FAQ

Lista delle domande e risposte frequenti

[Tirocini estivi di orientamento e tirocini di formazione e orientamento]

Può essere risolto un tirocinio qualora la struttura ospitante non è soddisfatta con la prestazione?

Un tirocinio non costituisce un rapporto di lavoro, motivo per il quale in presenza di una violazione della convenzione non trovano applicazione le regole del licenziamento, ma quelle che riguardano le obbligazioni e in particolare l'inadempimento contrattuale. Siccome nell'ambito di un tirocinio la formazione e l'orientamento prevalgono sulla prestazione lavorativa una risoluzione unilaterale potrebbe essere motivata in presenza di un ritardo reiterato e contestato, di un comportamento impertinente, di un furto, di una sottorazione, di una aggressione fisica e mancato ottemperamento di istruzioni). In presenza di tali eventi potrebbe scattare la risoluzione unilterale anche secondo quanto dispone l'articolo 6 dell'accordo quadro locale del 19 marzo 2015.    

  • Numero:  186
  • Autore: G.A.
  • Ultima modifica: 8.8.2019

Questa risposta è stata utile? 396 401 No

[Tirocini estivi di orientamento e tirocini di formazione e orientamento]

Come si deve procedere qualora un tirocinio viene terminato ovvero termina prima della scadenza convenuta o non inizia ?

Qualora un tirocinio viene terminato ovvero termina prima della scadenza convenuta o non inizia, il tutor della Ripartizione lavoro deve essere informato immediatamente. Qualora il tirocinio è soggetto alla notifica tramite ProNotel 2, la notifica di cessazione deve essere eseguita entro il termine di 5 giorni dalla cessazione del tirocinio.  

  • Numero:  187
  • Autore: G.A.
  • Ultima modifica: 8.8.2019

Questa risposta è stata utile? 364 371 No

[Tirocini estivi di orientamento e tirocini di formazione e orientamento]

È possibile decurtare l'indennità di partecipazione qualora la o il tirocinante è ingiustificatamente assente? Come è determinata la decurtazione? Il pagamento dell'indennità di partecipazione è dovuta anche durante il periodo di malattia?

In base all'accordo quadro locale del 16 marzo 2015 la struttura ospitante ha la possibilità di decurtare l'indennità di partecipazione che viene erogata mensilmente in relazione all'effettivo periodo di assenza della o del tirocinante. 

  • Numero:  188
  • Autore: G.A.
  • Ultima modifica: 8.8.2019

Questa risposta è stata utile? 400 414 No

[Tirocini estivi di orientamento e tirocini di formazione e orientamento]

Il soggetto ospitante è obbligato comunque a versare l'indennità di partecipazione convenuta in caso di assenza, malattia o interruzione del tirocinio per persone svantaggiate sul mercato del lavoro? 

No. In base alla DGP n. 1.405/2015, allegato B, art. 5, co. 5, il soggetto ospitante può ridurre l'indennità di partecipazione in rapporto all'effettiva presenza della o del tirocinante.

  • Numero:  189
  • Autore: G.A.
  • Ultima modifica: 6.8.2019

Questa risposta è stata utile? 47 55 No

[Tirocini estivi di orientamento e tirocini di formazione e orientamento]

Consiste l'obbligo di presentare un istanza integrativa ex articolo 6, comma 3 della legge n. 977/1967 presso l'Ufficio tutela sociale del lavoro qualora il tirocinio di orientamento e di formazione viene espletato da una persona minorenne ?

La citata istanza integrativa è necessaria qualora la persona minorenne stia svolgendo nell'ambito del tirocinio di orientamento e di formazione un'attività pericolosa ai sensi della legge n. 977/1967, allegato 1.

  • Numero:  190
  • Autore: G.A.
  • Ultima modifica: 8.8.2019

Questa risposta è stata utile? 390 360 No

[Tirocini estivi di orientamento e tirocini di formazione e orientamento]

Può essere autorizzato un tirocinio per una tirocinante che si trova in stato di gravidanza?

Il tirocinio di una tirocinante che si trova in stato di gravidanza non può essere autorizzato qualora il periodo del tirocinio da svolgere si copre con il periodo della maternità obligatoria. Ciò significa che 2 mesi ovvero 3 mesi prima e dopo il parto non possono essere autorizzati tirocini.

