Tutti i comunicati

Giornata mondiale sulla sindrome di Down (21 marzo)

Nota dell’assessora provinciale alla sanità, Martha Stocker, in occasione della Giornata mondiale sulla sindrome di Down che si celebra martedì 21 marzo.

L'assessora Martha Stocker nel corso della visita al laboratorio protetto KIMM di Cardano

“È compito di tutta la società quello di aprire nuove opportunità d’integrazione e di piena inclusione alle persone affette dalla sindrome di Down.

Oltre Ad una sempre maggiore integrazione sul posto di lavoro dobbiamo continuare ad impegnarci per la sensibilizzazione e l’accettazione da parte della società” sottolinea l’assessora provinciale alla sanità ed alle politiche sociali, Martha Stocker, in occasione della Giornata mondiale sulla sindrome di Down che si celebra martedì 21 marzo.

Con la legge provinciale sull’inclusione del 2015 e le sue norme di attuazione è stata creata in Alto Adige una solida base per un maggiore coinvolgimento delle persone disabili nella vita della società puntando soprattutto verso l’auto determinazione e l’auto responsabilizzazione.

Non è un caso che la Giornata mondiale sulla sindrome di Down si celebri il 21 marzo in quanto la sindrome di Down, detta anche Trisomia 21, è caratterizzata dalla presenza di un cromosoma in più (tre invece di due) nella coppia cromosomica numero 21 all'interno delle cellule.

In Alto Adige sono nati negli ultimi 12 anni 78 bambini affetti dalla sindrome di Down. L’assessora Stocker è convinta che tutti possano contribuire in maniera significativa da una maggiore accettazione di questi bambini ed aggiunge “Le persone con la sindrome di Down ed i loro congiunti devono superare più ostacoli di molti altri componenti della nostra società.

Dobbiamo quindi considerare questa diversità con rispetto, apertura mentale ed un atteggiamento inclusivo. Apprendere e lavorare rapprendevano due presupposti importanti per il rafforzamento dell’autostima delle persone”.

Nel corso della sua recente visita al laboratorio protetto KIMM di Cardano l’assessora ha potuto constatare direttamente come  le persone con la sindrome di Down possano acquisire, grazie ad un opportuno sostegno, una maggiore autonomia e possano quindi assumersi una maggiore responsabilità nella gestione della loro quotidianità.

Quest’anno il gruppo di lavoro sulla sindrome di Down in seno all’Associazione genitori di persone in situazione di handicap (AEB) in occasione della Giornata mondiale ha deciso di promuovere un’iniziativa nuova ed in collaborazione con la scuola di circo “Circomix” sabato 25 marzo, dalle ore 14 alle 17,30, organizza in un tendone da circo a Vandoies  un pomeriggio di divertimento rivolto a bambini con e senza la sindrome di Down incentrato sulla danza, la giocoleria, le acrobazie e la musica.

Già da anni questa iniziativa viene promossa da Circomix a favore di bambini con la sindrome di Down con buoni risultati e progressi sia sotto il profilo motorio che cognitivo, nonché un aumento dell’autostima nelle proprie capacità.

“Questa iniziativa è un contributo prezioso per l’inclusione e siamo molto riconoscenti ai promotori di questo progetto” sottolinea l’assessora Stocker.

Per ulteriori informazioni sulla manifestazione gli interessati possono contattare l’Associazione genitori di persone in situazione di handicap al numero telefonico: 0471 289100.

 

 

FG

Galleria fotografica