FAQ

Lista delle domande e risposte frequenti

[Tirocini estivi di orientamento e tirocini di formazione e orientamento]

Quale limite minimo e massimo corre nei tirocini di orientamento e di formazione?

Il termine minimo nei tirocini estivi è di due settimane. Il termine massimo è nell'ipotesi di studenti che non hanno ancora assolto l'obbligo formativo 3 mesi. Tuttavia il tirocinio termina in ogni caso con l'inizio dell'anno scolastico. Nel caso di studenti universitari il termine massimo è di 6 mesi. Tale termine può essere prorogato sino ad un massimo di 10 mesi. 

  • Numero:  400
  • Autore: G.A.
  • Ultima modifica: 8.8.2019

Questa risposta è stata utile? 170 192 No

[Contratti estivi per studenti (accordi settoriali)]
  • Numero:  400
  • Autore: G.A.
  • Ultima modifica: 14.8.2019

Questa risposta è stata utile? 166 207 No

[Contratti estivi per studenti (accordi settoriali)]

Qual è la durata minima e massima di un contratto di lavoro secondo accordo settoriale?

Un contratto di lavoro feriale deve ravvisare una durata non inferiore a 6 settimane e non superiore a 14 settimane di effettivo lavoro.

accordi settoriali
  • Numero:  400
  • Autore: G.A.
  • Ultima modifica: 14.8.2019

Questa risposta è stata utile? 174 183 No

[Impiego temporaneo di disoccupati (L.P. 11/86)]
Qual è la durata minima e la durata massima di un progetto per l'impiego temporaneo di persone disoccupate?
La durata di un progetto Varia da un minimo di tre ad un massimo di dodici mesi. In casi eccezionali il progetto può essere prorogato fino ad un massimo di 24 mesi.
  • Numero:  400
  • Autore: sd
  • Ultima modifica: 9.1.2018

Questa risposta è stata utile? 231 253 No

[Inserimento lavorativo e collocamento mirato di persone con disabilità]
Cosa si intende per dirigente?
Il dirigente é colui che é assunto con contratto da dirigente. È considerata tale anche la figura del dipendente quadro al quale sono attribuite mansioni dirigenziali e per le quali allo stesso é riconosciuto uno specifico trattamento economico.
  • Numero:  365
  • Autore: DB
  • Ultima modifica: 8.1.2013

Questa risposta è stata utile? 170 156 No

[Inserimento lavorativo e collocamento mirato di persone con disabilità]
La ditta che non ha cambiato la propria situazione occupazionale rispetto all’ultima dichiarata deve fare le denuncia del personale?
No, non deve fare la denuncia del personale. La situazione occupazionale é da considerare invariata qualora la fascia occupazionale a cui appartiene l’azienda é rimasta la medesima, il numero di disabili da assumere é rimasto uguale, non sono avvenute nuove assunzioni o cessazioni delle persone disabili.
  • Numero:  370
  • Autore: DB
  • Ultima modifica: 8.1.2013

Questa risposta è stata utile? 176 181 No

[Inserimento lavorativo e collocamento mirato di persone con disabilità]
Dove puó essere indicato che l’azienda é interessata alla stipula della convenzione “programma d’assunzioni”?
É sufficiente scegliere l’opzione “richiesta” nel campo convenzione della denuncia del personale.
  • Numero:  375
  • Autore: DB
  • Ultima modifica: 8.1.2013

Questa risposta è stata utile? 161 190 No

[Inserimento lavorativo e collocamento mirato di persone con disabilità]
Che cosa é la convenzione “programma d’assunzioni”?
Il programma d’assunzioni é un accordo regolato da precisi criteri della Giunta provinciale che serve a formalizzare fra la ripartizione lavoro – ufficio servizio lavoro e l’azienda le modalità con cui la stessa intende provvedere alla copertura della quota d’obbligo riservata alle persone disabili. Questa convenzione consente all’azienda di aumentare il periodo entro il quale provvedere alla copertura della quota di riserva (di norma sarebbe entro 60 giorni dal momento in cui la quota di riserva é scoperta) e di accedere nel caso delle aziende private anche agli incentivi previsti dalla legge 12 marzo 1999, n. 68 nel caso di assunzione di persone disabili con specifici tipi e gradi di disabilità.
  • Numero:  380
  • Autore: DB
  • Ultima modifica: 8.1.2013

