FAQ

Lista delle domande e risposte frequenti

[Tirocini estivi di orientamento e tirocini di formazione e orientamento]
Quali obblighi incombono alla struttura osptiante in caso di infortunio sul posto di lavoro?

Ai sensi dell'articolo 2, comma 1, lettera a) del decreto legislativo n. 81/2008, la ovvero il tirocinante, in caso di infortunio sul posto di lavoro è equiparato alla lavoratrice ovvero al lavoratore. In caso di infortunio, il datore di lavoro ha conseguentemente l'obbligo di informare immediatamente l'INAIL e il tutor della Ripartizione Lavoro.  

  • Numero:  103
  • Autore: G.A.
  • Ultima modifica: 12.8.2019

Questa risposta è stata utile? 104 101 No

[Inserimento lavorativo e collocamento mirato di persone con disabilità]
Quali persone possono beneficiare di una convenzione di affidamento?
La convenzione di affidamento é pensata per persone in età lavorativa che a causa di una disabilítà non hanno i presupposti per procurarsi autonomamente un lavoro, cosí come certificato dal servizio specialistico dell'azienda sanitaria. Questo servizio specialistico compartecipa a seguire il progetto d'inserimento lavorativo.
  • Numero:  105
  • Autore: DB
  • Ultima modifica: 8.1.2013

Questa risposta è stata utile? 247 261 No

[Sicurezza del Lavoro / Responsabile del servizio di prevenzione e protezione]
Il datore di lavoro è obbligato a frequentare un corso di sicurezza sul lavoro?

Qualora il datore di lavoro intenda svolgere direttamente i compiti del Responsabile del servizio di prevenzione e protezione – RSPP (consentito solo per aziende artigiane fino a 30 lavoratori, aziende industriali(1) fino a 30 lavoratori, aziende agricole e zootecniche fino a 30 lavoratori, aziende della pesca fino a 20 lavoratori e altre aziende fino a 200 lavoratori) deve frequentare corsi di formazione adeguati alla natura dei rischi presenti sul luogo di lavoro e relativi alle attività lavorative, la cui durata dipende dalla classificazione di rischio dell’azienda:

  • 16 ore per aziende classificate nel rischio BASSO

  • 32 ore per aziende classificate nel rischio MEDIO

  • 48 ore per aziende classificate nel rischio ALTO.

Successivamente alla formazione iniziale, per mantenere i requisiti maturati, il datore di lavoro che intenda svolgere i compiti del RSPP deve frequentare corsi di aggiornamento nell’arco di ogni quinquennio, la cui durata dipende dalla classificazione di rischio dell’azienda:

  • 6 ore per aziende classificate nel rischio BASSO

  • 10 ore per aziende classificate nel rischio MEDIO

  • 14 ore per aziende classificate nel rischio ALTO


  • Numero:  110
  • Autore: 19.2
  • Ultima modifica: 14.11.2016

Questa risposta è stata utile? 240 235 No

[Sicurezza del Lavoro / Coordinatore della sicurezza]
Quando deve essere designato un coordinatore della sicurezza?
Nei cantieri in cui è prevista la presenza di più imprese esecutrici, anche non contemporanea, il committente, anche nei casi di coincidenza con l’impresa esecutrice, o il responsabile dei lavori, contestualmente all’affidamento dell’incarico di progettazione, designa il coordinatore per la progettazione e prima dell’affidamento dei lavori, designa il coordinatore per l’esecuzione dei lavori.
La nomina del coordinatore della progettazione  non è necessaria  per  lavori privati non soggetti a permesso di costruire in base alla normativa vigente e comunque di importo inferiore ad euro 100.000. In tal caso, le funzioni del coordinatore per la progettazione sono svolte dal coordinatore per la esecuzione dei lavori.
  • Numero:  110
  • Autore: 19.2
  • Ultima modifica: 14.11.2016

Questa risposta è stata utile? 238 282 No

[Inserimento lavorativo e collocamento mirato di persone con disabilità]
Il certificato d'invalidità consente l'attivazione di una convenzione d'affidamento?
No, perché il certificato d'invalidità dichiara solo il tipo di disabilità e la relativa percentuale ma non attesta la capacità lavorativa.
  • Numero:  110
  • Autore: DB
  • Ultima modifica: 8.1.2013

Questa risposta è stata utile? 255 255 No

[Mobilità]

Per quanto tempo non può rioccuparsi come dipendente il lavoratore in mobilità che ha fruito del pagamento dell'indennità anticipata per svolgere lavoro autonomo?

