Aperto al traffico tratto della Circonvallazione di Vandoies di Sotto

Oggi, venerdì 17 giugno 2011, il presidente della Provincia Luis Durnwalder e l'assessore provinciale ai lavori pubblici Florian Mussner hanno aperto ufficialmente al traffico il tratto della circonvallazione di Vandoies di Sotto. Opera importante che garantisce maggiore sicurezza e qualità di vita alla popolazione locale e possibilità di sviluppo all'economia della valle.

Con il taglio del nastro è stata aperta ufficialmente al traffico la Circonvallazione di Vandoies di Sotto (FOTO: USP/A.Pertl)

La circonvallazione di Vandoies di Sotto è lunga complessivamente 3,8 chilometri; inizia sulla statale della Pusteria (SS 49) nei pressi del depuratore a Rio Pusteria e termina all'altezza del centro "Lodenwelt". Nel tratto depuratore-sottopasso ferroviario si snoda lungo il precedente tracciato della strada statale (questi due tratti sono stati realizzati nel 2009 e 2010 ed erano già aperti al traffico); dal sottopasso fino al "Lodenwelt" è stato realizzato un nuovo tratto stradale, di 1,8 chilometri, che segue dapprima la linea ferroviaria, sottopassa la ferrovia e si snoda quindi sulla riva destra delle Rienza.

Il presidente della Giunta provinciale Luis Durnwalder e l'assessore provinciale ai lavori pubblici Florian Mussner assieme al sindaco di Vandoies, Walter Huber, oggi, venerdì 17 giugno 2011, hanno aperto ufficialmente al traffico la nuova arteria, dopo l'avvenuta benedizione a cura del parroco Alois Trenkwalder. Erano presenti anche i sindaci di altri Comuni pusteresi d rappresentanti della Comunità comprensoriale.
Some ha detto l'assessore provinciale ai lavori pubblici Florian Mussner, la pianificazione del territorio, la realizzazione di arterie stradali e la mobilità sono due concetti che sono sempre stati strettamente collegati. Molti insediamenti devono il loro sviluppo alla strade attorno alla quale sono cresciuti, perché il traffico era sinonimo di scambio, e scambio significava benessere. Oggi il traffico è diventato un fattore di disturbo ed a questo la pianificazione territoriale risponde spostando il traffico di transito al di fuori dei centri abitati. Esattamente questo viene fatto anche qui a Vandoies dove la circonvallazione porta un evidente sollievo. Questo per gli abitanti di Vandoies significa meno traffico e meno pericolo, e più quiete e più qualità della vita.
La realizzazione di simili collegamenti stradali, come ha preseguito Mussner, costituisce uno degli interventi migliori a livello politico resi possibili grazie all'autonomia provinciale; essi consentono, infatti alle persone di raggiungere agevolmente il posto di lavoro e, poi, la propria abitazione in tempi accettabili ed in sicurezza. Le grandi opere, come la circonvallazione di Vandoies di Sotto, sono necessarie e vanno viste in modo positivo, anche in considerazione del fatto che contribuiscono alla riduzione di incidenti stradali.
La circonvallazione di Vandoies di Sotto, che rientra nei progetti di sistemazione complessiva della statale della Val Pusteria, come ha fatto presente il presidente della provincia Luis Durnwalder, ha risvolti positivi sull'economia locale che, grazie ad infrastrutture moderne, può essere concorrenziale. È proprio con opere che rispondono alle moderne esigenze che in Alto Adige non sono evidenti fenomeni di esodo dalle aree rurali come in altre realtà. La sistemazione della statale pusterese costituisce pertanto una buona decisione. Per garantire una buona mobilità, però, non si è investito solo in opere stradali, ma anche nel potenziamento della linea ferroviaria per agevolare il flusso dei pendolari per motivi di studio e lavoro. Per realizzare grandi opere è necessario avere coraggio a prendere decisioni anche che all'inizio sono impopolari, ma che poi tornano a vantaggio della popolazione ed anche dell'ambiente.
Il sindaco di Vandoies Walter Huber ha affermato che con l'apertura della circonvallazione prende il via na nuova epoca per Vandoies; l'arteria stradale riveste una grande importanza soprattutto per la sicurezza degli abitanti; infatti vengono eliminati tre incroci assai pericolosi.

