcolo del fattore di rischio della merce trasportata.
    La somma complessiva non deve superare la cifra 1000.

    Esmepio: in caso di trasporto di un barile da 21 litri di merce con fattore di pericolo 50 detta soglia è superata di 50 unità (21*50=1050 litri)

    Le seguenti norme del contratto ADR sono da rispettare:

    Le cisterne devono essere conformi alle norme ADR, ciò significa che devono essere cisterne ADR, GIR… e che devono riportare le etichette (segnali di pericolo) qui riportate.
    1. Nel documento di trasporto (bolla di accompagnamento o simile) vanno indicate informazioni sulla merce trasportata e sulla quantità come:

    1000 litri, UN 1202 Gasolio 3, III, in una cisterna mobile

    1. Il documento di trasporto deve essere conservato per tre mesi.
    2. L’autista deve dimostrare di aver conseguito una formazione base nella gestione di merci pericolose. Per questa formazione non esistono norme precise. È possibile organizzarla in impresa (per esempio nell’ambito di una formazione sulla sicurezza sul lavoro)
    3. A bordo del veicolo deve trovarsi ben raggiungibile e ben fissato un mezzo d’estinzione di 2 kg ABC (obbligo di revisione semestrale)
    4. A bordo del veicolo deve trovarsi una torcia elettrica che non abbia superfici metalliche e che sia funzionante.
    5. A bordo del veicolo e vicino al veicolo è severamente vietato fumare.

    Se il trasporto di quantità ridotte serve da complemento all’attività principale (all’approvvigionamento dei cantieri, manutenzione… ) ed il singolo imballaggio non supera i 450 Litri il trasporto è completamente esente (esenzione degli artigiani).
  2. Esenzione totale “quantità limitate”
    Imballaggi combinati (più piccoli recipienti in un collo) sono esenti dalle prescrizioni dell’accordo ADR se rispettano le quantità limitate (Cap. 3.2 coll. 7. e Sezione 3.4.6) e l’imballaggio esterno reca un'eticetta (quantità limitate).
    Attenzione
    : Se il veicolo che trasporta questi colli esenti ha un peso complessivo a pieno carico superiore a 12 tonnellate e trasporta più di 8 tonnellate di merci pericolose, devono recare sul davanti e sul retro l' etichetta quantità limitate.
  3. Merci pericolose imballate in quantità esenti
    Per certe merci pericolose imballate in quantità ancora più piccole L'ADR 2009 ha introdotto una nuova esenzione: Merci pericolose imballate in imballaggi (1-30 g/ml) che fanno parte di un imballaggio esterno che a seconda della classe di esenzione puó contenere la quantità massima netta di merce pericolosa da 300 g/ml a 1 kg/l non sono soggette alle disposizioni del Contratto ADR se soddisfanno le disposizioni del capitolo 3.5 (e capitolo 3.2 colonna 7b). Questi colli devono portare il nuovo marchio E (nero o rosso).
    Questo marchio deve misurare almeno 100 mm x 100 mm.

    Sotto la E iscritta in un cerchio va posto il primo  o unico numero di etichetta indicato nella colonna 5 della tabella A del capitolo 3.2.

    Quando non compare da nessuna parte sull'imballaggio, il nome dello speditore o del destinatario deve essere indicato sotto il pericolo.

    In un veicolo si posso trasportare al massimo 1000 colli di questo tipo!
  4. Viaggi a vuoto
    Anche i viaggi a vuoto con contenitori non ripuliti sono esenti dalle norme ADR, purché siano state attuate tutte le misure necessarie ad eliminare il pericolo proveniente da eventuali residui.
    Imballaggi vuoti che hanno trasportato merci della categoria di trasporto 0 non sono mai esenti.

    Il documento di trasporto dovrà portare la voce: “1 imballaggio vuoto, Classe” . In recipienti della classe 2 (gas) sopra 1000 litri e tutte le forme di cisterna è necessario indicare l’ultima merce trasportata: Veicolo cisterna vuoto, 3, ultima merce caricata: UN 1203 Benzina, II.

    I viaggi sono esenti qualora le segnalazioni arancio e le etichette siano coperte.

(Ultimo aggiornamento del servizio: 07/11/2018)

Ente competente

Ufficio Motorizzazione
Palazzo 3b, Piazza Silvius Magnago 3, 39100 Bolzano
Telefono: 0471 41 54 50
0471 41 54 51
E-mail: motorizzazione@provincia.bz.it
PEC: kraftfahrzeugamt.motorizzazione@pec.prov.bz.it
Website: http://www.provincia.bz.it/mobilita/

Scadenze

Prima del primo trasporto