Questa risposta è stata utile? 143 174 No

[Inserimento lavorativo e collocamento mirato di persone con disabilità]
Una persona disabile in convenzione di affidamento può essere considerata per coprire la quota d’obbligo per le persone disabili?
Una persona in convenzione di affidamento puó coprire un posto riservato alle persone disabili solo se la sua finalità é l’assunzione (deve risultare nel protocollo d’intesa) oppure se si tratta di una misura concordata nell’ambito di un programma d’assunzioni.
  • Numero:  385
  • Autore: DB
  • Ultima modifica: 8.1.2013

Questa risposta è stata utile? 207 222 No

[Impiego pubblico]
Devo già essere in possesso dell'attestato di bilinguismo al momento  dell'iscrizione nella graduatoria?
Si, qualsiasi requisito, sia titolo di studio che l'attestato di bilinguismo deve corrispondere con il profilo professionale al momento della presentazione della  domanda.
  • Numero:  400
  • Autore: mr
  • Ultima modifica: 30.12.2016

Questa risposta è stata utile? 140 145 No

[Mediazione al lavoro]

È ammissibile che un giovane che abbia compiuto il 16° anno di età ma non abbia ancora terminato la scuola dell'apprendistato e pertanto non abbia adempiuto l'obbligo formativo possa stipulare un contratto a tempo determinato al di fuori dei mesi estivi?

Nel caso prospettato la possiblità di concludere un contratto a tempo determinato è possibile unicamente qualora la frequenza scolastica non subisca interferenze e l'obbligo scolastico e formativo non venga leso.

  • Numero:  403
  • Autore: G.A.
  • Ultima modifica: 5.12.2019

Questa risposta è stata utile? 124 140 No

[Mediazione al lavoro]

Da quali elementi è composto il contratto di agenzia ?

Un contratto di agenzia contiene elementi essenziali e può ravvisare anche elementi complementari. Gli elementi essenziali sono: a) l'accertamento dell'assenza di qualsiasi vincolo di subordinazione o di dipendenza, b) la natura strettamente personale dell'incarico, c) l'oggetto dell'attivitá, d) la zona territoriale, e) la misura dei compensi, f) il giudice territorialmente competente, g) nel caso di agente con rappresentanza l'espressa autorizzazione non solo a promuovere ma anche a concludere gli affari in nome e per conto del preponente. Gli elementi complementari del contratto di agenzia possono essere: a) il patto di prova, b) l'assunzione di garanzia, c) il patto di non concorrenza, d) il diritto di esclusiva, e) la facoltà di riscossione dei crediti del preponente.

  • Numero:  404
  • Autore: G.A.
  • Ultima modifica: 5.12.2019

Questa risposta è stata utile? 144 141 No

[Mediazione al lavoro]

Che cosa si intende per il contratto di somministrazione?

Con il contratto di somminsitrazione una società (somministratore) mette a disposizione uno o più lavoratori/lavoratrici ad un'altra società (utilizzatore). Le società che mettono a disposizione i lavoratori/le lavoratrici devono essere in possesso di un'autorizzazione del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale ed essere iscritti nell'albo dello stesso Ministero (si veda FAQ n. 450 e 460). I lavoratori e le lavoratrici sono impiegati presso la società di somministrazione e svolgono le loro mansioni per la società utilizzatrice. La retribuzione e gli importi contributivi vengono pagati dalla società di somministrazione. Questa forma contrattuale si applica prevalentemente nel settore dell'agricoltura e nel settore edile. Il contratto di somministrazione può essere concluso a tempo determinato e a tempo indeterminato. Il contratto di somministrazione a tempo indeterminato viene denominato anche Staff Leasing. Il contratto di somministrazione viene concluso tra il somministratore e l'utlizzatore. Il contratto di lavoro viene concluso tra il o la dipendente e il somministratore. Nel contratto a tempo determinato a partire dal 18 luglio 2012 si applica la soglia dei 36 mesi di cui all'articolo 4 del decreto legislativo n. 368/2001.