  • Numero:  191
  • Autore: G.A.
  • Ultima modifica: 8.8.2019

Questa risposta è stata utile? 225 213 No

[Mediazione al lavoro]
Quando opera la sospensione dello stato di disoccupazione ?

Lo stato di disoccupazione è sospeso automaticamente in occasione di contratti di lavoro che hanno una durata sino a 6 mesi. .

  • Numero:  200
  • Autore: GA
  • Ultima modifica: 5.12.2019

Questa risposta è stata utile? 219 286 No

[Cittadini extracomunitari / Autorizzazioni al lavoro]
Un cittadino extracomunitario in possesso di un visto d'ingresso per motivi di turismo può lavorare in Alto Adige?
No, i cittadini extracomunitari in possesso di un visto d'ingresso per motivi di turismo o di un permesso di soggiorno per motivi di turismo validi per l'Italia possono soggiornare in Alto Adige e nel resto d'Italia solo in qualità di turisti e non possono instaurare nessun tipo di rapporto di lavoro.
  • Numero:  200
  • Autore: kp
  • Ultima modifica: 26.8.2019

Questa risposta è stata utile? 186 192 No

[Contratti estivi per studenti (accordi settoriali)]
Quali sono i presupposti per concludere un contratto feriale?

Il giovane deve aver raggiunto l'età lavorativa, quindi il 16 anno di età e fornire la prova che è studente. L'attività lavorativa può essere svolta esclusivamente durante il periodo in cui non c'è la scuola in quanto altrimenti verrebbe leso l'obbligo formativo.  

  • Numero:  200
  • Autore: G.A.
  • Ultima modifica: 14.8.2019

Questa risposta è stata utile? 281 277 No

[Controversie di lavoro]

Cosa devo tenere in considerazione se intendo di richiedere un tentativo di conciliazione?

È innanzittutto importante tenere presente che sia nelle vertenze di lavoro nel settore privato che in quello pubblico il ricorso deve essere notificato alla controparte e contemporaneamente all'ufficio servizio lavoro. Solo se la parte convenuta si costituisce entro 20 giorni dall'avvenuta notifica dell'istanza, l'ufficio servizio lavoro convoca entrambe le parti.

Controversie di lavoro
  • Numero:  200
  • Autore: GA
  • Ultima modifica: 13.8.2019

Questa risposta è stata utile? 436 445 No

[Tirocini estivi di orientamento e tirocini di formazione e orientamento]

Da quale età è possibile svolgere un tirocinio estivo di orientamento o un tirocinio formativo e di orientamento?

La possibilità sussiste con il compimento del 15° anno di età. 
ulteriori informazioni
  • Numero:  200
  • Autore: GA
  • Ultima modifica: 8.8.2019

Questa risposta è stata utile? 269 235 No

[Impiego temporaneo di disoccupati (L.P. 11/86)]
Di quali attività si tratta?

Si tratta di misure occupazionali che sono finalizzati a favorire l'inserimento o il reinserimento di persone disoccupate nel modo nel lavoro. Concretamente non si tratta di un rapporto di lavoro subordinato ma di uno strumento di politica attiva del lavoro attraverso il quale si mira a realizzare iniziative socialmente utili che sono socialmente auspicabili e di pubblico interesse.

  • Numero:  200
  • Autore: sd
  • Ultima modifica: 9.1.2018

Questa risposta è stata utile? 209 344 No

[Minori - tutela sul lavoro]
Dove posso assumere informazioni sulla tutela del lavoro minorile?
Presso l'ispettorato del lavoro
  • Numero:  200
  • Ultima modifica: 2.1.2017

Questa risposta è stata utile? 191 227 No

[Impiego pubblico]
Come avviene l'assunzione a tempo determinato nell'impiego pubblico?

I vari Enti Pubblici formulano le proprie graduatorie  per l'assunzione temporanea con le scadenze individuate. Le graduatorie hanno validità di 2 anni, come p.es.  Provincia, Comprensori Sanitari e 6 mesi presso Comuni  e si rinnovano su richiesta.

