FAQ

Lista delle domande e risposte frequenti

[Impiego temporaneo di disoccupati (L.P. 11/86)]
A quanto ammonta il compenso per i lavoratori?
La delibera della Giunta provinciale n. 1395/2017 prevede che a decorrere dal 1 gennaio 2018, l'importo dell'assegno orario ammonta a euro 7,00 lordi.
  • Numero:  700
  • Autore: sd
  • Ultima modifica: 9.1.2018

Questa risposta è stata utile? 228 256 No

[Impiego temporaneo di disoccupati (L.P. 11/86)]
L'impiego temporaneo di disoccupati disciplinato dalla legge provinciale 11 marzo 1986, n. 11, è soggetto alla comunicazione obbligatoria?
Si, "l'impiego temporaneo di disoccupati" è da comunicare online per mezzo di Pronotel2, indicando la tipologia contrattuale "lavoro o attività socialmente utile (anche L.P. n. 11/86)".
  • Numero:  800
  • Autore: sd
  • Ultima modifica: 9.1.2018

Questa risposta è stata utile? 208 194 No

[Impiego temporaneo di disoccupati (L.P. 11/86)]
L'Irap è rimborsabile?

No, l'Irap è un'imposta regionale e non è dunque un onere sociale. Pertanto non è rimborsabile.

  • Numero:  900
  • Autore: SD
  • Ultima modifica: 9.1.2018

Questa risposta è stata utile? 163 198 No

[Impiego temporaneo di disoccupati (L.P. 11/86)]

Esiste per i progetti che sono stati autorizzati prima del 1 gennaio 2018 e che inizieranno però dopo il 1 gennaio 2018 la possibilità di avanzare una domanda di integrazione del contributo?

La possibilità esiste. La struttura ospitante potrà presentare una domanda di integrazione del contributo presso l'Ufficio servizio lavoro.

  • Numero:  1000
  • Autore: sd
  • Ultima modifica: 1.9.2018

Questa risposta è stata utile? 152 161 No

[Impiego temporaneo di disoccupati (L.P. 11/86)]
Cosa è necessario ai fini della liquidazione del contributo sociale?
Ai fini della liquidazione del contributo provinciale, la struttura osptiante deve trasmettere all'Ufficio servizio lavoro di Bolzano, entro tre mesi dal termine del progetto, solo in forma elettronica, in formato Excel e PDF, la seguente documentazione: 1) il numero delle ore effettivamente svolte, 2) i dati anagrafici delle persone impiegate, 3) l'originale o le copie conformi die mandati di pagamento suddivisi per ciascuna persona impiegata (tranne che per le comunicazioni INAIL), 4) l'importo premio INAIL (codice 0611), 5) nel caso sia stato concesso un contributo superiore al 20%, un'apposita indicazione, 6) una tabella contenente gli importi pagati, suddivisi fra i compensi erogati mensilmente alle persone impiegate, gli oneri sociali INPS ed INAIL.  
  • Numero:  1100
  • Autore: sd
  • Ultima modifica: 9.1.2018

Questa risposta è stata utile? 163 160 No

[Cittadini extracomunitari / Autorizzazioni al lavoro]

Nelle more della richiesta di rinnovo o rilascio del permesso di soggiorno, può svolgere attività lavorativa un cittadino extracomunitario/una cittadina extracomunitaria?

Con decreto legge del 6 dicembre 2011, n. 201 (c.d. decreto Monti) è stato modificato l'art. 5 del T.U. sull'immigrazione (decreto legislativo del 25 luglio 1998, n. 286) con l'inserimento del comma 9-bis.

Detto comma enuncia il principio che, in attesa del rinnovo o rilascio del permesso di soggiorno, il cittadino extracomunitario/la cittadina extracomunitaria può soggiornare legittimamente in Italia e quindi svolgere anche attività lavorativa.

  • Numero:  800
  • Autore: kp
  • Ultima modifica: 26.8.2019

Questa risposta è stata utile? 176 185 No

[Cittadini extracomunitari / Autorizzazioni al lavoro]

Può un cittadino extracomunitario ovvero una cittadina extracomunitaria che è in possesso di un permesso di soggiorno di lunga durata rilasciato da una altro Paese dell'Unione Europea legittimamente lavorare in Italia?

