Widmann a Nantes studia il sistema metrobus

Il funzionamento del sistema metrobus e la compatibilità di questo modello di trasporto pubblico con un efficiente collegamento tra l'Oltradige e Bolzano: sono i due aspetti al centro della visita di due giorni dell'assessore provinciale alla mobilità Thomas Widmann a Nantes con una delegazione di amministratori comunali di Bolzano, Appiano e Caldaro. Nella città francese il metrobus è una realtà da anni. La visita si conclude domani (martedì 20).

Minimetro, tram, impianto a fune, metrobus: per il servizio di trasporto pubblico tra l'Oltradige e Bolzano negli ultimi anni sono stati analizzati diversi modelli. Gli esperti incaricati dall'Assessorato provinciale alla mobilità - dopo uno studio specifico complessivo e un'indagine tra gli interessati - hanno individuato nel metrobus la soluzione favorita. "Un sistema valido soprattutto per il collegamento tra l'Oltradige e il capoluogo, mentre per la mobilità interna a Bolzano anche un tram potrebbe essere adeguato", sottolinea l'assessore Widmann.

Punti a favore dell'opzione metrobus sono indubbiamente la possibilità di avviare il sistema in tempi brevi e il finanziamento accessibile. "Il metrobus si presenta inoltre come l'unica soluzione in grado di alleggerire significativamente il traffico veicolare e di essere realizzata senza creare problemi all'infrastruttura giá esistente", aggiunge Widmann.

Per studiare il modello metrobus assieme ai rappresentanti dei Comuni interessati, l'assessore Widmann è in visita oggi e domani a Nantes, "dove il sistema è una realtà da anni e con risultati positivi", spiega. In Francia la delegazione esamina oggi il funzionamento effettivo del mezzo di trasporto, mentre domani è in programma l'incontro con i vertici della TAN, la società francese che gestisce il metrobus.

 

pf