  • Numero:  200
  • Autore: mr
  • Ultima modifica: 30.12.2016

Questa risposta è stata utile? 216 198 No

[Sicurezza del lavoro]
Quale formazione deve avere il lavoratore dipendente?
Il datore di lavoro deve provvedere affinché ogni lavoratore riceva un’adeguata informazione sui rischi per la sicurezza e la salute connessi all’attivitá dell’impresa in generale e sulle misure di protezione e prevenzione conseguentemente adottate. Deve inoltre assicurarsi che ciascun lavoratore riceva una formazione in materia di sicurezza e di salute, anche nel rispetto delle conoscenze linguistiche,  con particolare riferimento al proprio posto di lavoro e alle proprie mansioni

L’Accordo Stato-Regioni del 21 dicembre 2011 disciplina i contenuti minimi della formazione dei lavoratori nonché l’aggiornamento.

Il percorso formativo è composto di 2 moduli distinti “Formazione generale” e “Formazione specifica”.

La formazione generale non può essere inferiore a 4 ore e deve essere dedicata alla presentazione dei concetti generali in tema di prevenzione e sicurezza sul lavoro.

La formazione specifica deve avere durata minima di 4 – 8 – 12 ore in funzione dei rischi riferiti alle mansioni caratteristici del settore o comparto di appartenenza dell’azienda.

La classificazione livelli di rischio corrisponde alle macrocategorie ATECO, attribuendo per il rischio basso 4 ore, per il rischio medio 8 ore e per il rischio alto 12 ore di formazione.

La formazione generale ha validità permanente mentre quella specifica è soggette ad aggiornamento con periodicità quinquennale con un corso della durata minima di 6 ore.


  • Numero:  200
  • Autore: 19.2
  • Ultima modifica: 14.11.2016

Questa risposta è stata utile? 198 200 No

[Legge sulle zone montane]
Con quali tipi di rapporto di lavoro può essere assunto un coltivatore diretto?
Il coltivatore diretto deve essere assunto con contratto a tempo parziale o con contratto stagionale.
  • Numero:  200
  • Autore: PP
  • Ultima modifica: 13.10.2016

Questa risposta è stata utile? 199 212 No

[Mobilità tra gli enti pubblici]
Quali sono i requisiti  necessari per poter usufruire della mobilità tra gli enti?
La mobilità può essere richiesta dai dipendenti che sono stati assunti tramite contratto intercompartimentale mediante procedimenti selettivi e che hanno superato il periodo di prova.
  • Numero:  200
  • Autore: MR
  • Ultima modifica: 1.2.2013

Questa risposta è stata utile? 213 204 No

[Inserimento lavorativo e collocamento mirato di persone con disabilità]
Cosa prevede la legge sul collocamento obbligatorio?
La legge n. 68/99 inerente il diritto al lavoro per le persone disabili regola il collocamento obbligatorio di invalidi. Per il collocamento mirato in aziende private e pubbliche che occupano piú di 15 dipendenti sono previste specifiche graduatorie per persone disabili, nelle quali le stesse devono iscriversi. Con collocamento mirato si intendono quella serie di provvedimenti per favorire al meglio l'integrazione lavorativa delle persone disabili. Ciò avviene attraverso un'adeguata valutazione della capacità lavorativa delle persone, tramite analisi del posto di lavoro e attraverso forme di sostegno.
  • Numero:  200
  • Autore: DB
  • Ultima modifica: 8.1.2013

Questa risposta è stata utile? 216 211 No

[Comunicazione obbligatoria unificata dei rapporti di lavoro]
Deleganti – Delegati – Un consulente può delegare propri collaboratori all’effettuazione delle comunicazioni tramite ProNotel2?
Consulenti del lavoro, avvocati e procuratori legali, dottori commercialisti, ragionieri e periti commerciali possono delegare l’utilizzo di ProNotel2 per loro conto ed in loro nome solo ed esclusivamente a propri collaboratori dipendenti.
  • Numero:  200
  • Autore: fm
  • Ultima modifica: 9.6.2009

Questa risposta è stata utile? 571 575 No

[Lavoratori domestici]
I domestici ricevono il modello CUD?
No, il datore di lavoro non è sostituto d'imposta, per cui i domestici devono presentare una dichiarazione dei redditi e pagare le imposte sul reddito in proprio.
  • Numero:  200
  • Autore: MS
  • Ultima modifica: 14.8.2008