Indipendentemente dall'età del lavoratore il divieto di rioccupazione vige per due anni dalla data di erogazione dell'anticipazione, pena il recupero da parte dell'INPS di tutto l'importo erogato.

  • Numero:  111
  • Autore: M.M.G.A.
  • Ultima modifica: 14.8.2019

Questa risposta è stata utile? 248 299 No

[Mobilità]

L'attività autonoma per la quale il lavoratore chiede l'anticipazione può svolgersi anche all'estero?

Si, perchè all'indennità di mobilità può essere esteso il principio del mantenimento del diritto nell'ipotesi in cui gli interessati si rechino in un paese convenzionato, quindi solo dell'Unione Europea. Pertanto, se un lavoratore intende svolgere attività autonoma in un paese appartenente alla UE ha diritto all'anticpazione.

  • Numero:  112
  • Autore: G.A.
  • Ultima modifica: 14.8.2019

Questa risposta è stata utile? 290 320 No

[Sicurezza del Lavoro / Responsabile del servizio di prevenzione e protezione]
Cosa deve fare il datore di lavoro che non svolge personalmente la funzione di RSPP?


In questo caso deve incaricare una persona per svolgere i compiti del RSPP. I requisiti per lo svolgimento di questa funzione sono il possesso di un titolo di studio non inferiore al diploma di istruzione secondaria superiore, nonché di un attestato di frequenza con verifica di apprendimento, a corsi specifici di formazione adeguati alla natura dei rischi presenti sul luogo di lavoro e relativi alle attività lavorative. Successivamente alla formazione iniziale, l’RSPP deve frequentare corsi di aggiornamento per mantenere i requisiti maturati pari a 40 ore nell’arco di ogni quinquennio.

L’articolazione e le modalità di svolgimento dei corsi di formazione per RSPP sono definiti dall’accordo sancito il 7 luglio 2016 in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 193 del 19 agosto 2016.
Fino al 3 settembre 2017, possono essere avviati corsi di formazione per RSPP rispettosi dell'accordo sancito il 26 gennaio 2006 in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 37 del 14 febbraio 2006, e successive modificazioni.


  • Numero:  115
  • Autore: 19.2
  • Ultima modifica: 14.11.2016

Questa risposta è stata utile? 367 385 No

[Inserimento lavorativo e collocamento mirato di persone con disabilità]
Qual'é la durata di una convenzione d'affidamento?
La durata di una convenzione d'affidamento é compresa fra 3 e 12 mesi ed é rinnovabile. Una convenzione d'affidamento puó essere risolta anticipatamente su richiesta delle parti contraenti.
  • Numero:  115
  • Autore: DB
  • Ultima modifica: 8.1.2013

Questa risposta è stata utile? 182 240 No

[Mobilità]

Che cosa si intende per la mobilità in deroga?

La mobilità in deroga è un ammortizzatore sociale a favore delle lavoratrici e dei lavoratori che hanno perso il loro posto di lavoro in base ad un licenziamento collettivo o un licenzia-mento individuale motivato da riduzione del personale, conversione o cessazione dell'attività imprenditoriale e per i quali non sussistono i presupposti per godere un ammortizzatore sociale ordinario in relazione alla cessazione del rapporto di lavoro. Tale possibilità può essere chiesta da persone che non ravvisano i requisiti per ottenere l'indennità di disoccupazione ma che hanno lavorato presso l'azienda almeno 12 mesi di cui 6 effettivamente. L'ammortizzatore sociale in deroga è stato abrogato in virtù di una disposizione legislativa sino al 31 dicembre 2011. Tuttavia la legge di stabilità Nr. 183/2001 ha nuovamente attivato l'istituto con decorrenza 1 gennaio 2012.

  • Numero:  116
  • Autore: G.A.
  • Ultima modifica: 14.9.2019

Questa risposta è stata utile? 201 231 No

[Mobilità]

Quale conseguenze incontra una persona che trovandosi iscritta in lista di mobilità svolge un'attività lavorativa dalla quale successivamente si dimette?

