Ordinamento del commercio al dettaglio

Un servizio dell'amministrazione provinciale dell'Alto Adige

Descrizione generale

Dal primo gennaio 2014 nel settore delle attività commerciali le segnalazioni (p.es. inizio attività, trasferimento, subingresso, cessazione attività) e le domanda (p.es. vendita giornali) devono essere trasmessi in via telematica attraverso lo  sportello unico delle attività produttive (SUAP). La forma cartacea delle comunicazioni o delle domande é eliminata. Ciò significa che dall’inizio fino alla cessazione di un attività commerciale tutte le operazioni (provvedimenti) in materia di commercio devono essere svolti esclusivamente online tramite il front office dello sportello unico (SUAP).

L'accesso al front office avviene attraverso la Rete Civica dell'Alto Adige o il portale statale “https://www.impresainungiorno.gov.it/“. Chi non è in possesso dei presupposti (Carta Provinciale dei Servizi o altra Carta Nazionale dei Servizi, firma digitale e casella di posta elettronica certificata PEC) può rivolgersi a un intermediario delegato (commercialista, avvocato, associazione di categoria, patronato ecc.). In tale caso è necessario allegare una procura speciale firmata dal titolare/legale rappresentante dell'impresa.

Dopo la trasmissione della segnalazione l’attivitá puó essere avviata immediatamente.

Lo sportello SUAP emette una ricevuta di avvenuta ricezione, che viene inviata alla casella PEC indicata dall’utente. La ricevuta vale come titolo abilitante all’avvio dell’attivitá.

Chi intende aprire un punto vendita giornali deve inoltrare al Comune territorialmente competente apposita istanza. L’attività può essere iniziata previo rilascio di un’autorizzazione da parte del Comune.

Possesso dei requisiti morali di cui al D.Lgs. n. 59/2010, art. 71

Per il settore alimentare sono inoltre richiesti i seguenti requisiti professionali:

  • avere frequentato con esito positivo un corso professionale per il commercio, la preparazione o la somministrazione degli alimenti, istituito o riconosciuto dalla Provincia autonoma di Bolzano, dalla Provincia autonoma di Trento o da una regione;
  • avere prestato la propria opera, per almeno due anni, anche non continuativi, nel quinquennio precedente, presso imprese esercenti l'attività nel settore alimentare o nel settore della somministrazione di alimenti e bevande, in qualità di dipendente qualificato, addetto alla vendita o all'amministrazione o alla preparazione degli alimenti, o in qualità di socio lavoratore o, se trattasi di coniuge, parente o affine, entro il terzo grado, dell'imprenditore in qualità di coadiutore familiare, comprovata dalla iscrizione all'Istituto nazionale per la previdenza sociale;
  • essere in possesso di un diploma di scuola secondaria superiore o di laurea, anche triennale, o di altra scuola ad indirizzo professionale, almeno triennale, purché nel corso di studi siano previste materie attinenti al commercio, alla preparazione o alla somministrazione degli alimenti.

  • per il commercio al dettaglio in sede fissa e per il commercio su aree pubbliche: trasmissione esclusivamente per via digitale della segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) attraverso lo Sportello unico per le attività produttive (SUAP)
  • per la vendita di giornali: trasmissione esclusivamente per via digitale della domanda attraverso lo Sportello unico per le attività produttive (SUAP)

La presentazione della SCIA è soggetta al pagamento di diritti di istruttoria (varia da Comune a Comune).

(Ultimo aggiornamento del servizio: 27/10/2017)

Ente competente

35.3. Ufficio Commercio e servizi
Palazzo 5, via Raiffeisen 5, 39100 Bolzano
Telefono: 0471 41 37 86 - Luca Zanon
0471 41 37 37 - Heidelinde Mair
Fax: 0471 41 37 98
E-mail: commercio@provincia.bz.it
PEC: handel.commercio@pec.prov.bz.it
Website: http://www.provincia.bz.it/economia

Orario d'ufficio:

Lunedì, martedì, mercoledì, venerdì: dalle 09.00 alle 12.00
Giovedì: dalle 08.30 alle 13.00 / dalle 14.00 alle 17.30

Scadenze

Per l'uso del servizio non ci sono da rispettare termini particolari.