Il direttore della Ripartizione Infrastrutture Valentino Pagani ha illustrato i dati tecnici della circonvallazione. Come ha riferito, l’opera realizzata e presentata comprende il tratto della SS49 che va dal km 10+515 al km 14+300, ovvero un tratto di rettifica della strada statale esistente e la circonvallazione dell’abitato di Vandoies di Sotto. Il lavoro è parte integrante di un progetto di più ampio respiro, che abbraccia la sistemazione della SS49 nei territori comunali Naz/Sciaves, di Rio Pusteria, e di Vandoies.
La lunghezza totale del tracciato è pari a 3,8 km; il tracciato si può dividere in due tratti: il primo comprende l’adeguamento del tracciato esistente della SS49, mentre il secondo comprende la realizzazione di un tratto di strada nuovo, che costituisce la circonvallazione di Vandoies di Sotto vera e propria. Nel primo tratto, di circa 2250 m, sono stati necessari una serie di adattamenti, livellamenti e rettifiche, nell’idea, però, di mantenere il tracciato originale. A tal fine sono state previste e realizzate una serie di opere di sostegno, comprendenti muri in pietra, terre rinforzate, e terre armate. Inoltre, per lo scavalco dei tre rii esistenti (rio Colle, rio Serges e rio Oberserges) sono stati realizzati tre piccoli ponti e sistemati i loro alvei.
La circonvallazione aggira a sud il paese di Vandoies di Sotto, prolungando la strada parallelamente alla ferrovia e mantenendo l’accesso al centro abitato attraverso l’esistente sottopassaggio ferroviario. Questo accesso si innesta sulla SS49 tramite un incrocio a raso. Il tracciato della circonvallazione prosegue a sud lungo la linea ferroviaria, sovrappassando il rio Fundres e la strada comunale, tramite un ponte a due campate, di 41 metri di lunghezza complessiva, realizzato in struttura mista (acciaio e cemento armato). Immediatamente dopo il sovrappasso citato, il tracciato si abbassa fino a portarsi al di sotto del piano di campagna, coperto alla vista da nord da barriere in terra armata sormontate da una barriera acustica utilizzata anche come superficie per un impianto fotovoltaico (ancora da posizionare e che produrrà 100 kW/h). Tale barrieramento serve, oltre che per coprire totalmente la vista della strada dall’abitato di Vandoies di Sotto, a limitare al paese l’inquinamento acustico provocato dalla strada. La linea ferroviaria viene passata tramite la realizzazione di un sottopassaggio, di lunghezza complessiva pari a circa 54 metri. Proseguendo in direzione est, dopo una risalita dal sottopassaggio ferroviario, dipartono le opere del terzo lotto, che comprendono gli svincoli di accesso per la zona artigianale di Vandoies.
Nel lotto attuale, però, il tracciato stradale viene interrotto immediatamente prima della zona artigianale di Vandoies, dove, tramite un incrocio provvisorio, si consente la reimmissione sul tracciato originale. Tale incrocio, all’atto del prolungamento della circonvallazione, verrà integralmente rimosso, e le strade locali ripristinate. L’opera principale e più delicata del lotto è il sottopassaggio ferroviario, inserito in una vasca impermeabile di circa 480 m di lunghezza, per una larghezza complessiva di circa 15 metri.
Il costo totale dell'opera è di 27,9 milioni di Euro. Già il prossimo autunno dovrebbero essere predisposti i progetti per il terzo lotto di lavori relativi alla circonvallazione di Vandoies di Sopra, e quindi addivenire all'appalto delle opere.

SA

Galleria fotografica

Pusteria: Vandoies di Sotto ha la sua circonvallazione

L'Assessore Mussner sul valore del progetto

L'Assessore Mussner sui vantaggi per la popolazione

Il Presidente Durnwalder sull'importanza della circonvallazione