Persone che si trovano in lista di mobilità e che si dimettono da un rapporto di lavoro a tempo determinato o da un rapporto di lavoro parziale a tempo indeterminato per concludere un rapporto di lavoro a tempo indeterminato o un rapporto di lavoro a tempo indeterminato a tempo pieno presso un altro datore di lavoro rimangono iscritti in lista di mobilità sino al momento dell'assunzione del nuovo rapporto di lavoro. Persone che dichiarano in base al patto di servizio di accettare unicamente un offerta di lavoro a tempo parziale e si dimettono successivamente da tale rapporto di lavoro senza giusta causa non hanno la possibilità di essere reiscritti in lista di mobilità. La giusta causa è data in caso di non pagamento dello stipendio o nel caso in cui la prestazione lavorativa si trova in netto contrasto con la mansione descritta nel contratto di lavoro.

  • Numero:  117
  • Autore: G.A.
  • Ultima modifica: 14.8.2019

Questa risposta è stata utile? 241 251 No

[Controversie di lavoro]

Chi può proporre la conciliazione e con quali effetti?

La conciliazione può essere richiesta tanto dal lavoratore quanto dal datore di lavoro. Il tentativo di conciliazione è divenuto facoltativo, il suo esperimento non è quindi più necessario per poter ricorrere in giudizio. Se però le parti scelgono la via della conciliazione, un eventuale accordo è vincolante. In caso di mancato accordo, la commissione è tenuta a fare una proposta; in sede di giudizio il giudice tiene conto di un eventuale rifiuto senza adeguata motivazione.

Controversie di lavoro
  • Numero:  120
  • Autore: GA
  • Ultima modifica: 13.8.2019

Questa risposta è stata utile? 394 348 No

[Tirocini estivi di orientamento e tirocini di formazione e orientamento]
Come è disciplinato l'istituto del riposo settimanale per i tirocinanti minorenni?

In linea generale i minorenni hanno il diritto di godere un riposo settimanale di almeno due giorni, se possibile consecutivi, e comprendente la domenica. Nell'ambito del turismo, delle attività culturali, artistiche, sportive e dello spettacolo il riposo settimanale può essere concesso anche in un giorno diverso dalla domenica. In base all'articolo 22 della legge sulla tutela del lavoro dei minorenni, n. 977/1967, l'attività lavorativa durante la domenica è ammissibile nel settore alberghiero e turistico con l'assolvimento dell'obbligo scolastico ovvero con esclusivo riferimento agli adolescenti che non siano più soggetti all'obbligo scolastico.

  • Numero:  120
  • Autore: G.A.
  • Ultima modifica: 9.7.2019

Questa risposta è stata utile? 504 493 No

[Inserimento lavorativo e collocamento mirato di persone con disabilità]
Quali sono gli obblighi dell'azienda e quali costi si assume essa nell'ambito di una convenzione d'affidamento?
L'azienda deve determinare una persona di riferimento che segua la persona interessata all'interno dell'azienda e che le impartisca le necessarie istruzioni. Essa provvede a coprire le spese di vitto e di trasporto al posto di lavoro.
  • Numero:  120
  • Autore: DB
  • Ultima modifica: 8.1.2013

Questa risposta è stata utile? 221 291 No

[Mobilità]
Quando può iscriversi in lista di mobilità una persona che si trova in stato di malattia?

Nel momento in cui la persona guarisce può essere licenziata ed iscritta in lista di mobilità. 

  • Numero:  122
  • Autore: GA
  • Ultima modifica: 14.8.2019

Questa risposta è stata utile? 215 213 No

[Tirocini estivi di orientamento e tirocini di formazione e orientamento]
Quale periodo temporale deve essere inserito nel portale ProPraktika qualora il periodo di un tirocinio dovrà prevedere una durata pari a 3 mesi?
In occasione dell'inserimento di un periodo temporale pari a 3 mesi, p.e. dal 22.05.2017 sino al 22.08.2017, tale arco temporale viene calcolato nel Programma ProPraktika come 3 mesi e 1 giorno - e quindi per un giorno in più. Per tale motivo nel programma ProPraktika deve essere inserito il periodo decorrente dal 22.05.2017 sino al 21.05.2017.
  • Numero:  123
  • Autore: G.A.
  • Ultima modifica: 20.8.2018

Questa risposta è stata utile? 467 486 No

[Tirocini estivi di orientamento e tirocini di formazione e orientamento]

Per quante ore settimanali può essere svolto e concesso un tirocinio (tirocinio estivo e tirocinio per persone svantaggiate sul mercato del lavoro)?

Il limite massimo sono 40 ore settimanali. Come noto, il limite massimo per giovani che non hanno ancora compiuto il 16° anno di età è pari a 35 ore settimanali.   

