Contenuto principale

Prescrizioni e misure di compensazione

In occasione del rilascio dell'autorizzazione paesaggistica possono essere formulate diverse condizioni per minimizzare l'intervento nel paesaggio, suddivise in: 

1. condizioni per interventi che modificano l'andamento del terreno

2. condizioni per misure configurative (rinverdimento)

3. condizioni per diversi elementi costruttivi nel terreno

4. condizioni per costruzioni, impianti di risalita ed altri impianti tecnici

5. condizioni amministrativi

 Interventi nel paesaggio e misure di compensazione

Da anni l'approvazione di interventi nel paesaggio è stata progressivamente delegata dall’Amministrazione provinciale preposta alla tutela del paesaggio alle Amministrazioni comunali. In occasione dell’esame di progetti i Comuni ed in particolare le Commissioni edilizie comunali rappresentano pertanto la prima istanza a garanzia della conservazione e dello sviluppo sostenibile e duraturo della natura e del proprio paesaggio. Tale responsabilità richiede un elevato livello di sensibilità e competenza, a partire dagli amministratori comunali stessi fino ai singoli progettisti ed alle imprese costruttrici, dalle previsioni di piano urbanistico fino all’approvazione dei progetti più modesti. 

La pubblicazione "Interventi nel paesaggio e misure di compensazione" intende offrire a tutti gli “attori in gioco” uno strumento-guida, che possa consentire decisioni compatibili con detto sviluppo. In primo luogo vengono dati suggerimenti, linee guida, e consigli affinché gli interventi nel paesaggio possano essere il più possibile evitati, ridotti oppure compensati con misure adeguate. Tali indicazioni si concretizzano quindi in un catalogo di prescrizioni esecutive standard, dal quale tutti gli organi preposti alla tutela del paesaggio possono di volta in volta scegliere le più adatte per ogni progetto presentato. Lo scopo che si intende raggiungere è che gli amministratori comunali ed i progettisti ne facciano uso, a garanzia di un risultato esecutivo paesaggisticamente ottimale.

(Ultimo aggiornamento: 20/05/2011)