  • Numero:  405
  • Autore: G.A.
  • Ultima modifica: 5.12.2019

Questa risposta è stata utile? 228 150 No

[Mediazione al lavoro]
Che cosa si intende per appalti di servizi ?

Con il contratto di appalto per servizi la società appaltatrice si obbliga nei confronti della società committente di eseguire un opera o un servizio con propria organizzazione dei fattori produttivi e con propria responsabilità con la corrispettiva retribuzione. Il/la lavoratrice è sottoposto alle direttive, all'organizzazione e dipendenze del datore di lavoro che è allo stesso momento appaltatore.

  • Numero:  406
  • Autore: G.A.
  • Ultima modifica: 5.12.2019

Questa risposta è stata utile? 120 177 No

[Mediazione al lavoro]

Che cosa si intende sotto la forma contrattuale del distacco?

Questa forma contrattuale prevede che più lavoratori vengano distaccati dal datore di lavoro ad un altra persona giuridica, il beneficiario. (Tuttavia, il distacco si può configuare unicamente qualora i dipendenti di una filiale vengano distaccati e inviati alla sede che loca in un altro paese o da questa ad una filiale) Il distacco ha carattere temporaneo, il lavoratore, la lavoratrice svolge un'attività specifica. Il pagamento della retribuzione e degli oneri sociali viene effettuato dal datore di lavoro originario. A lui compete la funzione dirigenziale circa il distacco ed è lui che deterimina il termine di chiusura del distacco. Nel distacco non è richiesto il consenso del dipendente, salvo che vengano modificate le mansioni.

  • Numero:  407
  • Autore: G.A.
  • Ultima modifica: 5.12.2019

Questa risposta è stata utile? 162 130 No

[Mediazione al lavoro]
Che cosa si intende per il contratto a chiamata ?

Dopo che il contratto intermittente è stato abrogato dal legislatore il 01.01.2008, con decreto legge del 25.06.2008 n. 112 convertito in legge n. 133/2008 la forma contrattuale è stata reintrodotta nel contesto normativo. Si è pertanto in presenza di questa forma contrattuale qualora il dipendente si mette a disposizione del datore di lavoro a tempo determinato o a tempo indeterminato ed attende di essere chiamato dallo stesso. In questo senso non viene svolta una prestazione lavorativa stabile. Per i tempi nei quali il dipendete, la dipendente attende di essere chiamat(a)/o è prevista un' indennità di disponibilità mensile stabilita dal contratto collettivo. Il contratto a chiamata può essere stipulato per le attività previste dai contratti collettivi o, in mancanza, per quelle elencate nella tabella del regio decreto del 1923. In ogni caso non ci sono restrizioni per i contratti di lavoro a chiamata conclusi con chi ha meno di 24 o più di 55 anni, anche pensionato. In ogni caso il ricorso al contratto a chiamata è ammesso per ogni persona con il medesimo datore di lavoro per un periodo complessivamente non superiore alle quattrocento giornate di effettivo lavoro nell'arco di tre anni solari (con l'eccezione dei settori del turismo, dei pubblici eservizi e dello spettacolo).

  • Numero:  408
  • Autore: G.A.
  • Ultima modifica: 5.12.2019

Questa risposta è stata utile? 142 161 No

[Mediazione al lavoro]

Come deve essere predisposto l'istanza per ottenere la convocazione della commissione di certificazione ?

L'istanza riguardante la certificazone di un contratto di lavoro deve essere redatto per iscritto con il relativo bollo, in modo consono delle parti contrattuali e con la loro sottoscrizione. Per il decreto da emanare deve essere allegato un'altro bollo del valore di Euro 16. Inoltre l'istanza deve contenere l'indicazione espressa degli effetti civili, amministrativi, previdenziali o fiscali in relazione ai quali le parti chiedono la certificazione, e del contratto sottiscritto dalle parti, contenete i dati anagrafici e fiscali delle stesse. Devono essere allegate tre copie del contratto, sottoscirtte in originale, che si intende certificare, oltre ad una copia del documento d'identità dei firmatari.

