Prescrizioni e misure di compensazione

Prescrizioni e misure di compensazione

Prescrizioni

L'Ufficio di tutela del paesaggio valuta i vari interventi sul paesaggio e nell’autorizzazione paesaggistica può prescrivere condizioni per minimizzare o ridurne gli effetti sul paesaggio. Queste condizioni sono divise in:

  • prescrizioni concernenti la conformazione del terreno
  • prescrizioni per armonizzare il progetto (ad. Es. rinverdimenti, scelta di materiale, scelta di colore)
  • prescrizioni concernenti opere di costruzione in campo
  • prescrizioni per edifici, impianti di risalita ed altre installazioni tecniche
  • prescrizioni amministrative

Da anni si assiste ad un passaggio di competenza sempre maggiore, dall’Ufficio Tutela del paesaggio ai comuni, per l'approvazione degli interventi. Nel valutare il progetto è perciò il comune, in particolare la commissione edilizia, la prima istanza per la conservazione e lo sviluppo sostenibile del proprio  paesaggio e della natura. Questa responsabilità richiede un’elevata sensibilità e competenza, dalla progettazione del piano urbanistico alla valutazione di un cosiddetto "intervento minore", dagli amministratori comunali ai singoli tecnici progettisti e alle imprese di costruzione.

Il documento riportato di seguito è un catalogo di prescrizioni standardizzate, dal quale l’Ufficio per la tutela del paesaggio seleziona le condizioni per l’approvazione dei progetti, caso per caso,  e  le adatta, ossia  le completa o le amplia. L'obiettivo è, che anche le autorità comunali ed i progettisti utilizzino questo catalogo di prescrizioni, per garantire l’esecuzione adeguata di interventi nel paesaggio:

Misure di compensazione e sostituzione

Il principio della gestione sostenibile delle risorse naturali richiede non solo strategie di prevenzione e precauzione con un consumo inevitabile di natura e paesaggio, ma anche misure di compensazione e sostituzione paesaggistico-ecologica. Questi termini possono essere spiegati come segue (Wikipedia, 2017):

  • misure compensative: (compensazione in contesto spaziale e funzionale)
    Esempio: sigillatura di un'area o ripristino di un'area già sigillata
  • misure di sostituzione: (compensazione mediante misure generalmente non funzionali ma "equivalenti" in un contesto spaziale)Esempio: un ripristino in un altro sito, piantagioni in un altro sito

Di conseguenza, tutti gli attori dovrebbero considerare nelle loro decisioni lo sviluppo sostenibile del paesaggio, evitare o ridurre al minimo gli interventi sul paesaggio o compensarli con adeguate misure compensative.