No, per poter lavorare in Italia, il permesso di soggiorno rilasciato da un altro Paese dell'Unione Europea deve essere convertito - tramite le quote del decreto flussi - in un permesso di soggiorno italiano. Ciò è possibile soltanto se si tratta di un permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo, ai sensi dell'articolo 9 del decreto legislativo n. 286/1998.

  • Numero:  1001
  • Autore: M.S.
  • Ultima modifica: 20.8.2019

Questa risposta è stata utile? 29 29 No

[Cittadini extracomunitari / Autorizzazioni al lavoro]

Può un cittadino extracomunitario/cittadina extracomunitaria che è in possesso di un permesso di soggiorno stagionale svolgere un lavoro subordinato che non sia stagionale?

No! Il permesso di soggiorno stagionale deve essere prima convertito tramite il sistema delle Quote in un permesso di soggiorno per lavoro subordinato non stagionale.

  • Numero:  1002
  • Autore: S.M.
  • Ultima modifica: 26.8.2019

Questa risposta è stata utile? 29 24 No

[Cittadini extracomunitari / Autorizzazioni al lavoro]
Il permesso di soggiorno può essere prorogato?

Ai sensi dell'articolo 24, comma 8 del Decreto legislativo n. 286/1998 il nulla osta al lavoro può essere prorogato e il permesso di lavoro stagionale può essere rinnovato in caso di nuova opportunità  di lavoro stagionale offerta dallo stesso o da altro datore di lavoro - fermo restando il limite Massimo di 9 mesi. 

  • Numero:  1003
  • Autore: S.M.
  • Ultima modifica: 26.8.2019

Questa risposta è stata utile? 28 29 No

[Cittadini extracomunitari / Autorizzazioni al lavoro]

Kann ein Nicht-EU-Bürger bzw. eine Nicht-EU-Bürgerin mit einer Aufenthaltsgenehmigung aus Studiengründen rechtmäßig eine Arbeitstätigkeit ausüben?

Si, la possibilità esiste. Il permesso di soggiorno per motivi di studio consente di poter svolgere attività lavorativa per 20 ore alla settimana ovvero per un totale di 1.040 ore all'anno. 

  • Numero:  1004
  • Autore: S.M.
  • Ultima modifica: 26.8.2019

Questa risposta è stata utile? 31 27 No

[Cittadini extracomunitari / Autorizzazioni al lavoro]

Si, la possibilità sussite. Il permesso di soggiorno per motivi di Studio può essere convertito in un permesso di soggiorno per motivi di lavoro subordinato?

Si, la possibilità esiste. La conversione del permesso di soggiorno per motivi di Studio in un permesso di soggiorno per lavoro subordinato è possibile tramite le Quote rilasciate con il decreto flussi.

  • Numero:  1005
  • Autore: S.M.
  • Ultima modifica: 26.8.2019

Questa risposta è stata utile? 31 29 No

[Cittadini extracomunitari / Autorizzazioni al lavoro]

Può un cittadino extracomunitario ovvero una cittadina extracomunitaria lavorare nella Provincia autonoma di Bolzano, se non ha mai lavorato qui?

La possibilità non esiste. La Giunta Provinciale ha confermato il principio in base al quale un cittadino extracomunitario ovvero una cittadina extracomunitaria può lavorare soltanto se in precedenza ha lavorato almeno una volta negli ultimi tre anni presso un datore di lavoro con sede nella Provinica autonoma di Bolzano.

  • Numero:  1006
  • Autore: S.M.
  • Ultima modifica: 26.8.2019

Questa risposta è stata utile? 29 28 No

[Cittadini extracomunitari / Autorizzazioni al lavoro]

E`consentito per un cittadino extracomunitario ovvero per una cittadina extracomunitaria al di fuori del sistema delle Quote di lavorare in Italia? 