Questa risposta è stata utile? 181 216 No

[Libretto di lavoro]
Cosa si fa con il libretto di lavoro non più necessario?
Si consiglia di conservare il libretto di lavoro, anche se lo stesso non è più necessario. Il libretto di lavoro contiene infatti informazioni ed attestazioni sui rapporti di lavoro pregressi che possono tornare utili.
  • Numero:  200
  • Autore: PP
  • Ultima modifica: 13.8.2008

Questa risposta è stata utile? 192 199 No

[Mediazione al lavoro]

Quando esiste la possibilità del mantenimento dello stato di disoccupazione?

L'articolo 4, comma 15-quater del decreto legge n. 4/2019, convertito in legge n. 26/2019 e la Circolare ANPAL n. 1 del 23 luglio 2019  prevedono che se il reddito derviante da lavoro dipendente non è superiore ad euro 8.145 annui o in caso di attività autonoma non è superiore ad euro 4.800, la persona munita di stato di disoccupazione non perde, ma mantiene lo stato di disoccupazione.

  • Numero:  201
  • Autore: G.A.
  • Ultima modifica: 5.12.2019

Questa risposta è stata utile? 24 26 No

[Tirocini estivi di orientamento e tirocini di formazione e orientamento]

Può una studentessa derivante da uno stato extracomunitario regolarmente soggiornante in Italia svolgere un tirocinio di orientamento e formazione?

Si, la possibilità sussiste. La ovvero il tirocinante deve essere in possesso di un regolare permesso di soggiorno che autorizza il lavoro dipendente.

  • Numero:  201
  • Autore: G.A.
  • Ultima modifica: 8.8.2019

Questa risposta è stata utile? 197 213 No

[Maternità - tutela sul lavoro]
Quali sono i diritti in caso di malattia del bambino?

In caso di malattia del bambino la madre lavoratrice oppure il padre lavoratore può assentarsi dal lavoro per prestare le necessarie cure. Essa deve presentare al datore di lavoro idoneo certificato medico riguardante la malattia del bambino. Entro il terzo anno di vita del bambino l'assenza per malattia dello stesso non ha limiti se non nella durata della malattia stessa. Ciascun genitore, alternativamente, ha altresì diritto di astenersi dal lavoro, nel limite di cinque giorni lavorativi all'anno, per le malattie di ogni figlio di età compresa fra i tre e gli otto anni. I periodi di congedo per la malattia del figlio sono computati nell'anzianità di servizio, esclusi gli effetti relativi alle ferie e alla tredicesima mensilità o alla gratifica natalizia. Per i periodi di congedo per la malattia del figlio è dovuta la contribuzione figurativa fino al compimento del terzo anno di vita del bambino. Presupposto per la fruizione di questo congedo è la presentazione di una dichiarazione al datore di lavoro che l'altro genitore non fruisce a sua volta di un congedo per lo stesso motivo.

  • Numero:  201
  • Autore: LDR
  • Ultima modifica: 18.7.2017

Questa risposta è stata utile? 193 202 No

[Maternità - tutela sul lavoro]
Per quanto tempo dura il divieto di licenziamento della madre lavoratrice?

Il divieto di licenziamento della madre lavoratrice opera dall'inizio della gestazione fino al compimento del primo anno di età del bambino. Il divieto di licenziamento non si applica nei seguenti casi: colpa grave da parte della lavoratrice, costituente giusta causa per la risoluzione del rapporto di lavoro, cessazione dell'attività dell'azienda cui essa è addetta, risoluzione del rapporto di lavoro per la scadenza del termine, esito negativo della prova. Il divieto di licenziamento cessa inoltre 10 giorni dopo l'eventuale morte del bambino, qualora questa sopravvenga dopo il congedo obbligatorio per maternità e prima del compimento del primo anno di vita del bambino. In caso di morte del bambino sopravvenuta durante il congedo obbligatorio per maternità, il divieto di licenziamento cessa al termine dello stesso congedo. Il divieto di licenziamento non opera per le lavoratrici domestiche.

  • Numero:  202
  • Autore: LDR
  • Ultima modifica:

Questa risposta è stata utile? 204 195 No