Salta la navigazione

News

Conoscere da vicino "I serpenti dell'Alto Adige"

Conoscere le caratteristiche e le particolarità dei serpenti che vivono in Alto Adige: l'occasione è fornita dalla mostra "I serpenti dell'Alto Adige", inaugurata dall'assessore provinciale all'ambiente Richard Theiner oggi pomeriggio (15 gennaio) a Bolzano nel Palazzo provinciale 11.

L'assessore Theiner ha inaugurato la mostra con il direttore regente dell'Ufficio parchi naturali Enrico Brutti e il curatore Ivan Plasinger (a destra) Foto USP/mb

Sono otto le specie di serpenti presenti in Alto Adige, tre delle quali sono vipere velenose, e tutte sono sottoposte a tutela. A loro è dedicata la mostra itinerante "I serpenti in Alto Adige: creature innocue o serprenti velenosi?" promossa dall'Ufficio provinciale parchi naturali per sensibilizzare e avvicinare il pubblico alle specie locali di rettili. La mostra, che ha già fatto tappa nel centri visita dei parchi naturali e del parco nazionale, è stata inaugurata a Bolzano dall'assessore Richard Theiner.

"I serpenti non godono di buona fama, molti li collegano a paura e spavento, ma è importante fare un lavoro di informazione, avvicinare le persone al mondo dei rettili e sensibilizzare", ha sottolineato l'assessore provinciale all'ambiente Richard Theiner all'apertura della mostra itinerante. L'obiettivo della mostra è infatti quello di eliminare paure spesso immotivate: il pubblico potrà ammirare da vicino i serpenti nei terrari che simulano gli habitat naturali. A fare gli onori di casa è stato poi il curatore della mostra, Ivan Plasinger.

Attualmente si conoscono circa 2700 specie di serpenti nel mondo, dei quali solo 27 in Europa, 17 in Italia e come detto 8 in Alto Adige. "Svolgono un ruolo importante nel mantenimento dell'equilibrio ecologico", ha sottolineato Plasinger. La mostra affronta anche il tema della prevenzione nei casi di morso di serpente: in Alto Adige si registrano una ventina di casi l'anno, dei quali solo 3 o 4 di vipere. "Questi ultimi sono morsi velenosi ma non mortali. Possono tuttavia essere pericolosi per bambini piccoli e persone anziane", ha detto Plasinger. L'esposizione resta aperta fino al 24 marzo, ogni giorno da lunedì a venerdì, orario 8-17, nel palazzo provinciale 11 in via Renon 4 a Bolzano. Vengono offerte anche visite guidate per gruppi e scolaresche. Ulteriori informazioni all'Ufficio parchi naturali, tel. 0471/417770 (Ivan Plasinger).

  

 

pf

Galleria fotografica

Altri comunicati stampa di questa categoria