Si, la possibilità esiste. L'articolo 27 del decreto legislativo n. 286/1998 prevede diverse possibilità fuori dal sistema delle quote al fine di ottenere un permesso di soggiorno per lavoro subordinato. Tale possibilità è riservata dalla legge a quei cittadini extracomunitari ovvero a quelle cittadine extracomunitarie che sono altamente qualificati o che siano comunque in possesso di una formazione professionale superiore.

  • Numero:  1007
  • Autore: S.M.
  • Ultima modifica: 26.8.2019

Questa risposta è stata utile? 24 27 No

[Comunicazione obbligatoria unificata dei rapporti di lavoro]
Termini – Entro quale termine devono essere fatte le comunicazioni?

Attualmente valgono i seguenti termini:

• assunzione – entro le ore 24 del giorno precedente l’inizio del rapporto di lavoro

• per tutti gli altri eventi – entro 5 giorni dall’evento (in caso di proroga, per evento si intende il primo giorno di proroga)

• per gli istituti scolastici privati – entro 10 giorni dall’evento

• per i rapporti di lavoro somministrato e la pubblica amministrazione – entro il giorno 20 del mese successivo

Sono previste tre ipotesi derogatorie:

• assunzione d’urgenza per esigenze produttive

• assunzione per cause di forza maggiore 

• assunzione nel settore turistico in mancanza dei dati anagrafici del lavoratore.

 

  • Numero:  700
  • Autore: fm
  • Ultima modifica: 21.5.2010

Questa risposta è stata utile? 562 559 No

[Comunicazione obbligatoria unificata dei rapporti di lavoro]
Termini – Entro quando deve essere inviata una proroga?
La proroga va inviata entro 5 giorni dal primo giorno di proroga. Ad esempio se il rapporto di lavoro doveva concludersi il 30 giugno 2017 e viene prorogato, la comunicazione di proroga potrà essere inviata senza incorrere in sanzione entro il 6 luglio 2017.
  • Numero:  701
  • Autore: fm
  • Ultima modifica: 26.9.2017

Questa risposta è stata utile? 420 492 No

[Comunicazione obbligatoria unificata dei rapporti di lavoro]
Termini – Annullamento – Entro quando deve essere effettuato l’annullamento di una comunicazione?
L’annullamento di una comunicazione UniLav-Assunzione deve essere inviato entro la data prevista di inizio rapporto, o entro il primo giorno feriale successivo, se il termine cade in un giorno festivo.
L’annullamento di una qualsiasi altra comunicazione può essere effettuato senza limiti di tempo nel caso in cui l’evento oggetto di comunicazione non si sia mai verificato.
  • Numero:  704
  • Autore: fm
  • Ultima modifica: 11.12.2013

Questa risposta è stata utile? 586 604 No

[Comunicazione obbligatoria unificata dei rapporti di lavoro]
Termini – Se il termine previsto per l’annullamento o per la rettifica di una comunicazione cade in un giorno festivo, è possibile effettuare la comunicazione il primo giorno feriale senza incorrere in sanzione?
Nei casi in cui il termine previsto per l’annullamento o per la rettifica di una comunicazione cada in un giorno festivo (sabato escluso), il termine slitta al primo giorno feriale successivo.
  • Numero:  705
  • Autore: fm
  • Ultima modifica: 15.7.2013

Questa risposta è stata utile? 564 631 No

[Comunicazione obbligatoria unificata dei rapporti di lavoro]
Termini – Quanto tempo prima posso effettuare una comunicazione?
La comunicazione può essere salvata ed inviata al momento opportuno o anche in anticipo.
  • Numero:  710
  • Autore: fm
  • Ultima modifica: 28.11.2008

Questa risposta è stata utile? 585 565 No

[Comunicazione obbligatoria unificata dei rapporti di lavoro]
Termini – Come posso effettuare una comunicazione di assunzione in caso di chiusura degli uffici del consulente o dell’associazione di categoria che solitamente effettua per mio conto questo adempimento?
In caso di chiusura degli uffici del consulente o dell’associazione di categoria, la comunicazione di assunzione puó essere inviata dal datore di lavoro via fax o via mail utilizzando il modulo UniUrg entro le ore 24 del giorno precedente alla data di assunzione. Nel primo giorno utile successivo alla riapertura degli uffici, il consulente o l’associazione di categoria dovrà inviare elettronicamente la comunicazione completa su modulo UniLav.
  • Numero:  720
  • Autore: fm
  • Ultima modifica: 28.9.2009

