Contributi a cooperative per assistenza tecnica

Descrizione generale

Il servizio prevede la concessione di contributi per studi di fattibilità e accompagnamento tecnico amministrativo, ai sensi della Legge provinciale 8 gennaio 1993, n. 1, a favore di cooperative sociali e di particolari tipologie di cooperative di produzione lavoro.

I contributi, nella misura dell’80% dei costi ammissibili, possono essere concessi in regime “de minimis” per i seguenti interventi:

  1. Studio di fattibilità;
  2. accompagnamento tecnico-gestionale e organizzativo (tutoraggio) nella fase di avvio dell'attività o nel caso di rilevanti ristrutturazioni aziendali

Possono beneficiare degli interventi previsti dalla legge le società cooperative iscritte al Registro degli enti cooperativi della Provincia di Bolzano, che risultano "attivi" nel Registro delle imprese e che svolgono la loro attività prevalentemente in Provincia di Bolzano, purché rientranti nelle seguenti tipologie:

• cooperative sociali;

• cooperative di produzione e lavoro composte per almeno il 60 per cento da lavoratori e lavoratrici che siano stati licenziati a seguito di fallimento o di altra procedura concorsuale, di chiusura definitiva dell'azienda o di consistenti riduzioni di personale;

• cooperative di produzione e lavoro che subentrino nella gestione di imprese e composte da almeno il 60 per cento da lavoratori e lavoratrici che per almeno un anno siano stati dipendenti dell'impresa che si intende rilevare;

• cooperative che svolgono attività imprenditoriali innovative o con particolare valenza sociale;

• cooperative che svolgono attività imprenditoriali, con particolare riguardo alla formazione professionale e all'inserimento lavorativo delle donne e dei giovani nonché alla qualificazione, riqualificazione e integrazione lavorativa di persone con difficoltà di inserimento nel mercato del lavoro. Tali finalità devono risultare dalle disposizioni statutarie e avere un peso preponderante nell'attività della cooperativa. Il 60 per cento della compagine sociale, nonché del personale della cooperativa devono essere donne, persone giovani o con difficoltà di inserimento nel mercato del lavoro.

Per la domanda di agevolazione deve essere assolto l’obbligo di pagamento della marca da bollo prevista, salvo i casi di esenzione previsti dalla legge.

La domanda di contributo è da presentare prima “dell’avvio del progetto”, pena il rigetto della stessa. L’emissione di documenti di spesa, comprese le fatture di acconto, nonché pagamenti antecedenti la data di presentazione della domanda, determinano l’esclusione dall’agevolazione dell’intero progetto.

Tra le spese ammesse a contributo sono ammesse a contributo gli oneri riflessi quali i contributi previdenziali (ad esempio cassa di previdenza del 4% e ritenuta d'acconto del 20%).

Inoltre, può essere ammessa come spesa agevolabile l’iva, se il beneficiario non è soggetto all’imposta sul valore aggiunto e quest’ultima rappresenta un fattore di costo.

La rendicontazione deve essere presentata entro 30 settembre dell’anno successivo a quello di concessione del contributo o di imputazione della spesa, se diverso. Trascorso inutilmente tale termine, il contributo viene revocato.

(Ultimo aggiornamento del servizio: 17/02/2021)

Ente competente

Ufficio Sviluppo della cooperazione
Palazzo 10, via Crispi 15, 39100 Bolzano
Telefono: 0471 41 49 30
Fax: 0471 41 49 39
E-mail: coop@provincia.bz.it
PEC: gen.coop@pec.prov.bz.it
Website: http://www.provincia.bz.it/
Contatto diretto: Tel: 0471 414933 Email: maud.brouwer@provincia.bz.it

Orario d'ufficio:

Orario d'ufficio:

Dal lunedì al venerdì dalle ore 09.00 alle ore 12.00.

Il giovedì dalle 8.30 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 17.30.

Scadenze

La domanda di contributo deve essere inoltrata prima dell'inizio dell'iniziativa.

La domanda di rendicontazione e la documentazione di spesa devono essere presentate entro settembre dell’anno successivo a quello di concessione del contributo o di imputazione della spesa, se diverso.