  • Numero:  415
  • Autore: G.A.
  • Ultima modifica: 5.12.2019

Questa risposta è stata utile? 172 205 No

[Maternità - tutela sul lavoro]
Quando mi spettano i riposi giornalieri (allattamento) e quanto durano questi?

Durante il primo anno di età del bambino la madre lavoratrice ha diritto a due ore di riposo giornaliero, purché l'orario di lavoro giornaliero sia superiore a 6 ore. Qualora l'orario di lavoro giornaliero sia inferiore a 6 ore, il riposo giornaliero spettante è di un'ora. Il riposo giornaliero (= allattamento) può essere fruito in due periodi o in unica soluzione all'inizio, durante o alla fine dell'orario di lavoro. In caso di parto plurimo il riposo giornaliero spetta in misura doppia, a prescindere dal numero dei bambini nati. Il riposo giornaliero può essere fruito anche dal padre lavoratore nel caso di morte o di grave infermità della madre ovvero di affidamento esclusivo del bambino al padre nonché quando il diritto non può essere fruito dalla madre perché la stessa è domestica o lavoratrice a domicilio, autonoma o libera professionista. Anche nell'ipotesi di madre casalinga, il padre dipendente può utilizzare i riposi.

  • Numero:  400
  • Autore: LDR
  • Ultima modifica: 18.7.2017

Questa risposta è stata utile? 139 144 No

[Cittadini extracomunitari / Autorizzazioni al lavoro]

Quali documenti devono essere allegati alla domanda di nulla osta al lavoro per un cittadino extracomunitario o per una cittadina extracomunitaria?

Dal 2010 le domande per nulla osta al lavoro per cittadini extracomunitari possono essere presentati esclusivamente in via telematica attraverso il sito del Ministero dell'Interno http://www.interno.it/ - previa registrazione su tale sito. Per poter inserire le domande è necessario che il datore di lavoro/la datrice di lavoro scarichi e salvi su proprio PC la relativa software. Per la compilazione delle domande servono le seguenti informazioni: dati anagrafici e numero della carta d'identità del datore di lavoro/della datrice di lavoro, dati anagrafici e numero del passaporto del cittadino extracomunitario/della cittadina extracomunitaria, numero della marca da bollo del valore di 16,00 euro. Per il rilascio del nulla osta al lavoro serve un'ulteriore marca da bollo da 16,00 euro.

  • Numero:  400
  • Autore: kp
  • Ultima modifica: 9.11.2016

Questa risposta è stata utile? 168 139 No

[Controversie di lavoro]

Cosa devo fare per richiedere un tentativo di conciliazione per una controversia di lavoro nel pubblico impiego?

Dal 24.11.2010 è in vigore l'articolo 31 e seguenti della legge 4.11.2010, n. 183, in base al quale un'unica commissione di conciliazione è competente per definire in via bonaria sia le vertenze di lavoro nel settore pubblico sia quelle nel settore privato. Se la parte istante decide di esperire il tentativo di conciliazione facoltativo, deve notificare il ricorso all'amministrazione resistente ed inoltrare lo stesso all'ufficio servizio lavoro. Se l'amministrazione resistente si costitutisce entro il termine dei 20 giorni, l'ufficio servizio lavoro convoca entrambi le parti entro 60 giorni dall'inoltro della domanda. 

Modulistica
  • Numero:  400
  • Autore: GA
  • Ultima modifica: 13.8.2019

Questa risposta è stata utile? 290 272 No

[Controversie di lavoro]

Il tentativo di conciliazione è sempre facoltativo?