Questa risposta è stata utile? 611 604 No

[Comunicazione obbligatoria unificata dei rapporti di lavoro]
UniUrg – Chi compila ed invia il modulo UniUrg deve essere la stessa persona che invia la successiva comunicazione di assunzione con UniLav?
No, si può trattare anche di un soggetto diverso. Per esempio: se gli uffici del consulente del lavoro o dell'associazione di categoria fossero chiusi, in caso di assunzione d'urgenza il datore di lavoro può inoltrare il modello UniUrg all'Ufficio Osservazione mercato del lavoro. La successiva comunicazione UniLav assunzione a seguito di urgenza può essere fatta dal proprio consulente.
  • Numero:  730
  • Autore: ms
  • Ultima modifica: 3.3.2010

Questa risposta è stata utile? 655 742 No

[Comunicazione obbligatoria unificata dei rapporti di lavoro]
UniUrg – Il modulo UniUrg può essere utilizzato per la sostituzione urgente di un lavoratore?
Considerato che il modulo UniUrg deve essere inviato entro le ore 24 del giorno antecedente l’assunzione, non può essere utilizzato per la sostituzione in giornata di un lavoratore assente per malattia o altro. In questo caso è necessario inviare un modulo UniLav Assunzione, cliccando l’apposito riquadro “Assunzione per causa di forza maggiore” alla fine del modulo ed indicando nelle note l’esatta motivazione.
  • Numero:  740
  • Autore: fm
  • Ultima modifica: 15.7.2013

Questa risposta è stata utile? 503 606 No

[Comunicazione obbligatoria unificata dei rapporti di lavoro]
UniUrg – Come posso annullare una comunicazione inviata con modello UniUrg?
Una comunicazione Uniurg non può essere annullata elettronicamente. A tal fine può essere inviata apposita mail all'indirizzo notel@provincia.bz.it.
  • Numero:  750
  • Autore: fm
  • Ultima modifica: 17.7.2017

Questa risposta è stata utile? 297 310 No

[Comunicazione obbligatoria unificata dei rapporti di lavoro]
Ricevuta – Una volta inviata la comunicazione con ProNotel2 quando si riceve la ricevuta?
La ricevuta dell’avvenuta trasmissione viene creata automaticamente al momento dell’invio della comunicazione. Ogni comunicazione ha una propria ricevuta, che riepiloga tutti i dati inseriti nella comunicazione stessa.
  • Numero:  900
  • Autore: fm
  • Ultima modifica: 24.11.2008

Questa risposta è stata utile? 314 317 No

[Comunicazione obbligatoria unificata dei rapporti di lavoro]
Ricevuta – Nel caso in cui ci fosse bisogno di una copia della comunicazione effettuata tramite ProNotel2, il datore di lavoro o il consulente incaricato possono rilasciare qualcosa?
Sì, la ricevuta scaricabile in formato pdf da ProNotel2, che contiene tutti i dati inviati nella comunicazione, può essere stampata ed utilizzata anche a tal fine.
  • Numero:  910
  • Autore: fm
  • Ultima modifica: 24.11.2008

Questa risposta è stata utile? 216 216 No

[Comunicazione obbligatoria unificata dei rapporti di lavoro]
Sanzioni – In quali casi scattano le sanzioni e a quanto ammontano?
Sanzioni sono previste in caso di omesso invio della comunicazione e di invio tardivo della comunicazione. Gli importi delle sanzioni sono previsti dall'articolo 19 del Decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276 e variano da 100 a 500 € per ogni lavoratore interessato.
  • Numero:  1000
  • Autore: fm
  • Ultima modifica: 28.11.2008

Questa risposta è stata utile? 199 191 No