Contenuto principale

Il parco si presenta

Parco naturale Sciliar-Catinaccio – tra antiche culture e nuovi orizzonti


Il Parco naturale Sciliar-Catinaccio è stato istituito nel 1974; cronologicamente è quindi il primo dei sette parchi naturali altoatesini; presenta una superficie pari a 7291 ettari ed è situato nelle Dolomiti Occidentali. Al massiccio dello Sciliar, formato da un unico blocco affiancato dalle note cime Santner ed Euringer, la popolazione locale, attribuisce l’appellativo di “Monte del Destino”. Anche la fama del Catinaccio, con le sue innumerevoli guglie, va ben oltre i confini provinciali. A questo gruppo montuoso appartiene anche il Catinaccio d’Antermoia, che raggiunge i 3002 metri. Anche i boschi attorno a Siusi, Fiè e Tires, così come la Val Ciamin, sono parti del parco.

l parco naturale è parte della Rete ecologica europea Natura 2000, il cui obiettivo è la tutela degli habitat naturali e seminaturali così come delle relative specie animali e vegetali. Le basi normative per l’applicazione di quel progetto sono la direttiva “Habitat” (92/43/CEE) e la direttiva “Uccelli” 2009/147/EG (in passato 79/409/CEE). A norma dell’articolo 6, comma 1 della direttiva „Habitat“ gli stati membri stabiliscono per ogni zona Natura 2000 le misure di conservazione necessarie. A tale scopo in Alto Adige sono stati elaborati specifici piani di gestione.

I comuni del Parco naturale Sciliar–Catinaccio:

  • Castelrotto: 6483 abitanti; superficie complessiva 11.781 ettari, di cui  2313 ettari nel parco.
  • Fié allo Sciliar: 3469 abitanti; superficie. complessiva 4438 ettari, di cui 1955 ettari nel parco.
  • Tires: 975 abitanti; superficie complessiva 4209 ettari, di cui 3023 ettari nel parco.

Parco naturale Sciliar-Catinaccio


Mediante il Comitato di gestione del Parco naturale Sciliar-Catinaccio, i rappresentanti dei Comuni e dei diversi gruppi d’interesse partecipano attivamente alla gestione dell’area protetta. I compiti consistono principalmente nel definire gli interventi di conservazione e di manutenzione, di fare proposte e di approvare annualmente il programma delle attività del parco.

Per aprire i documenti PDF contenuti in questa pagina occorre installare un lettore PDF.
Se non ne hai già installato uno nel tuo sistema, puoi scaricare:
Lettori PDF liberi
un lettore PDF libero
Adobe© Reader©
il programma Adobe© Reader©

Inizio pagina

(Ultimo aggiornamento: 03/03/2015)