No, la conciliazione è tuttora obbligatoria per i contratti di lavoro certificati; il tentativo dev’esser esperito presso la commissione che ha emesso l’atto di certificazione. Inoltre ai sensi dell'articolo 1, comma 40, della legge 28 giugno 2012, n. 92, il licenziamento individuale per motivi economici da parte di un'impresa con più di 15 dipendenti dev'essere preceduto da un tentativo di conciliazione presso l'Ufficio servizio lavoro (v. 411). Qualora la ovvero il dipendente è stato assunto dopo il 7 marzo 2015, il tentativo obbligatorio di conciliazione per GMO non è più previsto.

  • Numero:  410
  • Autore: PR
  • Ultima modifica: 13.8.2019

Questa risposta è stata utile? 300 339 No

[Controversie di lavoro]

Che novità introduce la legge 28 giugno 2012, n. 92 in materia di licenziamenti individuali?

L'articolo 1, commi 40 e 41, della legge 28 giugno 2012, n. 92, entrata in vigore il 18 luglio 2012, prevede alcune importanti modifiche in materia di licenziamenti per motivi economici. In particolare, nelle imprese con più di 15 dipendenti il licenziamento individuale per motivo economico dev’essere preceduto da una comunicazione del datore di lavoro all’Ufficio servizio lavoro, trasmessa per conoscenza al lavoratore o alla lavoratrice che è stato occupato prima del 7 marzo 2015 presso il datore di lavoro. Entro 7 giorni, l’Ufficio servizio lavoro trasmette la convocazione al datore di lavoro e al lavoratore o alla lavoratrice. Il tentativo di conciliazione si svolge davanti alla Commissione di conciliazione entro i successivi 20 giorni. Le parti possono farsi assistere da un rappresentante sindacale, da un avvocato o da un consulente del lavoro. Durante la conciliazione le parti procedono ad esaminare anche soluzioni alternative al licenziamento. Se il tentativo di conciliazione fallisce, il datore di lavoro può comunicare il licenziamento al lavoratore o alla lavoratrice.

  • Numero:  411
  • Autore: GA
  • Ultima modifica: 13.8.2019

Questa risposta è stata utile? 307 442 No

[Mobilità]

Esiste un diritto di precedenza dei lavoratori in mobilità in caso di nuova assunzione presso la stessa azienda?

Sì, i lavoratori collocati in mobilità hanno il diritto di precedenza nella riassunzione presso la stessa azienda entro sei mesi. La condizione è che la richiesta di nuova assunzione concerna lavoratori aventi la stessa qualifica di quello licenziato.

  • Numero:  410
  • Autore: G.A.
  • Ultima modifica: 14.8.2019

Questa risposta è stata utile? 144 139 No

[Sicurezza del lavoro]
Quale temperatura deve avere l’ambiente di lavoro?
La temperatura nei locali di lavoro deve essere adeguata all'organismo umano durante il tempo di lavoro, tenuto conto dei metodi di lavoro applicati e degli sforzi fisici imposti ai lavoratori.
Nel giudizio sulla temperatura adeguata per i lavoratori si deve tener conto della influenza che possono esercitare sopra di essa il grado di umidità ed il movimento dell'aria concomitanti.
La normativa non prescrive specifici valori limite per le temperature. Per l’individuazione della temperatura idonea, in considerazione dei fattori sopra citati, possono essere utilizzate le norme tecniche elaborate dagli enti che hanno competenze in materia (ad esempio Inail, Ex-Ispesl, Suva, Berufsgenossenschaften).
  • Numero:  400
  • Autore: 19.2
  • Ultima modifica: 14.11.2016

Questa risposta è stata utile? 127 151 No

[Comunicazione obbligatoria unificata dei rapporti di lavoro]
Upload – Dove sono reperibili per le software-house i documenti necessari per sviluppare il sistema che consente l’invio massivo delle comunicazioni obbligatorie tramite upload?
I documenti che interessano principalmente le software-house sono: tabelle di classificazione, data catalog (tracciato record), xsd tutti scaricabili dalla pagina web della Ripartizione Lavoro.
  • Numero:  400
  • Autore: fm
  • Ultima modifica: 24.11.2008

Questa risposta è stata utile? 485 535 No