News

Apertura dei confini, Schuler riceve il console generale Mantl

Le conseguenze della pandemia sul turismo e l’apertura dei confini Austria-Italia temi dell’incontro a Bolzano tra l’assessore Schuler e il console generale austriaco a Milano, Mantl.

Le conseguenze della pandemia sul turismo e l’apertura dei confini Austria-Italia temi dell’incontro a Bolzano tra l’assessore Arnold Schuler (a dx) e il console generale austriaco a Milano Clemens Mantl. (Foto: ASP/Noemi Prinoth)

Una soluzione congiunta e la riapertura il prima possibile dei confini fra Austria e Italia è condivisa dall’assessore provinciale al turismo Arnold Schuler e dal console generale austriaco a Milano Clemens Mantl che oggi (5 giugno) gli ha reso visita a Bolzano. Lo scambio di opinioni si è incentrato anche sulle conseguenze della pandemia da Covid-19 sul comparto turistico. Parlando della questione dell’apertura del confine è stato sottolineato che sarebbe necessaria una gestione ai sensi delle indicazioni UE al fine di rafforzare la consapevolezza europea nella società. In tal senso, come ha fatto presente l’assessore Schuler, dovrebbe essere determinante lo sviluppo dei dati relativi al contagio riferiti alle singole regioni, posizione condivisa anche dal console generale Mantl.

Manca procedura valutazione unitaria

A tal riguardo l’assessore Schuler ha illustrato a Mantl la situazione attuale riferita ai dati in provincia di Bolzano facendo presente l’assenza di una procedura unitaria di valutazione nei singoli Stati riferita a quali dati costituiscano la base di giudizio. Infatti, secondo certi studi il riferimento deve essere il numero delle persone positive al test negli ultimi 7 giorni su 100.000 abitanti, mentre per altri il numero complessivo delle persone positive su 100.000 abitanti. Da parte sua il console generale ha dato conferma di attivarsi, affinché vi sia un’interpretazione unitaria cercando di far presenti le incongruenze anche al Ministero federale a Vienna. L’assessore provinciale al turismo Arnold Schuler ha ringraziato della visita e del colloquio costruttivo il console generale austriaco confidando in una costruttiva collaborazione anche per il futuro.

np/sa

Galleria fotografica