News

Dalla Giunta: agevolazioni combinate, misure per aziende in White List

Per consentire alle imprese il migliore utilizzo delle agevolazioni statali e di quelle provinciali in campo economico, la Giunta provinciale ha dato via libera oggi (6 ottobre) a questa tipologia di aiuti combinati, pronunciandosi per la loro cumulabilità. La Giunta ha inoltre adottato una semplificazione procedurale per le imprese inserite nella White List del Ministero. La Giunta si è pronunciata per la cumulabilità di alcune agevolazioni statali e provinciali alle imprese

La Giunta si è pronunciata per la cumulabilità di alcune agevolazioni statali e provinciali alle imprese

Specifici decreti legge statali emanati tra il 2012 e il 2014 hanno previsto per le imprese sgravi fiscali in determinati casi: per assunzione di personale altamente qualificato, per investimenti in attività di ricerca e sviluppo, per interventi nel settore turismo. Un decreto legge ha inoltre finanziamenti agevolati alle PMI per l'acquisto di macchinari nuovi di fabbrica (cosiddetta "Nuova Sabatini").

La Giunta, per consentire il migliore utilizzo delle agevolazioni a livello statale e considerata la compatibilità con il mercato interno, si è pronunciata per la cumulabilità di questi crediti di imposta con le agevolazioni in campo economico previste dalla Provincia attraverso le Ripartizioni Economia e Innovazione, ricerca, università. I contributi combinati sono applicati a tutte le domande pervenute alle due Ripartizioni provinciali e non ancora evase alla data di approvazione della delibera. "Si tratta di una decisione che in questa fase congiunturale vuole dare un'ulteriore spinta al rilancio dell'economia", ha detto il presidente Arno Kompatscher. Restano non cumulabili con le agevolazioni in ambito economico i contributi concessi in base alla legge provinciale su risparmio energetico e energia rinnovabile.

La Giunta ha inoltre deciso una importante semplificazione a favore delle imprese elencate nella White List del Ministero dell'Interno: nei casi di concessione di contributi o finanziamenti dal fondo di rotazione, per queste aziende la Giunta non applicherà alcuna ulteriore procedura di acquisizione dell'informazione antimafia, "riducendo la burocrazia nei rapporti con la PA", ha spiegato Kompatscher. La White List del Ministero dell'Interno è un elenco dei fornitori, prestatori di servizi ed esecutori di lavori non soggetti a tentativo di infiltrazione mafiosa.

 

LPA

Galleria fotografica