  • Numero:  124
  • Autore: G.A.
  • Ultima modifica: 20.8.2018

Questa risposta è stata utile? 444 407 No

[Tirocini estivi di orientamento e tirocini di formazione e orientamento]

Può essere autorizzato un tirocinio, qualora il ovvero la tirocinante avevano precedentemente gia svolto presso la medesima società un attività lavorativa con un profilo professionale equivalente indicato nel progetto del tirocinio?

Nel caso concreto il tirocinio non può essere approvato.

  • Numero:  125
  • Autore: GA
  • Ultima modifica: 5.7.2019

Questa risposta è stata utile? 114 153 No

[Inserimento lavorativo e collocamento mirato di persone con disabilità]
Una convenzione di affidamento corrisponde ad un contratto di lavoro?
No, una convenzione di affidamento non é un contratto di lavoro; pertanto non sono previsti né uno stipendio né il versamento degli oneri sociali (INPS).
  • Numero:  125
  • Autore: DB
  • Ultima modifica: 8.1.2013

Questa risposta è stata utile? 228 240 No

[Tirocini estivi di orientamento e tirocini di formazione e orientamento]

Deve essere inoltrato una nuova istanza attraverso il portale ProPraktika qualora si modifica il luogo di formazione ovvero l'importo dell'indennità di partecipazione? 

Negli ipotesi indicate deve essere inoltrata una nuova istanza.

  • Numero:  126
  • Autore: G.A.
  • Ultima modifica: 8.8.2019

Questa risposta è stata utile? 465 453 No

[Tirocini estivi di orientamento e tirocini di formazione e orientamento]

Cosa è da fare quando viene accertato che in occasione della registrazione è stata inserita un informazione errata e l'istanza non è stata ancora approvata?  

Qualora in occasione dell'inoltro di un tirocinio viene accertato che un'informazione è stata registrata erroneamente, è possibile ritirare e correggere il progetto entro cinque giorni dall'avvenuto inoltro presso il portale ProPraktika. Qualora il termine dei cinque giorni risulta essere già decorso, esiste la possibilità di terminare il progetto prima della scadenza accordata e di ripresentarlo con i dati corretti ai fini della nuova approvazione.   

  • Numero:  127
  • Autore: G.A.
  • Ultima modifica: 20.8.2018

Questa risposta è stata utile? 444 472 No

[Inserimento lavorativo e collocamento mirato di persone con disabilità]
Nella convenzione d'affidamento é prevista una paga per l'attività svolta?
La persona interessata riceve un premio-sussidio mensile da parte della Provincia. Il pagamento del premio-sussidio avviene sulla base delle ore effettivamente prestate in azienda. Per 40 ore settimanali é previsto un importo di 484,00 Euro. Il premio - sussidio viene versato entro il giorno 20 del mese successivo.
  • Numero:  130
  • Autore: DB
  • Ultima modifica: 8.1.2013

Questa risposta è stata utile? 198 253 No

[Inserimento lavorativo e collocamento mirato di persone con disabilità]
Il premio-sussidio di una convenzione d'affidamento é assoggettabile alla dichiarazione dei redditi?
Il premio-sussidio non é assoggettabile alla dichiarazione reddituale perchè non viene considerato come reddito. Tuttavia nel caso di particolari servizi erogati dalla Comunità Conprensoriale (comunità alloggio, alloggio protetto, assistenza economica) viene considerato.
  • Numero:  135
  • Autore: DB
  • Ultima modifica: 8.1.2013

Questa risposta è stata utile? 203 218 No

[Inserimento lavorativo e collocamento mirato di persone con disabilità]
Il premio - sussidio di una convenzione di affidamento é cumulabile con la pensione d'invalidità?
Sì, poiché il premio - sussidio non viene considerato come reddito.
  • Numero:  140
  • Autore: DB
  • Ultima modifica: 8.1.2013

Questa risposta è stata utile? 202 228 No

[Affari generali]
Da un controllo dell'estratto INPS ho accertato che non risulta il mio periodo di lavoro in qualitá di collaboratore coordinato e continuativo mentre risulta il periodo lavorativo prestato come lavoratore a tempo parziale. Cosa posso fare?
Prima di tutto deve controllare se è stata aperta un posizione presso la Gestione separata dell'INPS, alla quale il committente provvede a versare la contribuzione previdenziale. L'iscrizione invece deve essere effettuata direttamente dal collaboratore. I relativi moduli sono disponibili presso le sedi INPS.
  • Numero:  140
  • Autore: pp
  • Ultima modifica: 24.1.2006

Questa risposta è stata utile? 225 213 No