Contenuto principale

Il parco si presenta

Parco naturale Tre Cime – La solitudine dei grandi nomi


Il Parco naturale Tre Cime è stato istituito nel 1981. Si estende su una superficie di 11.891 ettari suddivisa tra i Comuni di Dobbiaco, Sesto e San Candido. Il parco è situato nel settore nord-orientale delle Dolomiti ed è delimitato dalla Val Pusteria a nord, dalla Val di Sesto ad est, dal confine con la provincia di Belluno a sud e dalla Val di Landro ad ovest.
L’area protetta è apprezzata per i suoi straordinari paesaggi, le cime e montagne di fama mondiale, prima di tutte le Tre Cime di Lavaredo. Durante la seconda metà del 19° secolo queste montagne sono state visitate da alpinisti provenienti da tutte le parti per compiere imprese pionieristiche. Tuttora oggi scalatori professionisti da tutto il mondo mettono alla prova le loro capacità sulle pareti verticali di questo massiccio montuoso.

l parco naturale è parte della Rete ecologica europea Natura 2000, il cui obiettivo è la tutela degli habitat naturali e seminaturali così come delle relative specie animali e vegetali. Le basi normative per l’applicazione di quel progetto sono la direttiva “Habitat” (92/43/CEE) e la direttiva “Uccelli” 2009/147/EG (in passato 79/409/CEE). A norma dell’articolo 6, comma 1 della direttiva „Habitat“ gli stati membri stabiliscono per ogni zona Natura 2000 le misure di conservazione necessarie. A tale scopo in Alto Adige sono stati elaborati specifici piani di gestione.

I comuni del Parco naturale Tre Cime:

  • Dobbiaco: 3319 abitanti, superfice 12.633 ettari, area coperto dal parco 4.112 ettari
  • Sesto: 1941 abitanti, superficie 8.088 ettari, area coperto dal parco 4.026 ettari
  • San Candido: 3218 abitanti, superficie 8.010 ettari, area coperto dal parco 3.753 ettari

.

Il Comitato di gestione del Parco naturale Tre Cime è un comitato tecnico –consultivo che garantisce ai comuni e ai vari gruppi d’interesse la partecipazione allo sviluppo dell’area protetta. Esso si occupa dei lavori di manutenzione e delle misure di tutela necessarie, elabora proposte e approva annualmente il programma di lavoro del parco.


Per aprire i documenti PDF contenuti in questa pagina occorre installare un lettore PDF.
Se non ne hai già installato uno nel tuo sistema, puoi scaricare:
Lettori PDF liberi
un lettore PDF libero
Adobe© Reader©
il programma Adobe© Reader©

Inizio pagina

(Ultimo aggiornamento: 23/12/2015)